Giuseppe Basini

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando l'omonimo deputato (1832-1894), vedi Giuseppe Basini (deputato).
Giuseppe Basini
Giuseppe Basini daticamera 2018.jpg

Deputato della Repubblica Italiana
Legislature XVIII
Gruppo
parlamentare
Lega - Salvini Premier
Circoscrizione Lazio 1
Sito istituzionale

Senatore della Repubblica Italiana
Legislature XIII
Gruppo
parlamentare
Alleanza Nazionale
Circoscrizione Emilia-Romagna
Sito istituzionale

Dati generali
Partito politico Partito Liberale Italiano (dal 2004)
In precedenza:
PLI (fino al 1995)
AN (1995-2001)
DLI (2001-2004)
Titolo di studio Laurea in Fisica Nucleare
Università Università degli Studi di Roma La Sapienza
Professione Dirigente di ricerca presso l'Istituto Nazionale di Fisica Nucleare

Giuseppe Basini (Reggio nell'Emilia, 10 febbraio 1947) è un fisico e politico italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nato a Reggio nell'Emilia, da sempre vive a Roma.

Attività accademica[modifica | modifica wikitesto]

Dopo la laurea in fisica nucleare, conseguita all'università di Roma, ha ricoperto incarichi di ricerca in vari paesi (Stati Uniti, Francia, Germania, Svizzera) per molte istituzioni scientifiche (NASA, CEA, CERN) percorrendo i gradi della carriera accademica fino al rango di dirigente di ricerca dell'Istituto nazionale di fisica nucleare (INFN).

Nel marzo 2010 è stato invitato per la sua teoria Open Quantum Relativity ad assumere la posizione di guest professor presso il CERN di Ginevra. Ha inoltre ricoperto, in qualità di esperto indicato dal Ministero degli Esteri, l'incarico di membro della Commissione Sostituzione Materiali della Comunità Economica Europea, per lo studio della possibilità economica di sostituzione dei materiali rari o in via d'esaurimento. Attualmente ha al suo attivo oltre 290 pubblicazioni scientifiche, essenzialmente su riviste specializzate.

La sua attività si è concentrata dapprima nel campo della fisica subnucleare sperimentale con esperimenti al CERN e a DESY (Amburgo), partecipando agli esperimenti MASS[1], MASS-SAT[2], WiZard[3] condotti tramite palloni aerostatici e apparati stratosferici, precursori di successivi esperimenti sulla stazione spaziale e su satelliti, tra cui PAMELA[4]. In seguito, in collaborazione con Salvatore Capozziello, la sua attività scientifica si è indirizzata nel settore della fisica teorica, segnatamente nel filone dei tentativi di unificazione fra teoria della relatività e meccanica quantistica. La proposta teorica da loro avanzata, nata da una soluzione da loro individuata del paradosso Einstein-Podolsky-Rosen[5], è la prima a dimostrare matematicamente la possibilità di due frecce del tempo in un modo coerente con la meccanica quantistica e la relatività[6][7], ed è nota negli ambienti accademici internazionali come Open Quantum Relativity[8].

Attività politica[modifica | modifica wikitesto]

Da Alleanza Nazionale al Partito Liberale Italiano[modifica | modifica wikitesto]

Attivo nella politica giovanile fin dal periodo universitario Basini ha militato nella Gioventù Liberale Italiana e poi nel Partito Liberale Italiano.

Dopo la svolta a sinistra di Mario Segni nel 1993 della quale Basini[9] fu tra i primi oppositori insieme a Indro Montanelli, Enzo Savarese e Gian Nicola Amoretti prese parte alla fondazione di Alleanza Nazionale. Fra i relatori al banco del primo congresso di Fiuggi, Basini si candidò alle Europee del 1994, posizionato secondo nella lista della circoscrizione Nord Est dietro Gianfranco Fini, ottenendo oltre diecimila preferenze.

L'elezione al senato[modifica | modifica wikitesto]

Alle elezioni politiche del 1996 è stato eletto al Senato della Repubblica, nelle liste di AN in Emilia-Romagna.

In AN Basini, membro dell'ufficio politico e della direzione nazionale, mantenne una posizione di destra liberale e reaganiana, vicina ed alleata alle posizioni della corrente Destra e Libertà guidata da Adolfo Urso ed Altero Matteoli, come testimoniano le posizioni di critica anche forte assunte per esempio dopo la svolta di Verona,[10] fino alla sua decisione di dimettersi dalla direzione di AN nel 2001 per divergenze con la presidenza sulla linea del partito.

Giuseppe Basini

Nel 2001 fonda, insieme a Gian Nicola Amoretti e a Gabriele Pagliuzzi, il movimento politico Destra Liberale Italiana, andato poi a confluire nel Partito Liberale Italiano all'atto della sua ricostituzione il 3-4 dicembre 2004 a Roma sulla base di un programma scritto anche con il suo contributo.[11]

Al primo congresso del PLI è stato eletto dai delegati Presidente del Consiglio Nazionale del partito. Nel frattempo ha ricoperto in qualità di esperto l'incarico di membro della commissione per la comunicazione ambientale del Ministero dell'ambiente guidato da Altero Matteoli (2004-2006).

Nel novembre 2010, Basini, secondo il quale il centro-destra nel corso degli anni aveva tradito sia la sua ispirazione liberale sia quella patriottica, essendo Forza Italia divenuta ostaggio della Lega Nord di Bossi, annunciò il suo interesse per il costituendo Nuovo Polo per l'Italia, in accordo con il presidente dell'UDC Rocco Buttiglione.[12] Il progetto, tuttavia, fu abbandonato per il tramonto dell'ipotesi del Partito della Nazione e il successivo accordo terzopolista dell'UDC con Scelta Civica per le elezioni politiche italiane del 2013.

Successivamente Basini ha riunito un gruppo di liberali-nazionali in un congresso a Roma con la partecipazione di[13] Giorgia Meloni[14] ed altri esponenti storici del centrodestra come Adolfo Urso, Enzo Savarese, Gabriele Pagliuzzi e Rocco Buttiglione[15].

L'accordo con la Lega e l'elezione alla Camera[modifica | modifica wikitesto]

Alle elezioni politiche del 2018, come esponente del PLI nelle liste della Lega, è stato eletto alla Camera dei Deputati nel circoscrizione Lazio 1. Una candidatura liberale in questo partito, secondo Basini, è divenuta possibile grazie ai profondi cambiamenti di linea impressi da Matteo Salvini, che ha posto fine alla collocazione ristretta al nord della Lega, attuando una effettiva svolta nazionale [16].

È autore di due monografie: "La ragione e il cammino incantato" (trasposizione poetica delle leggi della fisica, con prefazione del Prof. Nicola Cabibbo e del Prof. Renato Angelo Ricci, all'epoca presidenti rispettivamente dell'INFN e della European Physical Society)[17] e "De Libertate" (trattato di politica liberale, con le prefazioni di Silvio Berlusconi, Renato Angelo Ricci e Gabriele Pagliuzzi).[18]

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • Giuseppe Basini, La ragione e il cammino incantato. Poesia, storia e frontiere della Fisica, Roma, Quasar, 1993, pp. 320, ISBN 88-7097-038-8.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Matter Antimatter Superconducting Spectrometer
  2. ^ MASS-SAT: Matter-Antimatter Space Spectrometer on SATellite.
  3. ^ WiZard: a program to measure cosmic-ray antiprotons and positrons, and search for primordial antimatter.
  4. ^ The study of antiprotons and positrons in cosmic rays with the PAMELA spectrometer
  5. ^ The Einstein–Podolsky–Rosen Effect: Paradox or Gate?
  6. ^ FISICA: LO SCIENZIATO BASINI, COSI' HO SCOPERTO FORMULA PER VIAGGIARE NEL TEMPO, su www1.adnkronos.com. URL consultato il 13 giugno 2018.
  7. ^ G. Basini, S. Capozziello, On the possibility of travelling in time in open quantum relativity, in Rendiconti Accademia Nazionale delle Scienze detta dei XL Memorie di Scienze Fisiche e Naturali, Vol. XXXII, P. II, pp. 127-147, 126° (2008).
  8. ^ The spacetime structure of Open Quantum Relativity
  9. ^ Corriere della Sera 1993 - Segni apre al PDS? molti no dai Popolari. "gli faremo cambiare idea o usciremo"
  10. ^ Corriere della Sera - 1998 IL SENATORE DI AN Basini: sono sotto shock, nessun passo verso il liberalismo
  11. ^ Programma del PLI
  12. ^ [1]
  13. ^ Radio Radicale - Fare una destra per la nazione italiana, congresso dei Liberal-Nazionali
  14. ^ Formiche.net - I liberali di destra preferiscono Meloni a Berlusconi
  15. ^ Formiche.net - I volti della galassia Liberal Nazionale
  16. ^ Il Tempo - Lo scienziato dei viaggi nel tempo: così Salvini mi ha convinto
  17. ^ Giuseppe Basini, le idee scomode di uno scienziato che detesta il politically correct (Ottantadue - aprile 2007 - p.19)[collegamento interrotto]
  18. ^ DE LIBERTATE (della libertà, della felicità e del futuro dell'Uomo) testo gratuitamente scaricabile Archiviato il 23 gennaio 2009 in Internet Archive.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN232568051 · SBN IT\ICCU\MILV\120982 · WorldCat Identities (EN232568051