Guido Gatti

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando l'omonimo cestista, vedi Guido Carlo Gatti.

Guido Gatti (Chieti, 30 maggio 18921973) è stato un giornalista e critico musicale italiano.

È stato giornalista e redattore del giornale torinese La Riforma Musicale, negli anni che vanno dal 1913 al 1916. Fu uno dei promotori e fondatori della rivista musicale Il Pianoforte, che nel 1928 cambiò il nome in La Rassegna Musicale e la città di produzione da Torino a Roma.

Ha diretto il Teatro di Torino dal 1925 al 1931, il Maggio Musicale Fiorentino ed il Congresso Internazionale di Musica di Firenze.

È stato il responsabile della divisione musicale del Dizionario delle Opere e dei Personaggi, edito da Bompiani, oltre ad aver collaborato alla Cyclopaedie Dictionary of Music di Dunstan e alla Grove's Dictionary of Music and Musicians. Nel 1938 è Frulla in L'Amfiparnaso di Orazio Vecchi con Licia Albanese, Fernando Farese, Carlo Minello e Micaela Giustiniani al Teatro Comunale di Firenze e Le Beau in Come vi piace di William Shakespeare per la regia di Jacques Copeau con Massimo Pianforini, Enzo Biliotti, Sandro Ruffini, Farese, Nerio Bernardi, Umberto Melnati, Giuseppe Pierozzi, Franco Scandurra, Checco Rissone, Nella Bonora, Letizia Bonini e Zoe Incrocci al Giardino di Boboli di Firenze. Nel 1939 è Frulla in L'Amfiparnaso con Attilia Radice al Teatro della Pergola e recita il Prologo ne La strega di Vito Frazzi per il dramma di Anton Francesco Grazzini con Alberto Archetti in Piazza de' Peruzzi di Firenze.

Numerose sono state le sue collaborazioni con riviste specializzate, quali Revue Musicale e Musical America ed il Grove Dictionary of Music and Musicians (nel 1954).

Tra le pubblicazioni vi sono: Figure di musicisti francesi (1915), Musicisti moderni d'Italia e fuori (1920), Ildebrando Pizzetti (1934). [1]

Ha sposato la nota arpista Clelia Gatti Aldrovandi.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ "Dizionario di musica", di A.Della Corte e G.M.Gatti, Paravia, 1956,pag.249
Controllo di autorità VIAF: (EN36965982 · ISNI: (EN0000 0001 0888 0426 · BNF: (FRcb122060398 (data)