Gregorio da Montelongo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Gregorio da Montelongo
patriarca della Chiesa cattolica
PrimateNonCardinal PioM.svg
Incarichi ricoperti Patriarca di Aquileia (1251-1269)
Nato 1200 ca.
Nominato patriarca 1251
Deceduto 8 settembre 1269, Cividale del Friuli

Gregorio da Montelongo (Ferentino, 1200 circa – Cividale del Friuli, 8 settembre 1269) è stato un patriarca cattolico italiano, Patriarca di Aquileia dal 1251 al 1269.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nacque da Lando di Montelongo, appartenente ad una famiglia imparentata con i Conti di Segni, cui apparteneva anche papa Innocenzo III[1], cugino del padre. La casata era originaria di Montelongo (territorio tra Ferentino ed Alatri [1]). Fu dapprima legato papale in Lombardia dal 1238, dove guidò la coalizione delle città guelfe contro l'Imperatore Federico II. Nel 1247 fu inviato da papa Innocenzo IV a Parma per guidare la difesa della città nell'assedio che si concluse nel febbraio dell'anno successivo con la vittoria dei parmensi. Nel 1251 venne nominato patriarca di Aquileia (anche se per la consacrazione si dovrà attendere il 1256); qui egli guidò la fazione guelfa contro Federico II, in risposta Corrado IV (erede e figlio di Federico II) sobilla i comuni istriani alla rivolta.

Denaro
Gregorio di Montelongo.jpg
GREGORI ELECTUS Patriarca in piedi di fronte reggente Vangelo CIVITAS AQUILEGIA Patriarca e Sant'Ermacora in piedi di fronte reggono bastone con croce
AR Denaro (21mm, 1.12 g, 6h)

Gregorio si impegnò inoltre per preservare e rafforzare l'integrità territoriale e spirituale del Patriarcato: partecipò alla crociata contro Ezzelino III da Romano,essendo presente di persona alla difesa di Padova (settembre 1255) ed inviando truppe ai crociati fino al 1257; riuscì inoltre ad occupare l'enclave austriaca di Pordenone (1262). Cessata la minaccia rappressentata dai ghibellini e particolarmente da Ezzelino, affrontò Ulrico III duca di Carinzia e Alberto I di Gorizia, che fece assassinare Giacomo d'Orzone, vicedomino vescovo di Concordia ed il suo seguito presso il colle di Medea (1268) e catturò il patriarca a Villanova dello Judrio (20 luglio 1267), liberandolo solo il 27 agosto dopo che gli fu garantita l'impunità e ottenendo un accordo di pace (1259).

Gregorio non dimenticò l'affronto ma morì mentre era impegnato nelle operazioni militari contro lo stesso Alberto. Siglò inoltre nel 1268 un accordo con la Serenissima in cui si fissavano i confini delle rispettive pertinenze in Istria, territorio che sarà a lungo conteso fra i due stati. Sul fronte della politica interna il patriarca concesse il castello di Cassacco in feudo alla nobile famiglia di Montegnacco (1254) ed un mercato a Tolmezzo (1258).

Note[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Pio Paschini, Gregorio di Montelongo patriarca d'Aquileia, Memorie Storiche Forogiuliesi-Anno XII-XIV, pp. 25-84, 1918.
  • Gianfranco Ellero, Storia dei friulani, Udine, Grafiche Fulvio, 1974.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Vescovo titolare di Tripoli di Fenicia Successore BishopCoA PioM.svg
Alberto 1249 - 1251 Opizo
Predecessore Patriarca di Aquileia Successore PrimateNonCardinal PioM.svg
Bertoldo di Andechs-Merania 1251 - 1269 Filippo di Carinzia
(non confermato dal pontefice)
Predecessore Principe dello Stato patriarcale di Aquileia Successore Friuli Arms.svg
Bertoldo di Andechs-Merania 1251 - 1269 Filippo di Carinzia
Controllo di autorità VIAF: (EN89295560