Gran Premio motociclistico d'Austria 1983

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Austria GP d'Austria 1983
362º GP della storia del Motomondiale
6ª prova su 12 del 1983
Track map for Salzburgring in Austria.svg
Data 29 maggio 1983
Nome ufficiale 25° GP d'Austria
Luogo Salzburgring
Percorso 4,241 km
Circuito permanente
Risultati
Classe 500
318º GP nella storia della classe
Distanza 31 giri, totale 131,459 km
Pole position Giro veloce
Stati Uniti Kenny Roberts Stati Uniti Randy Mamola
Yamaha in 1'17.89 Suzuki in 1'18"11
Podio
1. Stati Uniti Kenny Roberts
Yamaha
2. Stati Uniti Eddie Lawson
Yamaha
3. Stati Uniti Randy Mamola
Suzuki
Classe 250
326º GP nella storia della classe
Distanza 13+18 giri, totale 131,459 km
Pole position Giro veloce
Belgio Didier de Radiguès Francia Thierry Espié
Chevallier in 1'25.37 Chevallier in 1'25"27
Podio
1. Germania Manfred Herweh
Real
2. Belgio Didier de Radiguès
Chevallier
3. Francia Thierry Espié
Chevallier
Classe 125
316º GP nella storia della classe
Distanza 27 giri
Pole position Giro veloce
Italia Eugenio Lazzarini Spagna Ángel Nieto
Garelli Garelli in 1'29"91
Podio
1. Spagna Ángel Nieto
Garelli
2. Italia Eugenio Lazzarini
Garelli
3. Italia Pier Paolo Bianchi
Sanvenero
Classe sidecar
220º GP nella storia della classe
Distanza 27 giri
Pole position Giro veloce
Svizzera Rolf Biland Francia Alain Michel
LCR-Yamaha LCR-Yamaha in 1'26"20
Podio
1. Svizzera Rolf Biland
LCR-Yamaha
2. Germania Ovest Werner Schwärzel
Seymaz-Yamaha
3. Paesi Bassi Egbert Streuer
LCR-Yamaha

Il Gran Premio motociclistico d'Austria fu il sesto appuntamento del motomondiale 1983, si trattò della dodicesima edizione del Gran Premio motociclistico d'Austria valido per il motomondiale.

Si svolse il 29 maggio 1983 a Salisburgo e gareggiarono le classi 125, 250, 500 oltre ai sidecar. Ottennero la vittoria Kenny Roberts in classe 500, Manfred Herweh in 250 e Ángel Nieto in 125[1][2]. Tra le motocarrozzette vinse l'equipaggio svizzero Rolf Biland-Kurt Waltisperg.

Classe 500[modifica | modifica wikitesto]

Il podio della classe regina è stato interamente occupato da piloti statunitensi: al primo posto Kenny Roberts seguito da Eddie Lawson e Randy Mamola.

La classifica provvisoria del campionato è ancora guidata da un altro statunitense, Freddie Spencer, che vede però diminuire il vantaggio su Roberts.

Arrivati al traguardo[modifica | modifica wikitesto]

Pos. Pilota Moto Tempo Griglia Punti
1 Stati Uniti Kenny Roberts Yamaha 41:26.84 1 15
2 Stati Uniti Eddie Lawson Yamaha +6.04 3 12
3 Stati Uniti Randy Mamola Suzuki +17.16 4 10
4 Giappone Takazumi Katayama Honda +20.91 5 8
5 Italia Franco Uncini Suzuki +38.95 9 6
6 Francia Marc Fontan Yamaha +40.81 6 5
7 Italia Marco Lucchinelli Honda +58.13 8 4
8 Paesi Bassi Jack Middelburg Honda +1:04.53 13 3
9 Svizzera Sergio Pellandini Suzuki +1:04.78 10 2
10 Paesi Bassi Boet van Dulmen Suzuki +1:12.41 11 1
11 Italia Giovanni Pelletier Honda +1:17.48 18
12 Regno Unito Keith Huewen Suzuki +1 giro 15
13 Regno Unito Barry Sheene Suzuki +1 giro 14
14 Regno Unito Chris Guy Suzuki +1 giro 19
15 Italia Maurizio Massimiani Honda +1 giro 21
16 Svizzera Philippe Coulon Suzuki +1 giro 24
17 Svezia Peter Sjöström Suzuki +1 giro 23
18 Germania Ernst Gschwender Suzuki +1 giro 20
19 Italia Fabio Biliotti Honda +1 giro 31
20 Svizzera Wolfgang von Muralt Suzuki +1 giro 26
21 Italia Walter Migliorati Suzuki +1 giro 17
22 Regno Unito Steve Parrish Yamaha +1 giro 27
23 Italia Virginio Ferrari Cagiva +1 giro 16
24 Italia Leandro Becheroni Suzuki +1 giro 22
25 Germania Alfons Amerschläger Suzuki +2 giri 33
26 Svezia Beni Slydal Suzuki +2 giri 35
27 Austria Josef Ragginger Suzuki +2 giri 37
28 Danimarca Børge Nielsen Suzuki +2 giri 36
29 Austria Franz Kaserer Suzuki +3 giri 34

Ritirati[modifica | modifica wikitesto]

Pilota Moto Motivo Griglia
Stati Uniti Freddie Spencer Honda 1
Italia Paolo Ferretti Suzuki 25
Germania Anton Mang Suzuki 32
Regno Unito Ron Haslam Honda 7
Svizzera Andreas Hofmann Suzuki 28
Francia Raymond Roche Honda 12

Classe 250[modifica | modifica wikitesto]

Disturbata dal maltempo la gara è stata interrotta al 14º giro e poi è stata data una nuova partenza per ulteriori 18 giri; il risultato finale è stato per somma dei tempi e ha visto vincitore il pilota tedesco Manfred Herweh che ha preceduto il belga Didier de Radiguès e il francese Thierry Espié[2].

Grazie al secondo posto ottenuto, de Radigués ha sopravanzato in classifica il precedente capofila, il venezuelano Carlos Lavado.

Arrivati al traguardo[modifica | modifica wikitesto]

Pos. Pilota Moto Tempo Griglia Punti
1 Germania Manfred Herweh Real 46.00.02 16 15
2 Belgio Didier de Radiguès Chevallier 46.00.44 1 12
3 Francia Thierry Espié Chevallier 46.01.06 9 10
4 Francia Christian Sarron Yamaha 46.01.29 11 8
5 Germania Martin Wimmer Yamaha 46.01.52 6 6
6 Francia Hervé Guilleux Kawasaki 46.02.30 3 5
7 Venezuela Carlos Lavado Yamaha 46.02.48 8 4
8 Germania Reinhold Roth Yamaha 46.03.67 14 3
9 Svizzera Jacques Cornu Yamaha 46.04.05 5 2
10 Francia Guy Bertin MBA 46.13.42 7 1
11 Francia Patrick Fernandez Bartol 46.16.10 13
12 Francia Jean-François Baldé Chevallier 46.21.02 2
13 Francia Jean-Louis Guignabodet Rotax 46.51.00 27
14 Svizzera Bruno Lüscher Yamaha 46.58.10 24
15 Regno Unito Donnie McLeod Yamaha 46.59.22 37
16 Francia Christian Estrosi Pernod 47.00.98 30
17 Regno Unito Tony Head Armstrong 47.01.29 28
18 Venezuela Ivan Palazzese Yamaha 47.07.12 10
19 Francia Gabriel Grabia Yamaha 47.12.36 35
20 Svizzera Edwin Weibel Yamaha 47.15.23 31
21 Austria Manfred Obinger Yamaha 47.34.98 21
22 Germania Herbert Hauf Yamaha 47.25.34 34

Classe 125[modifica | modifica wikitesto]

Per la quarta volta consecutiva nella stagione i primi due posti sono stati occupati dai due piloti ufficiali della Garelli, con Ángel Nieto davanti a Eugenio Lazzarini; i due piloti sono anche ai primi due posti della classifica generale.

Al terzo posto, sia in questa gara che nella classifica generale, l'italiano Pier Paolo Bianchi[2].

Arrivati al traguardo[modifica | modifica wikitesto]

Pos. Pilota Moto Tempo Griglia Punti
1 Spagna Ángel Nieto Garelli 41.03.88 2 15
2 Italia Eugenio Lazzarini Garelli 41.05.37 1 12
3 Italia Pier Paolo Bianchi Sanvenero 41.42.29 10 10
4 Italia Fausto Gresini MBA 41.42.59 5 8
5 Austria August Auinger MBA 41.42.90 7 6
6 Italia Maurizio Vitali MBA 41.51.49 6 5
7 Finlandia Johnny Wickström MBA 41.51.69 13 4
8 Belgio Lucio Pietroniro MBA 41.51.89 12 3
9 Svizzera Hans Müller MBA 41.53.61 3 2
10 Germania Gerhard Waibel MBA 41.54.56 15 1
11 Spagna Ricardo Tormo MBA 41.56.01 8
12 Paesi Bassi Henk van Kessel MBA 42.07.13 14
13 Italia Stefano Caracchi MBA 1 giro 18
14 Italia Pierluigi Aldrovandi MBA 1 giro 19
15 Argentina Hugo Vignetti MBA 1 giro 23
16 Francia Jean-Claude Selini MBA 1 giro 21
17 Francia Jacky Hutteau MBA 1 giro 34
18 Germania Alfred Waibel Real 1 giro 32
19 Jugoslavia Janez Pintar MBA 1 giro 26
20 Germania Helmut Lichtenberg MBA 1 giro 28
21 Jugoslavia Alojz Pavlič Bartol 1 giro 31
22 Paesi Bassi Anton Straver MBA 1 giro 27
23 Svizzera Rolf Rüttimann MBA 1 giro 22
24 Italia Giuseppe Ascareggi MBA 1 giro 24
25 Argentina Willy Pérez MBA 1 giro 17
26 Spagna Andrés Sánchez MBA 2 giri 36

Classe sidecar[modifica | modifica wikitesto]

L'equipaggio Rolf Biland-Kurt Waltisperg torna alla vittoria in Austria, battendo con ampio margine Werner Schwärzel-Andreas Huber dopo un duello nella fase iniziale della gara. Arrivano terzi Egbert Streuer-Bernard Schnieders, i principali rivali di Biland nel mondiale[3].

Dopo tre gare Biland guida la classifica con 30 punti, seguono Streuer a 25, Schwärzel a 22 e Michel (qui sesto dopo essere stato costretto a un pit-stop imprevisto) a 17[4].

Arrivati al traguardo (posizioni a punti)[5][modifica | modifica wikitesto]

Pos Pilota Passeggero Moto Tempo Punti
1 Svizzera Rolf Biland Svizzera Kurt Waltisperg LCR-Yamaha 39'24"36 15
2 Germania Ovest Werner Schwärzel Germania Ovest Andreas Huber Seymaz-Yamaha 39'54"42 12
3 Paesi Bassi Egbert Streuer Paesi Bassi Bernard Schnieders LCR-Yamaha 40'06"96 10
4 Regno Unito Frank Wrathall Regno Unito Phil Spendlove Seymaz-Yamaha 8
5 Svizzera Alfred Zurbrügg Svizzera Martin Zurbrügg Seymaz-Yamaha 6
6 Francia Alain Michel Francia Claude Monchaud LCR-Yamaha 5
7 Germania Ovest Siegfried Berger Germania Ovest Edwin Berger Ohrmann-Yamaha 4
8 Paesi Bassi Theo van Kempen Paesi Bassi Geral de Haas LCR-Yamaha 3
9 Italia Amedeo Zini Italia Carlo Sonaglia LCR-Yamaha 2
10 Finlandia Pentti Niinivaara Finlandia Vesa Bienek LCR-Yamaha 1

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Roberts riapre il discorso con Spencer, La Stampa, 30 maggio 1983. URL consultato il 10 aprile 2016.
  2. ^ a b c (ES) Nieto, tambien imparable en el G.P. de Austria, su hemeroteca.mundodeportivo.com, 30 maggio 1983. URL consultato il 10 aprile 2016.
  3. ^ (NL) Egbert Streuer: snelheid tekort, Nieuwsblad van het Noorden, 30 maggio 1983, p. 17. URL consultato il 30 ottobre 2017.
  4. ^ (FR) 32e victoire de Biland, La Liberté, 30 maggio 1983, p. 21. URL consultato il 28 ottobre 2017.
  5. ^ Tabella dei risultati su racingmemo.free, su racingmemo.free.fr. URL consultato il 17 maggio 2016.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Motomondiale - Stagione 1983
Flag of South Africa (1928–1994).svg Flag of France.svg Flag of Italy.svg Flag of Germany.svg Flag of Spain.svg Flag of Austria.svg Flag of Yugoslavia (1943–1992).svg Flag of the Netherlands.svg Flag of Belgium.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Sweden.svg Flag of San Marino.svg
  Fairytale up blue.png

Edizione precedente:
1982
Gran Premio motociclistico d'Austria
Altre edizioni
Edizione successiva:
1984