Giuliana Valci

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Giuliana Valci
Giuliana Valci.jpg
Giuliana Valci in un'immagine giovanile
NazionalitàItalia Italia
GenerePop
Periodo di attività musicale1967 – 1973
EtichettaCBS, CAT Records, CAM, People

Giuliana Valci (Roma, 28 gennaio 1946Roma, 12 aprile 2019) è stata una cantante e astrologa italiana.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Fin da ragazza frequentò il mondo della musica, essendo peraltro figlia di Marcella Lumini, interprete di musica leggera in voga negli anni quaranta, e di Marcello Valci, compositore, batterista e direttore d'orchestra molto popolare negli anni trenta e anni quaranta alla RAI: insieme alla sorella e al fratello fu spesso tra il pubblico della trasmissione radiofonica Bandiera gialla. Apparve poi in TV tra i "collettoni" di Rita Pavone, quindi frequentò il Piper Club, storico locale di Via Tagliamento.

Venne notata da Gianni Ravera, che la portò alla CBS: per essa incise nel 1967 il primo 45 giri contenente Quando gli occhi sono buoni, firmata da un ventiquattrenne Lucio Battisti e Un inutile discorso, cover di The dangling conversation di Simon & Garfunkel. Anche se si giovò della cassa di risonanza della Caravella dei successi, manifestazione che si teneva a Bari, nella quale venne premiato Un inutile discorso, dal punto di vista commerciale il disco si rivelò un insuccesso.

L'anno dopo, sempre con l'aiuto di Ravera, esordì al Festival di Sanremo con Sera, scritta appositamente per lei da Andrea Lo Vecchio e da un giovane Roberto Vecchioni e interpretata anche da Gigliola Cinquetti; il Festival quell'anno venne vinto da Canzone per te interpretata da Sergio Endrigo e Roberto Carlos, mentre Sera si classificò all'ottavo posto. Sempre nel 1968 pubblicò un altro 45 giri, cover di Honey dello statunitense Bobby Goldsboro: Amore mi manchi era il titolo italiano, e come facciata B venne inserita Una sola via; questo disco ebbe un esito commerciale più favorevole.

Nel 1969 era stata scelta per partecipare ancora a Sanremo, questa volta con Lontano dagli occhi di Sergio Endrigo, ma i discografici propenderanno alla fine per la più prestigiosa Mary Hopkin, reduce da un successo internazionale con Those were the days. Giuliana fu allora destinata al Cantagiro, per il quale incise Le rose nella nebbia (facciata B Due parole dette al vento, scritta da Franco Califano), classificandosi ultima.

Dopo aver lasciato la CBS approdò ad una piccola casa discografica, la "CAT Records", con la quale incise nel 1970 due singoli: Zitto e Uno qualunque. Nel 1971 uscì il film A cuore freddo, con Enrico Maria Salerno, diretto da Riccardo Ghione; a Giuliana venne affidato il compito di interpretarne la colonna sonora, per la quale Stelvio Cipriani e Mike Shepstone (ex componente dei Rokes) componsero Lyonesse. Sull'altra facciata del 45 giri venne inserita Un momento, tratta dal telefilm Senza lasciare traccia.

Nel 1972 cambiò ancora etichetta e per la "People" incise due pezzi scritti da lei stessa con l'agrigentino Tony Cucchiara, Cavaliere di latta e Come un vecchio amico; con questi brani si chiuse la sua produzione discografica e, dopo la partecipazione alla commedia musicale Caino e Abele del 1973 di Tony Cucchiara, ebbe fine praticamente anche la sua carriera artistica, senza mai avere pubblicato un 33 giri. In un primo momento si dette al giornalismo fondando e dirigendo la rivista di musica Sound Flash, per poi passare alla radio svolgendo il ruolo di presentatrice. Si occupò quindi di astrologia con frequenti interventi in trasmissioni radiofoniche.

Giuliana Valci si è spenta a Roma il 12 aprile 2019.[1]

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

Singoli[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]