Riccardo Ghione

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Ghione sul set di Amore in città

Riccardo Ghione (Acqui Terme, 22 febbraio 19222003) è stato uno sceneggiatore, regista e produttore cinematografico italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1951 fonda insieme a Marco Ferreri il "Documento Mensile", una "rivista filmata" di racconti cinematografici che avrebbe dovuto coinvolgere numerosi scrittori e registi[1]. Nonostante la collaborazioni di registi del calibro di Vittorio De Sica, Luchino Visconti, Michelangelo Antonioni, Alberto Moravia, il progetto risulterà fallimentare tanto chè ne usciranno soltanto 3 numeri[2].

Insieme allo stesso Marco Ferreri nel 1953 è produttore esecutivo de L'amore in città, film in sei episodi diretti da diversi registi tra cui Antonioni, Federico Fellini, Dino Risi e Cesare Zavattini. Il film, prodotto da quest'ultimo, avrebbe dovuto segnare un rinnovamento del Neorealismo. Ciò che fa ,invece, è sancirne la fine[3].

A partire dal 1956 cominciò la sua carriera da sceneggiatore con il film Fiesta Brava diretto da Vittorio Cottafavi, progetto che restò incompiuto e mai presentato al pubblico.

Dopo aver girato nel 1968 un documentario mai distribuito, Il limbo, dirige nello stesso anno La rivoluzione sessuale, un film erotico ispirato alle teorie del sessuologo austriaco Wilhelm Reich[4].

Il suo secondo film A cuore freddo tratta il tema della contestazione e del rifiuto di una società falsa e disumanizzante[5].

Il terzo e ultimo film girato da Ghione è Il prato macchiato di rosso, horror nel quale prende parte il cantautore Lucio Dalla nel ruolo di un barbone.

Chiude la carriera sceneggiando l'ultimo film nel 2001, Il conte di Melissa.

Muore nel 2003 all'età di 81 anni.

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Riccardo Ghione (in basso a sinistra) sul set de Il conte di Melissa (1999)

Sceneggiatore[modifica | modifica wikitesto]

Regista[modifica | modifica wikitesto]

Altre collaborazioni[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Giulio Questi, Se non ricordo male: Frammenti autobiografici raccolti da Domenico Monetti e Luca Pallanch, Rubbettino Editore, 10 novembre 2014, ISBN 9788849843514. URL consultato il 7 febbraio 2018.
  2. ^ Tullio Masoni, Marco Ferreri, Gremese Editore, 1998, ISBN 9788877422156. URL consultato il 7 febbraio 2018.
  3. ^ Tullio Masoni, Marco Ferreri, Gremese Editore, 1998, ISBN 9788877422156. URL consultato il 7 febbraio 2018.
  4. ^ Riccardo Ghione, Ruggero Miti e Riccardo Cucciolla, La rivoluzione sessuale, 21 novembre 1968. URL consultato il 7 febbraio 2018.
  5. ^ a b Roberto Poppi, I registi: dal 1930 ai giorni nostri, Gremese Editore, 2002, ISBN 9788884401717. URL consultato il 7 febbraio 2018.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN309849091 · LCCN (ENno2014092961 · GND (DE1061956695 · WorldCat Identities (ENlccn-no2014092961