Giraffa camelopardalis

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – "Giraffa" rimanda qui. Se stai cercando altri significati, vedi Giraffa (disambigua).
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Giraffa[1]
Giraffe Mikumi National Park.jpg
Una giraffa masai nel parco nazionale di Mikumi (Tanzania)
Stato di conservazione
Status iucn3.1 LC it.svg
Rischio minimo[2]
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Mammalia
Ordine Artiodactyla
Famiglia Giraffidae
Genere Giraffa
Brisson, 1762
Specie G. camelopardalis
Nomenclatura binomiale
Giraffa camelopardalis
(Linnaeus, 1758)
Areale

Giraffa camelopardalis distribution.svg

La giraffa (Giraffa camelopardalis Linnaeus, 1758) è un mammifero artiodattilo africano; è l'animale terrestre vivente più alto, nonché il ruminante di maggiori dimensioni. Il suo nome specifico si riferisce alla struttura corporea simile a quella del cammello e alla colorazione simile a quella del leopardo. Le sue caratteristiche principali più appariscenti sono il collo e le zampe estremamente lunghi, gli ossiconi simili a corna e la peculiare colorazione del manto. Viene classificata all'interno della famiglia dei Giraffidi, assieme all'unico suo stretto parente giunto fino a oggi, l'okapi. Le sue nove sottospecie si differenziano per la colorazione del mantello.

L'areale frammentato della giraffa si estende dal Ciad al nord al Sudafrica a sud, e dal Niger a ovest alla Somalia a est. Le giraffe generalmente vivono in savane, distese erbose e aree boschive aperte. Loro fonte di cibo principale sono le foglie di acacia, che brucano ad altezze che la maggior parte degli altri erbivori non può raggiungere. Le giraffe costituiscono preda dei leoni; i piccoli sono oggetto di caccia anche di leopardi, iene macchiate e licaoni. Tra le giraffe adulte non vi sono stretti legami sociali, sebbene possano radunarsi in aggregazioni labili nel caso più esemplari si dirigano nella stessa direzione. I maschi stabiliscono gerarchie sociali attraverso il «necking», vale a dire combattimenti che prevedono l'utilizzo del collo come arma di offesa. I maschi dominanti ottengono il privilegio di accoppiarsi con le femmine, sulle quali grave l'intera responsabilità dell'allevamento dei piccoli.

Per il suo aspetto peculiare, la giraffa è stata oggetto di attrazione per varie culture, sia antiche che moderne, ed è stata spesso rappresentata in dipinti, libri e cartoni animati. Viene classificata dall'Unione Internazionale per la Conservazione della Natura come specie «a rischio minimo», ma è scomparsa da molte zone del suo areale originario e alcune sottospecie sono in pericolo di estinzione. Ciononostante, le giraffe sono ancora diffuse in numerosi parchi nazionali e riserve di caccia.

Etimologia[modifica | modifica wikitesto]

L'origine del nome «giraffa» viene fatta risalire alla parola araba zarafah (زرافة), forse a sua volta derivata da una lingua africana[3]. Il nome viene tradotto come «[colei che] cammina velocemente»[4]. Nella lingua inglese media l'animale era noto anche come jarraf, ziraph e gerfauntz[3]. La parola probabilmente deriva dal nome somalo dell'animale, geri[5]. La forma italiana giraffa risale agli anni '90 del XVI secolo[3]. L'attuale forma inglese giraffe si sviluppò intorno al 1600 a partire dal francese girafe[3].

Il nome specifico camelopardalis è di origine latina[6]. Durante il Medioevo la specie era conosciuta come «camelopardo», nome derivato dalle parole greche antiche che indicavano il cammello e il leopardo, animali a cui la giraffa ritenevano somigliasse[7][8].

Kameelperd è anche il nome della specie in lingua afrikaans[9]. Tra gli altri nomi africani della giraffa ricordiamo ekorii (ateso), kanyiet (elgon), nduida (gikuyu), tiga (kalenjin e luo), ndwiya (kamba), nudululu (kihehe), ntegha (kinyaturu), ondere (lugbara), etiika (luhya), kuri (ma'di), oloodo-kirragata od olchangito-oodo (maasai), lenywa (meru), hori (pare), lment (samburu) e twiga (swahili e altre) nell'Africa orientale[10]; e tutwa (lozi), nthutlwa (shangaan), indlulamitsi (siswati), thutlwa (sotho), thuda (venda) e ndlulamithi (zulu) in quella meridionale[9].

Tassonomia ed evoluzione[modifica | modifica wikitesto]

Ricostruzione di specie del genere Samotherium.

La giraffa appartiene al sottordine Ruminantia. Molte specie di Ruminantia risalenti all'Eocene medio sono state scoperte in Asia centrale, Sud-est asiatico e Nordamerica. Le condizioni ecologiche durante questo periodo potrebbero aver facilitato la loro rapida dispersione[11]. La giraffa è una delle due sole specie viventi della famiglia dei Giraffidi; l'altra è l'okapi. La famiglia un tempo era molto più numerosa: ne sono stati descritti più di 10 generi fossili. Loro parenti conosciuti più stretti erano gli estinti Climacoceratidi. Questi, assieme alla famiglia degli Antilocapridi (la cui unica specie attuale è l'antilocapra), appartenevano alla superfamiglia Giraffoidea. Questi animali forse si evolvettero a partire dagli estinti Paleomericidi, possibili antenati anche dei cervi[11].

Mentre alcuni antichi Giraffidi, quali il Sivatherium, avevano corpi massicci, altri avevano una forma molto più slanciata. Il più antico antenato conosciuto della linea evolutiva della giraffa è il Canthumeryx, i cui resti, rinvenuti in Libia, sono stati fatti risalire a 25-20, 17-15 o 18-14,3 milioni di anni fa a seconda delle diverse opinioni degli studiosi. Questo animale era una creatura di medie dimensioni, esile e simile a un'antilope. Il Giraffokeryx comparve 15 milioni di anni fa nel subcontinente indiano e ricordava sia un'okapi che una piccola giraffa, ma aveva un collo più allungato e i caratteristici ossiconi simili a corna fatti di cartilagine. Il Palaeotragus, che apparve per la prima volta 14 milioni di anni fa e visse in un'area compresa tra l'Africa orientale e la Mongolia, ricordava l'okapi e potrebbe essere il suo diretto antenato. Aveva un cranio più allungato e schiacciato ed esibiva un dimorfismo sessuale molto marcato. Il Samotherium rimpiazzò il Paleotragus 10-9 milioni di anni fa. Questi animali avevano dimensioni maggiori ed avevano una testa perfino più allungata con seni cranici ben sviluppati e un profilo più simile a quello della giraffa. Vissero sia in Africa che in Eurasia. Il Bohlinia, che comparve per la prima volta nell'Europa sud-orientale e visse 9-7 milioni di anni fa, discendeva probabilmente dal Samotherium ed è a sua volta un probabile antenato diretto della giraffa. Il Bohlinia ricordava moltissimo le giraffe moderne: aveva collo e zampe lunghi e ossiconi e dentatura simili[11].

Fossile di Giraffa jumae al museo di storia naturale di Londra.

Il Bohlinia raggiunse la Cina e l'India settentrionale in risposta ai cambiamenti climatici. In quest'area si evolvette il genere Giraffa che, circa 7 milioni di anni fa, raggiunse l'Africa. Ulteriori cambiamenti climatici provocarono l'estinzione delle giraffe asiatiche, mentre quelle africane sopravvissero e si diversificarono in alcune nuove specie. G. camelopardalis fece la sua comparsa circa 1 milione di anni fa in Africa orientale durante il Pleistocene[11]. Alcuni biologi ipotizzano che l'attuale giraffa discenda dalla G. jumae[12]; altri considerano la G. gracilis un candidato più probabile[11]. Si ritiene che la principale spinta evolutiva che ha portato alla comparsa delle giraffe sia stato il cambiamento climatico, iniziato 8 milioni di anni fa, che trasformò un'area ricoperta da vaste foreste in una regione più aperta[11]. Alcuni ricercatori hanno ipotizzato che questo nuovo habitat, assieme a una nuova dieta, comprendente anche foglie di Acacia, possa aver esposto gli antenati della giraffa a tossine che causarono tassi di mutazione più elevati e un più alto tasso di evoluzione[13].

La giraffa fu una delle molte specie descritte per la prima volta da Carlo Linneo nel 1758. Egli diede a questa specie il nome di Cervus camelopardalis. Morten Thrane Brünnich istituì il genere Giraffa nel 1772[14]. Agli inizi del XIX secolo, Jean-Baptiste Lamarck credette che il lungo collo della giraffa costituisse una «caratteristica acquisita», evolutasi attraverso generazioni di giraffe ancestrali che si sforzavano di raggiungere le foglie degli alberi più alti[15]. Questa teoria venne in seguito accantonata, e gli studiosi oggi ritengono che il collo della giraffa sia il frutto della selezione naturale darwiniana - le giraffe ancestrali dotate di colli più lunghi erano meglio adattate al loro ambiente e furono così in grado di riprodursi e tramandare i loro geni[15].

Sottospecie[modifica | modifica wikitesto]

Attualmente vengono riconosciute nove sottospecie di giraffa, qui elencate (con stime di popolazione al 2010):

Sottospecie di giraffa
Sottospecie Descrizione Immagine
Giraffa della Nubia (G. c. camelopardalis Linnaeus, 1758)[16] La sottospecie nominale, è diffusa nel Sudan del Sud orientale e nell'Etiopia sud-occidentale[17]. Presenta macchie color castano nettamente definite separate da linee prevalentemente bianche, mentre la regione inferiore non presenta macchie. Il bernoccolo mediale è particolarmente sviluppato nel maschio[18]. Si ritiene che in natura ne rimangano meno di 250 capi, sebbene il numero esatto sia incerto[17]. È rara in cattività, ma un gruppo viene ospitato presso lo zoo di Al Ain negli Emirati Arabi Uniti[19]. Nel 2003, questo gruppo comprendeva 14 capi[20]. Al Ain Zoo Giraffe.JPG
Giraffa reticolata (G. c. reticulata De Winton, 1899)[16], nota anche come giraffa della Somalia È originaria del Kenya nord-orientale, dell'Etiopia meridionale e della Somalia[17]. La sua colorazione caratteristica comprende macchie di forma poligonale color bruno-rossastro dai margini spigolosi separate da una rete di sottili linee bianche. Talvolta le macchie possono estendersi fino ai garretti e nei maschi è presente un bernoccolo mediale[18]. Si stima che in natura ne rimangano al massimo 5000 capi[17], e secondo i dati dell'International Species Information System ve ne sono più di 450 ospitate negli zoo[21]. Two Giraffes.PNG
Giraffa dell'Angola (G. c. angolensis Lydekker, 1903), nota anche come giraffa della Namibia È diffusa nella Namibia settentrionale, nello Zambia sud-occidentale, nel Botswana e nello Zimbabwe occidentale. Uno studio genetico del 2009 condotto su questa sottospecie sembra suggerire che le popolazioni del deserto del Namib settentrionale e del parco nazionale di Etosha appartengano a una sottospecie distinta[22]. Questa sottospecie ha grandi macchie marroni con bordi che possono o essere leggermente frastagliati o presentare prolungamenti angolari. Il disegno a macchie si estende su tutte le zampe, ma non sulla parte superiore della faccia. Le macchie su collo e posteriore tendono a essere piuttosto piccole. La sottospecie presenta inoltre una macchia bianca sull'orecchio[18]. Si stima che ne rimangano al massimo 20.000 capi in natura[17] e circa 20 negli zoo[21]. Giraffa camelopardalis -Zambia-8.jpg
Giraffa del Kordofan (G. c. antiquorum Swainson, 1835) Ha una distribuzione che comprende il Ciad meridionale, la Repubblica Centrafricana, il Camerun settentrionale e la Repubblica Democratica del Congo nord-orientale. Le popolazioni del Camerun in passato erano considerate appartenenti a G. c. peralta, ma tale classificazione è risultata errata[23]. Rispetto alla giraffa della Nubia, questa sottospecie presenta macchie più piccole e più irregolari. Il disegno a macchie può spingersi fin sotto i garretti e sulla faccia interna delle zampe. Un bernoccolo mediale è presente nei maschi[18]. Si stima che in natura ne rimangano al massimo 3000 capi[17]. Censire il numero di esemplari allevati negli zoo è risultato piuttosto arduo, data la confusione creatasi tra questa sottospecie e G. c. peralta. Secondo uno studio pubblicato nel 2007, tuttavia, è risultato che tutte le presunte G. c. peralta ospiti degli zoo europei erano, in effetti, G. c. antiquorum[23]. Fatte le debite correzioni, si ritiene che negli zoo ve ne siano circa 65 capi[21]. I membri che in passato venivano classificati in una sottospecie a parte, G. c. congoesis, vengono attualmente considerati giraffe del Kordofan. Giraffa camelopardalis antiquorum (Vincennes Zoo) 2.jpg
Giraffa masai (G. c. tippelskirchi Matschie, 1898), nota anche come giraffa del Kilimangiaro È presente nel Kenya centrale e meridionale e in Tanzania[17]. Presenta caratteristiche macchie irregolari e frastagliate, simili a stelle, che si estendono fino agli zoccoli. Un bernoccolo mediale è solitamente presente nei maschi[18][24]. Si ritiene che ne rimangano al massimo 40.000 capi in natura[17] e circa 100 negli zoo[21]. GiraffaCamelopardalisTippelskirchi-Masaai-Mara.JPG
Giraffa di Rothschild (G. c. rothschildi Lydekker, 1903, così chiamata in onore di Walter Rothschild)[16], nota anche come giraffa del Baringo o giraffa dell'Uganda Il suo areale comprende zone dell'Uganda e del Kenya[2]. La sua presenza nel Sudan del Sud è incerta[25]. Questa giraffa ha grosse macchie scure con bordi che sono generalmente rettilinei, ma che possono essere talvolta frastagliati. Le macchie scure possono inoltre presentare, al loro interno, linee o strisce radianti più chiare. Di solito il disegno a macchie non si spinge oltre i garretti e non raggiunge quasi mai gli zoccoli. In questa sottospecie si possono inoltre sviluppare cinque «corna»[18]. Si ritiene che ne rimangano meno di 700 esemplari in natura[17] e più di 450 negli zoo[21]. Giraffa camelopardalis rothschildi 1.jpg
Giraffa del Sudafrica (G. c. giraffa von Schreber, 1784) È diffusa nel Sudafrica settentrionale, nel Botswana meridionale, nello Zimbabwe meridionale e nel Mozambico sud-occidentale[17]. Presenta macchie scure, piuttosto arrotondate, «con alcune sottili proiezioni» su una colorazione di fondo fulva. Scendendo giù lungo le zampe le macchie divengono sempre più piccole. Il bernoccolo mediale dei maschi è meno sviluppato[18]. Si stima che ne rimangano al massimo 12.000 capi in natura[17] e circa 45 negli zoo[21]. Giraffe standing.jpg
Giraffa della Rhodesia (G. c. thornicrofti Lydekker, 1911, in onore di Harry Scott Thornicroft)[16], nota anche come giraffa di Thornicroft È endemica della valle del Luangwa nello Zambia orientale[17]. Le macchie sono frastagliate e leggermente a forma di stella, e possono o no estendersi lungo le zampe. Il bernoccolo mediale dei maschi è poco sviluppato[18]. Ne rimangono non più di 1500 capi in natura[17] e nessuno in cattività[21]. Giraffa camelopardalis thornicrofti.jpg
Giraffa dell'Africa occidentale (G. c. peralta Thomas, 1898)[16], nota anche come giraffa del Niger o giraffa della Nigeria[26] È endemica del Niger sud-occidentale[2]. Questo animale ha una colorazione più chiara delle altre sottospecie[10], con macchie rosse di forma lobata che si spingono oltre i garretti. Gli ossiconi sono più lunghi che in altre sottospecie e i maschi possiedono bernoccoli mediali ben sviluppati[18]. Con meno di 220 esemplari rimasti in natura, è la sottospecie più minacciata[17]. In passato si riteneva che le giraffe del Camerun appartenessero a questa sottospecie, ma attualmente vengono considerate G. c. antiquorum[23]. Questo errore ha creato un po' di confusione riguardo agli esemplari ospiti degli zoo, ma nel 2007 è stato stabilito che tutte le «G. c. peralta» ospitate negli zoo europei sono in realtà G. c. antiquorum[23]. Giraffe koure niger 2006.jpg
«Areale approssimato, disegno del manto e relazioni filogenetiche tra alcune sottospecie di giraffa basate su sequenze del DNA mitocondriale. I punti colorati sulla mappa rappresentano il luogo di provenienza dei campioni analizzati. L'albero filogenetico è un filogramma di massima verosimiglianza basato su campioni provenienti da 266 giraffe. Gli asterischi lungo i rami corrispondono a valori dei nodi di più del 90% del supporto bootstrap. Le stelle all'estremità dei rami identificano aplotipi parafiletici trovati nelle giraffe masai e reticolate»[27].

I dati ricavati da uno studio del 2007 sulla genetica di sei sottospecie - le giraffe dell'Africa occidentale, di Rothschild, reticolate, masai, del Sudafrica e dell'Angola - suggeriscono che queste potrebbero essere specie a sé a tutti gli effetti. Sulla base del livello di deriva genetica riscontrato nei DNA nucleare e mitocondriale (mtDNA) gli studiosi hanno dedotto che le giraffe appartenenti a queste popolazioni sono isolate riproduttivamente e si incrociano raramente, malgrado non vi sia nessun ostacolo naturale a tenerle divise. Ciò è particolarmente vero per le popolazioni confinanti di giraffe di Rothschild, reticolate e masai. La giraffa masai potrebbe a sua volta essere costituita da più specie separate tra loro dalla Rift Valley[27].

Le giraffe reticolate e masai presentano una maggiore diversità nel DNA mitocondriale, il che sta a dimostrare che le giraffe siano comparse per la prima volta nell'Africa orientale. Le popolazioni situate più a nord sono più strettamente imparentate con le prime, mentre quelle situate a sud lo sono con le seconde. Sembra che le giraffe scelgano partner con un disegno del mantello simile, che si imprime loro nella memoria da piccole[27]. Le implicazioni di queste scoperte per la conservazione delle giraffe sono state riassunte da David Brown, autore principale dello studio, che affermò così su BBC News: «Riunire tutte le giraffe in un'unica specie nasconde il fatto che alcune razze siano sull'orlo dell'estinzione. Alcune di queste popolazioni contano appena poche centinaia di esemplari e necessitano di immediata protezione»[28].

La giraffa dell'Africa occidentale è più imparentata da vicino con le giraffe di Rothschild e con quelle reticolate che con la giraffa del Kordofan. I suoi antenati potrebbero essere migrati dall'Africa orientale a quella settentrionale e successivamente aver raggiunto il suo areale attuale in seguito all'espansione del deserto del Sahara. Al culmine della sua estensione, il lago Ciad potrebbe aver agito da barriera tra le giraffe dell'Africa settentrionale e quelle del Kordofan durante l'Olocene[23].

Descrizione e anatomia[modifica | modifica wikitesto]

Primo piano della testa di una giraffa allo zoo di Melbourne.
Scheletro di giraffa in mostra al museo di osteologia di Oklahoma City (Oklahoma).

Le giraffe adulte possono raggiungere un'altezza di 5–6 m; i maschi sono più alti delle femmine[14]. Il peso medio si aggira intorno ai 1192 kg nei maschi e agli 828 kg nelle femmine[29], con valori massimi registrati di 1930 e 1180 kg per maschi e femmine, rispettivamente[30]. A dispetto della lunghezza di collo e zampe, il corpo della giraffa è relativamente breve[31]. Posti ai lati della testa, i grandi occhi bulbosi della giraffa le consentono una buona visione a tutto campo da grande altezza[32]. Le giraffe vedono a colori[32] e sono inoltre dotate di udito e olfatto ben sviluppati[15]. Grazie ad alcuni muscoli l'animale è in grado di chiudere le narici per proteggerle dalle tempeste di sabbia e dalle formiche[32]. La lingua prensile misura circa 50 cm di lunghezza. Ha una colorazione nero-violacea, forse per proteggersi dal calore del sole, e viene utilizzata per strappare il fogliame, nonché per la pulizia del corpo e del naso dell'animale[32]. Anche il labbro superiore è prensile e come la lingua viene impiegato per manipolare il cibo. Le labbra, la lingua e l'interno della bocca sono ricoperti da papille che proteggono dalle spine[14].

Coppia di giraffe allo zoo di Tobu (prefettura di Saitama, Giappone).

Il manto è ricoperto da chiazze o macchie scure (che possono essere color arancio, castano, marrone o quasi nero[15]) separate da peli chiari (generalmente bianchi o color crema[15]). Il manto dei maschi scurisce con l'età[24]. Il disegno del mantello è utile ai fini del camuffamento, consentendo all'animale di fondersi con il chiaro e scuro della savana alberata[16]. Anche se è difficile scorgere, seppur da pochi metri di distanza, giraffe adulte tra alberi e arbusti, quando si spostano in procinto di avere una migliore visione su eventuali predatori in avvicinamento, esse fanno maggior affidamento sulle proprie dimensioni e sulla loro abilità di difendersi piuttosto che sul camuffamento, che sembra essere più importante presso i piccoli[11]. La pelle sotto le macchie scure può costituire una sorta di finestra per la termoregolazione, in quanto ospita un complesso sistema di vasi sanguigni e grosse ghiandole sudoripare[33]. Ogni giraffa ha un disegno del mantello unico[24]. La pelle è per lo più di colore grigio[29]. È inoltre molto spessa e consente all'animale di correre attraverso la boscaglia spinosa senza ferirsi[32]. Il pelo può agire come una difesa chimica, in quanto le sostanze repellenti per i parassiti che contiene conferiscono all'animale un odore caratteristico. Nel pelo sono presenti almeno 11 composti aromatici principali, ma responsabili di gran parte dell'odore sono soprattutto l'indolo e il β-metilindolo. Dal momento che i maschi hanno un odore più pungente delle femmine, è probabile che l'odore possa avere anche una funzione sessuale[34]. Lungo il collo dell'animale corre una criniera costituita da brevi peli eretti[14]. La coda, che misura un metro di lunghezza, termina con un lungo ciuffo di peli neri e viene utilizzata come difesa contro gli insetti[32].

Cranio e ossiconi[modifica | modifica wikitesto]

In entrambi i sessi sono presenti strutture prominenti simili a corna dette ossiconi, formate da cartilagine ossificata ricoperta di pelle e fuse al cranio all'altezza delle ossa parietali[24]. Essendo vascolarizzati, gli ossiconi possono giocare un ruolo nella termoregolazione[33] e vengono inoltre utilizzati nei combattimenti tra maschi[35]. Il loro aspetto costituisce un'utile indicatore del sesso o dell'età di una giraffa: gli ossiconi delle femmine e dei giovani sono sottili e presentano ciuffi di peli alla sommità, mentre quelli dei maschi adulti terminano con una sorta di pomello e tendono ad avere la sommità glabra[24]. Inoltre, un bernoccolo mediale, più prominente nei maschi, emerge dalla regione anteriore del cranio[14]. I maschi sviluppano depositi di calcio che formano bozzi sul cranio man mano che avanza l'età[15]. Il cranio della giraffa è reso più leggero da vari seni[31]. Tuttavia, con l'avanzare dell'età, il cranio dei maschi diviene più pesante e più simile a una mazza, consentendo loro di primeggiare nei combattimenti[24]. La mascella superiore ha un palato scanalato ed è priva dei denti anteriori[32]. I molari della giraffa hanno una superficie ruvida[32].

Zampe, locomozione e postura[modifica | modifica wikitesto]

Le zampe anteriori e posteriori della giraffa hanno all'incirca la stessa lunghezza. Il radio e l'ulna delle zampe anteriori sono articolate dal carpo, che, nonostante sia strutturalmente equivalente al polso umano, svolge in tutto e per tutto il ruolo di un ginocchio[36]. Sembra che un legamento sospensorio permetta alle esili zampe di sorreggere il gran peso dell'animale[37]. I piedi della giraffa raggiungono un diametro di 30 cm, e lo zoccolo è alto 15 cm nei maschi e 10 cm nelle femmine[32]. Il retro di ogni zoccolo è più basso e il nodello è situato vicino al terreno, consentendo al piede di fornire un ulteriore sostegno al peso dell'animale[14]. Le giraffe sono prive di cuscinetti e ghiandole interdigitali. Il bacino della giraffa, seppur relativamente stretto, ha un ilio che si allarga alle estremità superiori[14].

La giraffa ha solamente due andature: il passo e il galoppo. Quando cammina solleva a ogni passo le due zampe dello stesso lato, e poi le due zampe dell'altro[24]. Durante il galoppo, le zampe posteriori cingono le zampe anteriori prima che queste si spostino in avanti[15], e la coda viene raggomitolata[24]. In tutte queste andature, i movimenti del collo consentono di bilanciare il peso del corpo: quando le zampe sono lanciate in avanti, il collo si muove dall'indietro in avanti; quando le zampe toccano terra, il collo si sposta nuovamente all'indietro[10]. La giraffa può effettuare brevi sprint a 60 km/h[38] e può mantenere una velocità di 50 km/h per alcuni chilometri[39].

La giraffa riposa giacendo con il corpo sulle zampe tenute piegate[10]. Per sdraiarsi, l'animale si inginocchia sulle zampe anteriori e poi abbassa il resto del corpo. Per rialzarsi, prima si inginocchia e allarga le zampe posteriori per sollevare i quarti posteriori. Successivamente raddrizza le zampe anteriori. Ad ogni passo, l'animale fa oscillare la testa[32]. In cattività, la giraffa dorme a intermittenza circa 4,6 ore al giorno, per lo più di notte[40]. Generalmente dorme sdraiata, ma sono stati visti anche esemplari, soprattutto anziani, dormire in piedi. Quando è sdraiata, durante le brevi fasi intermittenti di «sonno profondo» la giraffa tiene il collo piegato all'indietro e poggia la testa sul fianco o sulla coscia, in una posizione che sembra indicare un sonno paradosso[40]. Se la giraffa vuole abbassarsi per bere, deve allargare le zampe anteriori o flettere le ginocchia[24]. Le giraffe probabilmente non sono delle buone nuotatrici, in quanto le loro lunghe zampe sarebbero estremamente ingombranti in acqua[41], ma sono forse in grado di restare a galla[42]. Durante il nuoto, il torace verrebbe appesantito dalle zampe anteriori, rendendo difficile all'animale muovere il collo e le zampe in maniera armonica[41][42] o tenere la testa sopra la superficie[41].

Collo[modifica | modifica wikitesto]

Malgrado le grandi differenze di lunghezza, sia la giraffa (a destra) che l'okapi (a sinistra) hanno sette vertebre cervicali.

La giraffa ha un collo estremamente lungo: può raggiungere i 2 m di lunghezza, ed è ad esso che si deve la straordinaria altezza dell'animale[32]. La sua lunghezza è dovuta all'eccessivo allungamento delle vertebre cervicali, non a un numero superiore di vertebre. Ogni vertebra cervicale misura più di 28 cm di lunghezza[31]. Esse costituiscono il 52-54 per cento della lunghezza totale della colonna vertebrale; invece in altri grossi ungulati, compreso il più stretto parente vivente della giraffa, l'okapi, le vertebre cervicali rappresentano solo il 27-33 per cento della lunghezza della colonna[13]. Questo processo di allungamento avviene in particolare dopo la nascita, in quanto le femmine di giraffa incontrerebbero serie difficoltà a partorire piccoli dotati di un collo paragonabile per dimensione a quello degli adulti[43]. La testa e il collo della giraffa sono sorretti da potenti muscoli e da un legamento nucale ancorati ai lunghi processi dorsali delle vertebre toraciche anteriori, dando l'impressione che l'animale possegga una sorta di gobba[14].

Un maschio adulto si nutre dai rami alti di un'acacia.

Le vertebre del collo della giraffa sono dotate di enartrosi[31]. In particolare, l'articolazione atlante-epistrofeo (C1 e C2) consente all'animale di sollevare la testa verticalmente e raggiungere i rami più alti con la lingua[32]. Il punto di articolazione tra le vertebre cervicali e toraciche delle giraffe è situato tra la prima e la seconda vertebra toracica (T1 e T2), a differenza della maggior parte degli altri ruminanti, in cui questa articolazione si trova tra la settima vertebra cervicale (C7) e T1[13][43]. Ciò consente a C7 di contribuire direttamente all'incremento della lunghezza del collo; tale caratteristica dà l'impressione che T1 sia in realtà C8, e che le giraffe siano quindi dotate di una vertebra cervicale extra[44]. Tuttavia, questa visione non viene generalmente accettata, in quanto a T1 è anche articolata una costa, carattere diagnostico delle vertebre toraciche; inoltre, tra i mammiferi, le eccezioni al numero limite di sette vertebre cervicali sono generalmente caratterizzate da un incremento di anomalie neurologiche e malattie[13].

Ci sono due ipotesi principali per spiegare l'origine evolutiva e lo sviluppo dell'allungamento del collo della giraffa[35]. La cosiddetta «ipotesi della competizione tra brucatori», quella che ha riscosso il maggior successo tra gli studiosi fino ad anni recenti, venne originariamente suggerita da Charles Darwin. Secondo questa teoria la pressione competitiva con i brucatori più piccoli, quali il kudù, il raficero campestre e l'impala, avrebbe incoraggiato l'allungamento del collo, poiché tale caratteristica avrebbe consentito alle giraffe di consumare cibo che i loro competitori non potevano raggiungere. Tale vantaggio è indubbiamente reale, in quanto le giraffe possono alimentarsi anche a 4,5 m di altezza, mentre competitori di dimensioni piuttosto notevoli, come il kudù, possono alimentarsi al massimo ad appena 2 m circa di altezza[45]. Alcune ricerche, inoltre, suggeriscono che la competizione tra i brucatori è maggiormente intensa ai livelli inferiori, e le giraffe riescono quindi a nutrirsi più efficacemente (in termini di biomassa di foglie ad ogni boccone) in alto tra la volta[46][47]. Tuttavia, gli studiosi non concordano tra loro nel determinare quanto tempo trascorrano le giraffe ad alimentarsi a livelli fuori dalla portata di altri brucatori[12][35][45][48] e uno studio del 2010 ha messo in luce che le giraffe adulte dotate dei colli più lunghi abbiano in realtà una maggiore probabilità di morire durante i periodi di siccità delle loro simili dai colli più corti. Questo studio suggerisce che mantenere un collo più lungo richiede una maggiore quantità di nutrienti, il che mette a rischio la sopravvivenza delle giraffe dai colli più lunghi quando il cibo è scarso[49].

L'altra teoria principale, l'ipotesi della selezione sessuale, propone che i lunghi colli si siano evoluti come carattere sessuale secondario, avvantaggiando i maschi negli scontri di «necking» (vedi sotto) per stabilire la gerarchia e ottenere l'accesso alle femmine sessualmente recettive[12]. A sostegno di questa teoria ricordiamo che i colli sono più lunghi e pesanti nei maschi che nelle femmine della stessa età[12][35] e che i primi non ingaggiano altre forme di combattimento[12]. Tuttavia, questa teoria non riesce a spiegare perché anche le giraffe femmina siano dotate di lunghi colli[50].

Struttura interna[modifica | modifica wikitesto]

Una rete mirabile impedisce l'afflusso di sangue al cervello quando il collo viene abbassato.

Nei mammiferi, il nervo laringeo ricorrente sinistro è più lungo del destro; nella giraffa è più lungo di oltre 30 cm. Questi nervi sono più lunghi nella giraffa che in qualsiasi altro animale vivente[51]; il nervo sinistro è lungo oltre 2 m[52]. Ogni cellula nervosa di questo tratto ha inizio nel tronco encefalico e scende attraverso il collo lungo il nervo vago; poi si dirama nel nervo laringeo ricorrente e risale il collo fino alla laringe. Quindi, queste cellule nervose raggiungono una lunghezza di quasi 5 m nelle giraffe più grandi[51]. La struttura del cervello della giraffa ricorda quella di un bovino domestico[32]. A causa della forma dello scheletro, la giraffa è dotata di un volume polmonare piuttosto limitato se paragonato alla sua mole[53]. Il lungo collo crea una gran quantità di spazio morto, nonostante il ridotto lume della trachea. Questi fattori aumentano la resistenza al flusso d'aria. Tuttavia, l'animale è ancora in grado di fornire ossigeno ai suoi tessuti[53].

Bocca di giraffa che beve.

Il sistema circolatorio della giraffa presenta vari adattamenti alla sua grande altezza. Il cuore, che può pesare più di 11 kg e misurare circa 60 cm di lunghezza, deve generare all'incirca il doppio della pressione sanguigna richiesta da un essere umano per poter rifornire di sangue il cervello. Per questo motivo, la parete cardiaca può raggiungere i 7,5 cm di spessore[15]. Le giraffe hanno una frequenza cardiaca insolitamente elevata per le loro dimensioni, di 150 battiti al minuto[31]. Nella parte superiore del collo, una rete mirabile impedisce l'eccessivo afflusso di sangue al cervello quando la giraffa abbassa la testa[16]. Nelle vene giugulari si trovano inoltre alcune valvole (più solitamente sette) che impediscono il reflusso di sangue alla testa dalla vena cava inferiore e dall'atrio destro quando la testa è abbassata[54]. Al contrario, i vasi sanguigni della parte inferiore delle zampe sono sotto forte pressione (a causa del peso del fluido che preme su di esse). Per risolvere questo problema, la pelle della parte bassa delle zampe è spessa e aderente, così da impedire che vi si riversi troppo sangue[16].

Le giraffe hanno muscoli esofagei insolitamente forti per permettere il rigurgito del cibo dallo stomaco fino al collo e alla bocca durante la ruminazione[31]. Hanno uno stomaco tetracamerato, come tutti i ruminanti, e la prima camera si è adattata in particolar modo alla loro dieta specializzata[14]. L'intestino della giraffa può raggiungere gli 80 m di lunghezza[14] e tenue e crasso misurano all'incirca la stessa lunghezza[55]. Il fegato della giraffa è piccolo e compatto[31]. La cistifellea è generalmente presente durante la vita fetale, ma può scomparire prima della nascita[14][56][57].

Comportamento ed ecologia[modifica | modifica wikitesto]

Habitat e alimentazione[modifica | modifica wikitesto]

La giraffa estende la lingua per mangiare. Lingua, labbra e palato sono abbastanza spessi da evitare di ferirsi con le spine degli alberi.

Le giraffe solitamente vivono in savane, praterie e boschi aperti. Prediligono le boscaglie di Acacia, Commiphora e Combretum e le macchie aperte di Terminalia ad ambienti più fitti quali le boscaglie di Brachystegia[10]. La giraffa dell'Angola può spingersi in ambienti desertici[58]. Le giraffe brucano i ramoscelli degli alberi, prediligendo quelli dei generi Acacia, Commiphora e Terminalia[4], che costituiscono importanti fonti di calcio e proteine utili per sostenere il tasso di crescita dell'animale[11]. Si nutrono anche di arbusti, erba e frutti[10]. Una giraffa consuma circa 34 kg di foglie al giorno[24]. Quando sono agitate, le giraffe possono strappare e masticare pezzi di corteccia dai rami. Nonostante siano erbivore, è risaputo che talvolta facciano visita alle carogne per leccare la carne essiccata dalle ossa[10].

Durante la stagione umida, il cibo è abbondante e le giraffe si disperdono su una vasta area, mentre durante la stagione secca si radunano attorno agli alberi e agli arbusti sempreverdi rimasti[4]. Le madri tendono ad alimentarsi in aree aperte, presumibilmente per poter localizzare più facilmente possibili predatori, ma questo può ridurre l'efficienza della nutrizione[48]. Essendo un ruminante, la giraffa prima mastica il cibo e successivamente il bolo alimentare viene predigerito nel rumine per poi tornare in bocca ed essere nuovamente masticato[31]. È comune per una giraffa salivare molto mentre mangia[32]. La giraffa richiede quantità minori di cibo rispetto a molti altri erbivori, poiché le foglie di cui si nutre sono ricche di sostanze nutritive concentrate e il suo apparato digerente è più efficiente[4]. Le feci dell'animale vengono emesse sotto forma di piccole palline[14]. Quando ha accesso all'acqua, una giraffa beve a intervalli non superiori ai tre giorni[24].

Le giraffe hanno un grande effetto sugli alberi dei quali si nutrono, ritardando lo sviluppo dei giovani alberelli e facendo assumere una forma «a parasole» agli alberi troppo alti[24]. Il foraggiamento è più intenso durante le prime e le ultime ore della giornata. Nell'intervallo tra questi periodi, le giraffe trascorrono gran parte del tempo a riposare e ruminare. La ruminazione è l'attività prevalente durante la notte, quando la giraffa rimane sdraiata per un tempo più lungo[24].

Maschio e femmina che si accoppiano. Generalmente, solo il maschio dominante può accoppiarsi.

Vita sociale e abitudini riproduttive[modifica | modifica wikitesto]

Sebbene le giraffe vivano generalmente in gruppi, la composizione di queste unità tende ad essere aperta e in continua evoluzione[59]. Tra i vari membri sono pochi i legami sociali forti, e le aggregazioni di solito cambiano membri ogni poche ore. Per scopo di ricerca, un «gruppo» è stato definito come «una raccolta di individui distanti tra loro meno di un chilometro e che si muovono nella stessa direzione generale»[60]. Il numero di giraffe in un gruppo può raggiungere un massimo di 32 individui[59]. I gruppi di giraffe più stabili sono quelli costituiti dalle madri e dai loro figli[60], che possono durare settimane o mesi[61]. La coesione sociale in questi gruppi viene mantenuta dai legami che si formano tra i piccoli[10][60]. È nota l'esistenza anche di gruppi misti formati da femmine adulte e maschi giovani[60]. I maschi subadulti sono particolarmente socievoli e spesso ingaggiano finti combattimenti. Tuttavia, con l'avanzare dell'età i maschi adulti diventano sempre più solitari[61]. Le giraffe non sono territoriali[14], ma possiedono domini vitali[24]. I maschi di giraffa occasionalmente possono allontanarsi dalle aree che frequentano normalmente[10].

La riproduzione è prevalentemente poligama: solamente pochi maschi anziani si accoppiano con le femmine fertili. I maschi valutano la fertilità delle femmine annusando la loro urina per individuare quali sono in estro, tramite un processo a tappe noto come flehmen[60][61]. I maschi prediligono le femmine giovani-adulte a quelle giovani e anziane[60]. Non appena viene individuata una femmina in estro, il maschio tenta il corteggiamento. Durante il corteggiamento, i maschi dominanti tengono a bada quelli subordinati[61]. Durante l'accoppiamento, il maschio si erge sulle zampe posteriori con la testa sollevata e le zampe anteriori appoggiate sui fianchi della femmina[24].

Nonostante siano generalmente silenziose e non vocali, le giraffe sono state viste comunicare utilizzando vari suoni. Durante il corteggiamento, i maschi emettono forti colpi di tosse[24]. Le femmine chiamano i propri piccoli muggendo. I piccoli emettono sbuffi, belati, muggiti e suoni simili a miagolii. Le giraffe inoltre russano, sibilano, gemono ed emettono suoni simili a fischi[24], e comunicano su lunghe distanze utilizzando gli infrasuoni[62].

Nascita e cure parentali[modifica | modifica wikitesto]

Madre con due piccoli. Occuparsi dei piccoli è quasi esclusivamente compito delle femmine.

La gestazione della giraffa dura 400-460 giorni, dopo i quali nasce normalmente un unico piccolo, anche se non sono del tutto sconosciuti i parti gemellari[63]. La madre partorisce stando in piedi. Il piccolo prima fa uscire la testa e le zampe anteriori, dopo aver rotto le membrane fetali, e cade sul terreno, recidendo il cordone ombelicale[14]. La madre in seguito pulisce il neonato e lo aiuta a stare in piedi[32]. Una giraffa appena nata è alta circa 1,8 m. Entro poche ore dalla nascita, il piccolo è in grado di correre intorno ed è quasi indistinguibile da un esemplare di una settimana di età. Tuttavia, per le prime 1-3 settimane, trascorre la maggior parte del tempo restando nascosto[64]; il suo mantello gli garantisce un ottimo camuffamento. Gli ossiconi, che erano tenuti appiattiti nel grembo materno, diventano eretti nel giro di pochi giorni[24].

Le madri con i piccoli si riuniscono in apposite mandrie-nursery, spostandosi o brucando insieme. Le madri di questi gruppi possono talvolta lasciare i loro piccoli con una femmina mentre esse si spostano a mangiare e bere altrove. Questi raggruppamenti sono noti come «asili nido»[64]. I maschi adulti non giocano quasi alcun ruolo nell'allevamento dei piccoli[10], ma sembra che abbiano con questi ultimi interazioni amichevoli[60]. I piccoli sono continuamente minacciati dai predatori, e le madri cercano di proteggerli sovrastandoli con la loro mole e scalciando in direzione dei predatori che si avvicinano troppo[24]. Quando localizzano una fonte di disturbo, le femmine di guardia a un asilo nido cercano di allertare unicamente il proprio piccolo, ma gli altri prendono atto dell'accaduto e vanno loro dietro[64]. Il grado di legame che una madre condivide con il proprio piccolo è variabile, ma esso può durare fino al parto successivo[64]. Allo stesso modo, l'allattamento può durare appena un mese[10] o protrarsi per un anno intero[24][61]. Le femmine raggiungono la maturità sessuale all'età di quattro anni, mentre i maschi divengono maturi a quattro o cinque anni. Tuttavia, i maschi devono aspettare almeno l'età di sette anni prima di avere l'opportunità di accoppiarsi[24][32].

I maschi di giraffa combattono per stabilire la gerarchia.

Il necking[modifica | modifica wikitesto]

Per tutto l'anno, i maschi si affrontano in combattimenti a volte violenti. Siccome utilizzano prevalentemente il collo, gli anglosassoni hanno chiamato questi scontri «necking». La lotta viene talvolta scatenata da un maschio provocatore che si avvicina a un altro maschio e gli si pone di fronte, spavaldamente eretto sulle zampe rigide[12]. Se l'altro adotta lo stesso atteggiamento, la lotta è ingaggiata. In genere, la sfida inizia in modo cortese: i due rivali si affiancano lentamente, con le zampe allargate, nello stesso senso o in senso opposto; iniziano a muovere ritmicamente la testa e incurvando il collo lo sbattono con forza contro quello dell'avversario, cercando di colpirlo con gli ossiconi. Quindi cominciano a sospingersi, appoggiando tutto il peso del corpo contro il fianco dell'altro. Se non basta, aumentano la violenza dei colpi, di cui si sente il rumore a parecchie centinaia di metri di distanza[24]. Per colpire l'avversario, l'attaccante deve dondolare la testa con forza e quindi non può più padroneggiarne la traiettoria. È facile perciò, per il suo avversario, evitare l'urto. Infatti, la maggior parte dei colpi non raggiunge il bersaglio e, in genere, questi tornei non hanno gravi conseguenze[24].

I contendenti non ricorrono mai ai calci o ai morsi, armi che invece usano contro i predatori[10]. La disputa si conclude con la fuga di uno dei combattenti[12]. Il vincitore non lo insegue; talvolta, per confermare la sua vittoria e la sua egemonia, simula un accoppiamento. Queste interazioni tra maschi si sono rivelate più frequenti degli accoppiamenti eterosessuali[65]. Nel corso di uno studio, è risultato che fino al 94 per cento delle monte osservate avveniva tra maschi. La proporzione delle attività omosessuali variava tra il 30 e il 75 per cento. Solamente l'uno per cento delle monte omosessuali avveniva tra femmine[66].

Mortalità e salute[modifica | modifica wikitesto]

Leonessa presso la carcassa di una giraffa adulta.

Stranamente, le giraffe hanno una longevità maggiore rispetto ad altri ruminanti[67], e in natura possono vivere fino a 25 anni[16]. A causa delle loro dimensioni, della vista acuta e dei calci potenti, le giraffe adulte generalmente non sono soggette a predazione[24]. Tuttavia, possono cadere vittima dei leoni e costituiscono una loro preda regolare nel parco nazionale Kruger[68]. Anche i coccodrilli del Nilo possono costituire una minaccia per le giraffe quando sono costrette ad abbassare la testa per bere[32]. I piccoli sono molto più vulnerabili degli adulti, e talvolta cadono vittima di leopardi, iene macchiate e licaoni[15]. Appena il 25-50 per cento dei piccoli di giraffa raggiunge l'età adulta.

Le giraffe ospitano vari parassiti. Le zecche sono molto frequenti, specialmente nell'area attorno ai genitali, dove la pelle è più sottile che altrove[14]. Tra le specie più comuni che rivolgono attenzione alle giraffe figurano quelle dei generi Hyalomma, Amblyomma e Rhipicephalus. Le giraffe possono affidarsi all'opera delle bufaghe beccorosso e beccogiallo per ripulirsi dalle zecche e per essere avvisate in caso di pericolo. Le giraffe ospitano numerose specie di parassiti interni e sono soggette a varie malattie. Erano in particolar modo vittime della peste bovina, malattia virale attualmente eradicata[14].

Relazioni con l'uomo[modifica | modifica wikitesto]

Storia e significato culturale[modifica | modifica wikitesto]

Petroglifo san in Namibia raffigurante una giraffa.

Gli esseri umani interagiscono con le giraffe da millenni. I san dell'Africa meridionale eseguono particolari danze curative che prendono il nome da alcuni animali; la danza della giraffa viene eseguita per trattare le malattie della testa[69]. I motivi per spiegare l'altezza della giraffa sono stati l'oggetto di vari racconti popolari africani[12], tra cui uno proveniente dall'Africa orientale secondo il quale la giraffa sarebbe divenuta così alta per aver mangiato troppe erbe magiche[70]. Le giraffe sono state raffigurate nell'arte di quasi tutti i popoli africani, quali i kiffiani, gli egizi e i nubiani di Meroe[32]. Ai kiffiani si deve l'incisione di due giraffe a grandezza naturale che sono stati definite i «petroglifi di arte rupestre più grandi del mondo»[32][71]. Gli egizi attribuirono alla giraffa un proprio geroglifico, chiamato «sr» in egizio antico e «mmy» durante i periodi successivi[32]. Gli egizi allevavano le giraffe come animali da compagnia e le trasportavano via nave in altre zone del Mediterraneo[32].

Disegno di una giraffa importata in Cina durante la dinastia Ming.

La giraffa era conosciuta anche presso i greci e i romani, che, considerandola un mostruoso ibrido tra un cammello e un leopardo, la chiamavano camelopardalis[32]. La giraffa fu una delle molte specie animali collezionate e messe in mostra dai romani. La prima giunta a Roma venne portata là da Giulio Cesare nel 46 a.C. ed esibita al pubblico[32]. Con la caduta dell'Impero romano d'Occidente, il trasporto di giraffe in Europa cessò[32]. Durante il Medioevo, le giraffe divennero note agli europei attraverso il contatto con gli arabi, che veneravano la giraffa per il suo aspetto particolare[15].

Nel 1414, una giraffa venne trasportata via nave da Malindi al Bengala. Da qui venne portata in Cina dall'esploratore Zheng He e collocata in uno zoo della dinastia Ming. L'animale divenne una fonte di attrazione per i cinesi, che lo associavano al mitico Qilin[32]. La giraffa dei Medici era una giraffa presentata a Lorenzo de' Medici nel 1486. Il suo arrivo a Firenze provocò una grande eccitazione[72]. Un'altra famosa giraffa venne portata dall'Egitto a Parigi ai primi del XIX secolo come dono di Mohamed Alì di Egitto a Carlo X di Francia. Divenuta una celebrità, la giraffa fu il soggetto di numerosi memorabilia o «giraffanalia»[32].

Le giraffe continuano a essere presenti nella cultura moderna. Salvador Dalí le raffigurò con la criniera in fiamme in alcuni dei suoi dipinti surrealisti. Dalí considerava la giraffa un simbolo di mascolinità, e una giraffa in fiamme sarebbe dovuta apparire come un «mostro apocalittico cosmico mascolino»[32]. Vari racconti per bambini hanno come protagonista una giraffa, come La giraffa che aveva paura dell'altezza di David A. Ufer, Le giraffe non sanno danzare di Giles Andreae e Io, la giraffa e il pellicano di Roald Dahl. Le giraffe sono apparse in vari film animati, sia come semplici comparse nei film Disney Il re leone e Dumbo - L'elefante volante, che in ruoli più importanti nei film Uno zoo in fuga e Madagascar. Sophie la Giraffa è un popolare massaggiagengive per bambini fin dal 1961. Un'altra famosa giraffa immaginaria è la mascotte della catena di giocattoli Toys "R" Us, Geoffrey la Giraffa[32].

La giraffa è stata oggetto di vari esperimenti e scoperte scientifiche. Gli scienziati esaminarono attentamente le proprietà della pelle della giraffa quando dovettero creare tute per gli astronauti e i piloti di caccia[31], che corrono il rischio di svenire se il sangue scende troppo velocemente lungo gli arti inferiori. Alcuni informatici hanno modellato i disegni del mantello di alcune sottospecie tramite meccanismi di reazione-diffusione[73].

La costellazione della Giraffa, introdotta nel XVII secolo, raffigura quest'animale[32]. Gli tswana del Botswana interpretano la costellazione della Croce del Sud come due giraffe - Acrux e Mimosa formano il maschio, e Gacrux e Delta Crucis formano la femmina[74].

Importanza economica e stato di conservazione[modifica | modifica wikitesto]

Giraffa uccisa dagli indigeni agli inizi del XX secolo.

Le giraffe sono state probabilmente un comune bersaglio per i cacciatori di ogni parte dell'Africa[10]. Parti diverse del loro corpo venivano utilizzate per scopi differenti[14]. La carne veniva mangiata. Con i peli della coda venivano fabbricati scacciamosche, braccialetti, collane e fili[10][14]. Dalla pelle venivano ricavati scudi, sandali e tamburi, mentre i tendini erano utili come corde per gli strumenti musicali[14]. Il fumo esalato da una pelle di giraffa bruciata veniva utilizzato dagli sciamani del Buganda per trattare le epistassi[10]. Gli humr del Sudan assumono una particolare bevanda, detta Umm Nyolokh, fatta con il fegato e il midollo osseo della giraffa. L'Umm Nyolokh spesso contiene DMT e altre sostanze psicoattive provenienti dalle piante consumate dalla giraffa, quali l'acacia; la sua assunzione può provocare allucinazioni nelle quali gli humr sostengono di vedere i fantasmi delle giraffe uccise[75][76]. Nel XIX secolo, gli esploratori europei iniziarono a cacciare la giraffa per puro divertimento[32]. Anche la distruzione dell'habitat ha avuto un effetto deleterio sulla specie: nel Sahel, la richiesta di legna da ardere e di aree da pascolo per il bestiame ha portato a una intensa deforestazione. Normalmente, le giraffe possono convivere pacificamente con il bestiame domestico, dal momento che non competono direttamente con esso[16].

La giraffa è classificata come specie a rischio minimo dalla IUCN, in quanto è ancora numerosa. Tuttavia, la specie è scomparsa da molte zone del suo areale storico, quali l'Eritrea, la Guinea, la Mauritania e il Senegal. Probabilmente è scomparsa anche in Angola, Mali e Nigeria, ma è stata introdotta con successo in Ruanda e Swaziland[2]. Due sottospecie, la giraffa dell'Africa occidentale e la giraffa di Rothschild, sono considerate in pericolo di estinzione[25][26], in quanto allo stato selvatico ne rimangono appena poche centinaia[17]. Nel 1997, Jonathan Kingdon ipotizzava che la giraffa della Nubia fosse la più minacciata tra tutte le giraffe[4]; nel 2010, il suo numero era valutato al di sotto delle 250 unità, ma questa stima è solo approssimativa[17]. Le riserve di caccia private hanno contribuito alla conservazione delle popolazioni di giraffa nell'Africa meridionale[16]. Il Giraffe Manor è un popolare hotel di Nairobi che costituisce un vero e proprio santuario per la giraffa di Rothschild[77]. La giraffa è protetta in quasi tutto il suo areale. È l'animale nazionale della Tanzania[78] ed è protetta dalla legge[79]. Le uccisioni non autorizzate possono essere punite con il carcere[80]. Nel 1999, si stimava che vi fossero in natura più di 140.000 giraffe, ma le stime del 2010 indicano che ne rimangono meno di 80.000[17].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) D.E. Wilson e D.M. Reeder, Giraffa camelopardalis, in Mammal Species of the World. A Taxonomic and Geographic Reference, 3ª ed., Johns Hopkins University Press, 2005, ISBN 0-8018-8221-4.
  2. ^ a b c d (EN) Fennessy, J. & Brown, D. 2010, Giraffa camelopardalis, su IUCN Red List of Threatened Species, Versione 2015.2, IUCN, 2015.
  3. ^ a b c d Giraffe, Online Etymology Dictionary. URL consultato il 1º novembre 2011.
  4. ^ a b c d e J. Kingdon, The Kingdon Field Guide to African Mammals, Academic Press, 1997, pp. 339-44, ISBN 0-12-408355-2.
  5. ^ C. Peust, Semito-Hamitic Festschrift for A. B. Dolgopolsky and H. Jungraithmayr, Reimer, 2009, ISBN 3-496-02810-6.
  6. ^ camelopardalis, A Latin Dictionary, Perseus Digital Library. URL consultato il 23 novembre 2011.
  7. ^ Definition of CAMELOPARD, su m-w.com, Encyclopædia Britannica: Merriam-Webster. URL consultato il 3 settembre 2014.
  8. ^ Definition of camelopard, Dictionary of Medieval Terms and Phrases. URL consultato il 3 settembre 2014.
  9. ^ a b C. Walker, Signs of the Wild, Struik, 1997, p. 142, ISBN 1-86825-896-3.
  10. ^ a b c d e f g h i j k l m n o J. Kingdon, East African Mammals: An Atlas of Evolution in Africa, Volume 3, Part B: Large Mammals, University Of Chicago Press, 1988, pp. 313-37, ISBN 0-226-43722-1.
  11. ^ a b c d e f g h G. Mitchell and J. D. Skinner, On the origin, evolution and phylogeny of giraffes Giraffa camelopardalis (PDF), in Transactions of the Royal Society of South Africa, 58 (1), 2003, pp. 51-73, DOI:10.1080/00359190309519935.
  12. ^ a b c d e f g h R. E. Simmons and L. Scheepers, Winning by a Neck: Sexual Selection in the Evolution of Giraffe (PDF), in The American Naturalist, 148 (5), 1996, pp. 771-86, DOI:10.1086/285955.
  13. ^ a b c d L. N. Badlangana, J. W. Adams and P. R. Manger, The giraffe (Giraffa camelopardalis) cervical vertebral column: A heuristic example in understanding evolutionary processes?, in Zoological Journal of the Linnean Society, 155 (3), 2009, pp. 736-57, DOI:10.1111/j.1096-3642.2008.00458.x.
  14. ^ a b c d e f g h i j k l m n o p q r s A. I. Dagg, Giraffa camelopardalis (PDF), in Mammalian Species, 5 (5), 1971, pp. 1-8, DOI:10.2307/3503830, JSTOR 3503830.
  15. ^ a b c d e f g h i j D. R. Prothero and R. M. Schoch, Horns, Tusks, and Flippers: The Evolution of Hoofed Mammals, Johns Hopkins University Press, 2003, pp. 67-72, ISBN 0-8018-7135-2.
  16. ^ a b c d e f g h i j k R. A. Pellow, The Encyclopedia of Mammals, 2ª ed., Oxford University Press, 2001, pp. 520-27, ISBN 0-7607-1969-1.
  17. ^ a b c d e f g h i j k l m n o p q Giraffe – The Facts: Current giraffe status?, Giraffe Conservation Foundation. URL consultato il 21 dicembre 2010.
  18. ^ a b c d e f g h i Seymour, R. (2002) The taxonomic status of the giraffe, Giraffa camelopardalis (L. 1758), PH.D Thesis
  19. ^ Exhibits, Al Ain Zoo, 25 febbraio 2003. URL consultato il 21 novembre 2011.
  20. ^ Nubian giraffe born in Al Ain zoo, UAE Interact. URL consultato il 21 dicembre 2010.
  21. ^ a b c d e f g Giraffa, ISIS, 2010. URL consultato il 4 novembre 2010.
  22. ^ R. A. Brenneman, E. E. Louis Jr. and J. Fennessy, Genetic structure of two populations of the Namibian giraffe, Giraffa camelopardalis angolensis, in African Journal of Ecology, 47 (4), 2009, pp. 720-28, DOI:10.1111/j.1365-2028.2009.01078.x.
  23. ^ a b c d e A. Hassanin, A. Ropiquet, B-L. Gourmand, B. Chardonnet and J. Rigoulet, Mitochondrial DNA variability in Giraffa camelopardalis: consequences for taxonomy, phylogeography and conservation of giraffes in West and central Africa, in Comptes Rendus Biologies, 330 (3), 2007, pp. 173-83, DOI:10.1016/j.crvi.2007.02.008, PMID 17434121.
  24. ^ a b c d e f g h i j k l m n o p q r s t u v w x R. Estes, The Behavior Guide to African Mammals: including Hoofed Mammals, Carnivores, Primates, University of California Press, 1992, pp. 202-07, ISBN 0-520-08085-8.
  25. ^ a b Fennessy, J. & Brenneman, R. 2010, Giraffa camelopardalis ssp. rothschildi su IUCN Red List of Threatened Species, Versione 2015.2, IUCN, 2015.
  26. ^ a b Fennessy, J. & Brenneman, R. 2010, Giraffa camelopardalis ssp. peralta su IUCN Red List of Threatened Species, Versione 2015.2, IUCN, 2015.
  27. ^ a b c D. M. Brown, R. A. Brenneman, K-P. Koepfli, J. P. Pollinger, B. Milá, N. J. Georgiadis, E. E. Louis Jr., G. F. Grether, D. K. Jacobs and R. K. Wayne, Extensive population genetic structure in the giraffe, in BMC Biology, 5 (1), 2007, p. 57, DOI:10.1186/1741-7007-5-57, PMC 2254591, PMID 18154651.
  28. ^ A-M. Lever, Not one but 'six giraffe species', BBC News, 21 dicembre 2007. URL consultato il 4 marzo 2009.
  29. ^ a b J. D. Skinner and R. H. M. Smithers, The mammals of the southern African subregion, University of Pretoria, 1990, pp. 616-20, ISBN 0-521-84418-5.
  30. ^ R. N. Owen-Smith, 1988. Megaherbivores: The Influence of Very Large Body Size on Ecology. Cambridge: Cambridge University Press.
  31. ^ a b c d e f g h i S. Swaby, Mammal Anatomy: An Illustrated Guide, Marshall Cavendish Corporation, 2010, pp. 64-84, ISBN 0-7614-7882-5.
  32. ^ a b c d e f g h i j k l m n o p q r s t u v w x y z aa ab ac ad E. Williams, Giraffe, Reaktion Books, 2011, ISBN 1-86189-764-2.
  33. ^ a b G. Mitchell and J. D. Skinner, Giraffe thermoregulation: a review, in Transactions of the Royal Society of South Africa: Proceedings of a Colloquium on Adaptations in Desert Fauna and Flora, 59 (2), 2004, pp. 49-57, DOI:10.1080/00359190409519170, ISSN 0035-919X.
  34. ^ W. F. Wood and P. J. Weldon, The scent of the reticulated giraffe (Giraffa camelopardalis reticulata), in Biochemical Systematics and Ecology, 30 (10), 2002, pp. 913-17, DOI:10.1016/S0305-1978(02)00037-6.
  35. ^ a b c d R. E. Simmons and R. Altwegg, Necks-for-sex or competing browsers? A critique of ideas on the evolution of giraffe, in Journal of Zoology, 282 (1), 2010, pp. 6-12, DOI:10.1111/j.1469-7998.2010.00711.x.
  36. ^ D. MacClintock and U. Mochi, A natural history of giraffes, Scribner, 1973, p. 30, ISBN 0-684-13239-7.
  37. ^ C. Wood, Groovy giraffes…distinct bone structures keep these animals upright, Society for Experimental Biology, 7 marzo 2014. URL consultato il 7 maggio 2014.
  38. ^ T. Garland and C. M. Janis, Does metatarsal/femur ratio predict maximal running speed in cursorial mammals? (PDF), in Journal of Zoology, 229 (1), 1993, pp. 133-51, DOI:10.1111/j.1469-7998.1993.tb02626.x.
  39. ^ John P. Rafferty, Grazers (Britannica Guide to Predators and Prey), Britannica Educational Publishing, 2011, p. 194, ISBN 1-61530-336-7.
  40. ^ a b I. Tobler and B. Schwierin, Behavioural sleep in the giraffe (Giraffa camelopardalis) in a zoological garden, in Journal of Sleep Research, 5 (1), 1996, pp. 21-32, DOI:10.1046/j.1365-2869.1996.00010.x, PMID 8795798.
  41. ^ a b c D. M. Henderson and D. Naish, Predicting the buoyancy, equilibrium and potential swimming ability of giraffes by computational analysis, in Journal of Theoretical Biology, 265 (2), 2010, pp. 151-59, DOI:10.1016/j.jtbi.2010.04.007, PMID 20385144.
  42. ^ a b D. Naish, Will it Float?, in Scientific American, 304 (1), Gennaio 2011, p. 22, DOI:10.1038/scientificamerican0111-22, ISSN 0036-8733.
  43. ^ a b S. J. Van Sittert, J. D. Skinner and G. Mitchell, From fetus to adult – An allometric analysis of the giraffe vertebral column, in Journal of Experimental Zoology Part B Molecular and Developmental Evolution, 314B (6), 2010, pp. 469-79, DOI:10.1002/jez.b.21353.
  44. ^ N. Solounias, The remarkable anatomy of the giraffe's neck (PDF), in Journal of Zoology, 247 (2), 1999, pp. 257-68, DOI:10.1111/j.1469-7998.1999.tb00989.x.
  45. ^ a b J. T. du Toit, Feeding-height stratification among African browsing ruminants (PDF), in African Journal of Ecology, 28 (1), 1990, pp. 55-62, DOI:10.1111/j.1365-2028.1990.tb01136.x.
  46. ^ E. Z. Cameron and J. T. du Toit, Winning by a Neck: Tall Giraffes Avoid Competing with Shorter Browsers (PDF), in American Naturalist, 169 (1), 2007, pp. 130-35, DOI:10.1086/509940, PMID 17206591.
  47. ^ A. P. Woolnough and J. T. du Toit, Vertical zonation of browse quality in tree canopies exposed to a size-structured guild of African browsing ungulates (PDF), in Oecologia, 129 (1), 2001, pp. 585-90, DOI:10.1007/s004420100771.
  48. ^ a b T. P. Young and L. A. Isbell, Sex differences in giraffe feeding ecology: energetic and social constraints (PDF), in Ethology, 87 (1-2), 1991, pp. 79-89, DOI:10.1007/s004420100771.
  49. ^ G. Mitchell, S. van Sittert and J. D. Skinner, The demography of giraffe deaths in a drought, in Transactions of the Royal Society of South Africa, 65 (3), 2010, pp. 165-68, DOI:10.1080/0035919X.2010.509153.
  50. ^ G. Mitchell, S. J. van Sittert and J. D. Skinner, Sexual selection is not the origin of long necks in giraffes, in Journal of Zoology, 278 (4), 2009, pp. 281-86, DOI:10.1111/j.1469-7998.2009.00573.x.
  51. ^ a b M. J. Wedel, A monument of inefficiency: the presumed course of the recurrent laryngeal nerve in sauropod dinosaurs (PDF), in Acta Palaeontologica Polonica, 57 (2), 2012, pp. 251-56, DOI:10.4202/app.2011.0019.
  52. ^ D. F. N. Harrison, The Anatomy and Physiology of the Mammalian Larynx, Cambridge University Press, 1995, p. 165, ISBN 0-521-45321-6.
  53. ^ a b J. D. Skinner and G. Mitchell, Lung volumes in giraffes, Giraffa camelopardalis, in Comparative Biochemistry and Physiology – Part A: Molecular & Integrative Physiology, 158 (1), 2011, pp. 72-78, DOI:10.1016/j.cbpa.2010.09.003.
  54. ^ G. Mitchell, S. J. van Sittert and J. D. Skinner, The structure and function of giraffe jugular vein valves, in South African Journal of Wildlife Research, 39 (2), 2009, pp. 175-80, DOI:10.3957/056.039.0210.
  55. ^ W. Pérez, M. Lima and M. Clauss, Gross anatomy of the intestine in the giraffe (Giraffa camelopardalis), in Anatomia, Histologia, Embryologia, 38 (6), 2009, pp. 432-35, DOI:10.1111/j.1439-0264.2009.00965.x, PMID 19681830.
  56. ^ A. J. E. Cave, On the liver and gall-bladder of the Giraffe, in Proceedings of the Zoological Society of London, 120 (2), 1950, pp. 381-93, DOI:10.1111/j.1096-3642.1950.tb00956.x.
  57. ^ Carla K. Oldham-Ott and Jacques Gilloteaux, Comparative morphology of the gallbladder and biliary tract in vertebrates: variation in structure, homology in function and gallstones, in Microscopy Research and Technique, 38 (6), 1997, pp. 571-79, DOI:10.1002/(SICI)1097-0029(19970915)38:6<571::AID-JEMT3>3.0.CO;2-I.
  58. ^ J. Fennessy, Ecology of desert-dwelling giraffe Giraffa camelopardalis angolensis in northwestern Namibia, University of Sydney, 2004.
  59. ^ a b H. P. van der Jeugd and H. H. T. Prins, Movements and group structure of giraffe (Giraffa camelopardalis) in Lake Manyara National Park, Tanzania (PDF), in Journal of Zoology, 251 (1), 2000, pp. 15-21, DOI:10.1111/j.1469-7998.2000.tb00588.x.
  60. ^ a b c d e f g D. M. Pratt and V. H. Anderson, Giraffe social behavior, in Journal of Natural History, 19 (4), 1985, pp. 771-81, DOI:10.1080/00222938500770471.
  61. ^ a b c d e B. M. Leuthold, Social organization and behaviour of giraffe in Tsavo East National Park, in African Journal of Ecology, 17 (1), 1979, pp. 19-34, DOI:10.1111/j.1365-2028.1979.tb00453.x.
  62. ^ Silent Sentinels?, PBS online – Nature. URL consultato il 21 dicembre 2011.
  63. ^ Mammal Guide – Giraffe, Animal Planet. URL consultato il 7 marzo 2009.
  64. ^ a b c d V. A. Langman, Cow-calf relationships in giraffe (Giraffa camelopardalis giraffa), in Zeitschrift fur Tierpsychologie, 43 (3), 1977, pp. 264-86. doi:10.1111/j.1439-0310.1977.tb00074.x
  65. ^ M. J. Coe, 'Necking' behavior in the giraffe, in Journal of Zoology, 151 (2), 1967, pp. 313-21, DOI:10.1111/j.1469-7998.1967.tb02117.x.
  66. ^ B. Bagemihl, Biological Exuberance: Animal Homosexuality and Natural Diversity, St. Martin's Press, 1999, pp. 391-93, ISBN 0-312-19239-8.
  67. ^ D. W. Müller, P. Zerbe, D. Codron, M. Clauss and J. M. Hatt, A long life among ruminants: giraffids and other special cases, in Schweizer Archiv für Tierheilkunde, 153 (11), 2011, pp. 515-519, DOI:10.1024/0036-7281/a000263, PMID 22045457.
  68. ^ N. Owen-Smith and M. G. Mills, Predator-prey size relationships in an African large-mammal food web, in Journal of Animal Ecology, 77 (1), 2008, pp. 173-83, DOI:10.1111/j.1365-2656.2007.01314.x, PMID 18177336.
  69. ^ K. Ross, Okavango: jewel of the Kalahari, Struik, 2003, p. 168, ISBN 1-86872-729-7.
  70. ^ N. Greaves and R. Clement, When Hippo Was Hairy: And Other Tales from Africa, Struik, 2000, pp. 86-88, ISBN 1-86872-456-5.
  71. ^ The Dabous Giraffe rock art petrograph, The Bradshaw Foundation. URL consultato il 6 novembre 2011.
  72. ^ E. Ringmar, Audience for a Giraffe: European Expansionism and the Quest for the Exotic (PDF), in Journal of World History, 17 (4), 2006, pp. 353-97, DOI:10.1353/jwh.2006.0060, JSTOR 20079397.
  73. ^ M. Walter, A. Fournier and D. Menevaux, Integrating shape and pattern in mammalian models in SIGGRAPH '01 (PDF), in Proceedings of the 28th annual conference on Computer graphics and interactive techniques, 2001, pp. 317–26, DOI:10.1145/383259.383294, ISBN 1-58113-374-X.
  74. ^ A. Clegg, Some Aspects of Tswana Cosmology, in Botswana Notes and Records, vol. 18, 1986, pp. 33-37, JSTOR 40979758.
  75. ^ Ian Cunnison, Giraffe hunting among the Humr tribe, in Sudan Notes and Records, vol. 39, 1958.
  76. ^ 6 Animals That Can Get You High on Cracked.com.
  77. ^ M. Lord, Outlandish Outposts: Giraffe Manor in Kenya, Forbes.com, 11 gennaio 2012. URL consultato il 4 aprile 2012.
  78. ^ J. Knappert, East Africa: Kenya, Tanzania & Uganda, Vikas Publishing House, 1987, p. 57, ISBN 0-7069-2822-9.
  79. ^ Charles Foley, Lara Foley, Alex Lobora, Daniela De Luca, Maurus Msuha, Tim R. B. Davenport and Sarah M. Durant, A Field Guide to the Larger Mammals of Tanzania, Princeton University Press, 8 giugno 2014, pp. 179-, ISBN 978-1-4008-5280-2.
  80. ^ National Symbols: National Animal, su tanzania.go.tz, Tanzania Government Portal. URL consultato il 14 gennaio 2015.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

mammiferi Portale Mammiferi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mammiferi