Giuseppe Maschi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Giuseppe Maschi
Giuseppe Maschi.jpg
Giuseppe Maschi con la maglia dell'Arezzo (1966)
Nazionalità Italia Italia
Altezza 184 cm
Peso 81 kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Portiere
Ritirato 1974
Carriera
Giovanili
1962-1963 Bologna
Squadre di club1
1963-1964 Riccione 20 (-?)
1964-1966 Bologna 0 (0)
1966-1968 Arezzo 41 (-31)
1968-1970 Catanzaro 55 (-?)
1970-1974 Brindisi 67 (-?)
1975-1976 Chievo ? (-?)
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Giuseppe Maschi (Verona, 11 marzo 1944) è un ex calciatore italiano, di ruolo portiere.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Cresciuto nel Bologna, debutta in Serie D nel 1963 con il Riccione prima di tornare al Bologna dove non scende mai in campo in gare di campionato.

Nel 1966 passa all'Arezzo dove debutta in Serie B disputando 14 gare nella stagione 1966-1967 che vede i toscani retrocedere, e rimane in amaranto anche nel successivo campionato di Serie C.

Passa poi al Catanzaro, giocando due stagioni in serie cadetta, e nel 1970 si trasferisce al Brindisi, con cui vince il campionato di Serie C 1971-1972 e termina la carriera da professionista nel 1974.

Nel 1975-1976 ritorna a giocare in Serie D con il Chievo Verona, mentre la stagione 1976-1977 gioca in Serie D nell'Audace San Michele Extra.

Conta complessivamente 84 presenze in cinque campionati di Serie B giocati con Arezzo, Catanzaro e Brindisi.

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni nazionali[modifica | modifica wikitesto]

Brindisi: 1971-1972

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Arrigo Beltrami (a cura di), Almanacco illustrato del Calcio, Modena, Edizioni Panini, 1970, p. 48.
  • Arrigo Beltrami (a cura di), Almanacco illustrato del Calcio, Modena, Edizioni Panini, 1971, p. 219.
  • Emiliani - Fontanelli, Amaranto siamo noi - La storia dell'Arezzo Calcio, GEO Edizioni, Empoli (FI), 2015, p.165, 169

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]