Stelvio Cipriani

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Stelvio Cipriani ospite con Antonella Lualdi al Giffoni Film Festival nel 1975

Stelvio Cipriani (Roma, 20 agosto 1937Roma, 1º ottobre 2018) è stato un musicista e compositore italiano.

Autore di colonne sonore cinematografiche, sin da giovane è stato avviato allo studio della musica. Ha composto le musiche per oltre 300 film tra cui Anonimo veneziano che gli ha dato la fama mondiale vendendo 14 milioni di dischi Ha lavorato, tra gli altri, con Steno, Mario Bava, Lucio Fulci, Carlo Lizzani, Stelvio Massi, Dino Risi. Alcuni dei suoi brani sono stati molto apprezzati da registi stranieri come Quentin Tarantino ed inseriti in altri lungometraggi.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Conseguito il diploma in pianoforte e composizione presso il Conservatorio Santa Cecilia, si guadagnò da vivere suonando sulle navi da crociera e come accompagnatore di cantanti di musica leggera quali Rita Pavone, Tony Renis e Peppino Di Capri[1]. Per un breve periodo negli Stati Uniti trovò anche l'occasione di essere seguito da Dave Brubeck.

Ritornato in Italia, iniziò a comporre colonne sonore con The Bounty Killer e altri film di produzione minore, tra i quali il western Un uomo, un cavallo, una pistola del cui tema Henry Mancini realizzò un arrangiamento nel 1968 (A Man, a Horse and a Gun) che ottenne un buon successo discografico. Nel 1970 le musiche per Anonimo veneziano[2] gli diedero una notevole popolarità facendogli vincere anche il Nastro d'argento. Si dedicò quindi ai generi cinematografici più diversi, soprattutto drammatici, gialli ed horror. Dal 1972, con La polizia ringrazia, divenne uno dei principali autori di colonne sonore del filone poliziesco, con attori molto noti quali Tomas Milian, Franco Gasparri e Maurizio Merli. Compose anche musiche per alcuni sceneggiati televisivi, come Dov'è Anna? che riscosse un incredibile successo di pubblico, e per film di produzione statunitense quali Tentacoli e Piraña paura, primo film di James Cameron. Negli anni Ottanta ottenne altri buoni consensi con le colonne sonore per Un povero ricco, Blu elettrico e Don Bosco. All'inizio degli anni Novanta, con l'arrivo delle telenovelas venezuelane trasmesse da Rete 4 che ebbero un altissimo numero di ascolti, curò le musiche dell'edizione italiana di 13 lavori, tra cui Topazio, Manuela e Milagros.

Lavorò poi a molti documentari, al musical Maria di Nazareth. Una storia che continua...[3] (con interprete principale nelle vesti di Maria il soprano Alma Manera) e ad alcuni brani su commissione della Santa Sede. Compose e diresse Tema di Karol e una Messa dedicata a Giovanni Paolo II. Firmò la canzone Turning round per il film Se ti piace... vai... e la sigla della serie TV anime Reporter Blues.

Curiosità vuole che sia stato proprio il Maestro Stelvio Cipriani, con Federico Fellini, a creare la parola "filmico" applicata alla musica, intesa come OST Film Scores, riferendosi al come alcune colonne sonore ispirino immediatamente chiare immagini cinematografiche nella fase di editing e montaggio.

Nel 2007 fu tra gli ospiti della Notte degli Angeli, dedicata alla mistica Natuzza Evolo, trasmessa da Rai International il 9 aprile.

Nel 2016 prese parte alle riprese del docufilm a episodi Diario Di Bordo, Inside The Outsider dell'artista internazionale Veronica Vitale. Inoltre Stelvio Cipriani rientra insieme a Joe Jackson e Bootsy Collins tra i principali production counseler del progetto discografico indipendente "Inside The Outsider" prodotto da Veronica Vitale a Cincinnati.

Colpito da ischemia il 23 dicembre 2017, è morto in una casa di cura a Roma il 1º ottobre 2018 a 81 anni[4]. È sepolto nel Cimitero del Verano di Roma.

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Nastro d'argento

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Commendatore Ordine al Merito della Repubblica Italiana

«Di iniziativa del Presidente della Repubblica»

Roma, 4 giugno 1993[5]

Grande ufficiale Ordine al Merito della Repubblica Italiana

«Di iniziativa del Presidente della Repubblica»

Roma, 2 maggio 1996[6]

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Opere letterarie[modifica | modifica wikitesto]

Discografia parziale[modifica | modifica wikitesto]

Album[modifica | modifica wikitesto]

Singoli[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Giuseppe Costigliola, Al mio amico Stelvio Cipriani, globalist.it
  2. ^ In realtà il concerto per oboe è un rifacimento da un concerto di Alessandro Marcello.
  3. ^ Articolo de Il Giornale del 10 giugno 2008.In vaticano un musical dedicato alla Madonna
  4. ^ Addio Stelvio Cipriani, scrisse Anonimo veneziano - Musica, in ANSA.it, 1º ottobre 2018. URL consultato il 2 ottobre 2018.
  5. ^ ^ Dettaglio decorato dal sito web del Quirinale., su www.quirinale.it. URL consultato il 9 maggio 2020.
  6. ^ Dettaglio decorato dal sito web del Quirinale, su www.quirinale.it. URL consultato il 9 maggio 2020.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN17407029 · ISNI (EN0000 0003 6840 2914 · Europeana agent/base/20590 · LCCN (ENn78067268 · GND (DE1062359720 · BNF (FRcb138925220 (data) · BNE (ESXX838226 (data) · WorldCat Identities (ENlccn-n78067268