Giuliano Carmignola

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Giuliano Carmignola (Treviso, 1951) è un violinista italiano, considerato uno dei più grandi violinisti in attività soprattutto per il repertorio barocco e classico.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nato a Treviso, ha studiato con il padre e con Luigi Enrico Ferro al Conservatorio "Benedetto Marcello" di Venezia. Successivamente si è perfezionato con Nathan Milstein, con Franco Gulli all'Accademia Musicale Chigiana di Siena e con Henryk Szeryng al Conservatorio di Ginevra.

Nel 1971 ha vinto il Concorso biennale "Città di Vittorio Veneto" e nel 1973 è stato premiato al Premio Paganini.

Dal 1978 al 1985 è stato primo violino dell'orchestra del Teatro La Fenice di Venezia.

Inizia la carriera come solista collaborando con direttori d'orchestra quali Claudio Abbado, Eliahu Inbal, Peter Maag e Giuseppe Sinopoli esibendosi nelle più prestigiose sale da concerto. Collabora poi tra gli altri con Umberto Benedetti Michelangeli, Daniele Gatti, Andrea Marcon, Christopher Hogwood, Trevor Pinnock, Frans Brüggen, Giovanni Antonini e Ottavio Dantone.

Significativa è stata la sua collaborazione con i Virtuosi di Roma negli anni 70 in seguito con i Sonatori de la Gioiosa Marca, la Venice Baroque Orchestra, l'Orchestra Mozart, l'Orchestre des Champs Elysees, la Kammerorchester Basel, il Giardino Armonico e l'Academy of Ancient Music.

Ha insegnato al Conservatorio di Venezia, all'Accademia Musicale Chigiana di Siena e alla Hochschule Luzern.

Suona lo Stradivari "Baillot" del 1732, di proprietà della Fondazione Cassa di Risparmio di Bologna, concessogli in prestito per il suo impegno con l'Orchestra Mozart. Suona inoltre un Pietro Guarneri del 1733 e un Floriano Guidanti del 1739.

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

Giuliano Carmignola ha inciso per etichette importanti come Erato, Divox Antiqua, Sony e Deutsche Grammophon (con cui ha un contratto di esclusiva) e Archiv Produktion. I suoi album hanno ottenuto numerosi e importanti riconoscimenti come Diapason D'Or, Choc di Le Monde de la Musique, ECHO Preis.

Discografia parziale[modifica | modifica wikitesto]

  • 2000 – Vivaldi: Concerti della Natura - Sonatori de la Gioiosa Marca (Erato)
  • 2000 – Vivaldi: The Four Seasons - Venice Baroque Orchestra/Andrea Marcon (Sony Classical)
  • 2001 – Vivaldi: Late Violin Concertos - Venice Baroque Orchestra/Andrea Marcon (Sony Classical)
  • 2001 – Bach, Weiss: Music for lute, violin and cello - Lutz Kirchhof/Francesco Galligioni (Sony Classical)
  • 2002 – Late Vivaldi Concertos - Venice Baroque Orchestra/Andrea Marcon (Sony Classical)
  • 2002 – Bach Arias - Venice Baroque Orchestra/Andrea Marcon/Angelika Kirchschlager (Sony Classical)
  • 2002 – Bach: Sonatas for violin and harpsichord - Andrea Marcon (Sony Classical)
  • 2002 – Locatelli: Violin Concertos - Venice Baroque Orchestra/Andrea Marcon (Sony Classical)
  • 2005 – Concerto Veneziano - Venice Baroque Orchestra/Andrea Marcon (Archiv Produktion)
  • 2006 – Vivaldi: Violin Concertos - Venice Baroque Orchestra/Andrea Marcon (Archiv Produktion)
  • 2008 – Mozart: The Violin Concertos, Sinfonia Concertante - Orchestra Mozart/Claudio Abbado/Danusha Waskiewicz (Archiv Produktion)
  • 2008 – Vivaldi: Concertos for 2 violins - Venice Baroque Orchestra/Andrea Marcon/Viktoria Mullova (Archiv Produktion)
  • 2009 – Concerto Italiano - Venice Baroque Orchestra/Andrea Marcon (Archiv Produktion)
  • 2009 – Pergolesi: Violin Concerto - Orchestra Mozart/Claudio Abbado (Archiv Produktion)
  • 2011 – Bach: Brandenburg Concertos - Orchestra Mozart/Claudio Abbado (Deutsche Grammophon)
  • 2012 – Haydn: Violin Concertos - Orchestre des Champs-Élysées/Alessandro Moccia (Archiv Produktion)
  • 2013 – Vivaldi con moto - Accademia Bizantina/Ottavio Dantone (Archiv Produktion)
  • 2013 – Bach: Violin Concertos - Concerto Köln/Mayumi Hirasaki (Archiv Produktion)
  • 2018 – Bach: Sonatas and Partitas (Deutsche Grammophon)

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN85797248 · ISNI (EN0000 0001 0996 4373 · LCCN (ENn81126826 · GND (DE134343786 · BNF (FRcb13976498p (data) · WorldCat Identities (ENn81-126826