Lingua lozi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Lozi
siLozi
Parlato in Botswana, Namibia, Zambia, Zimbabwe
Locutori
Totale 722.600
Altre informazioni
Scrittura Alfabeto latino
Tassonomia
Filogenesi Lingue niger-kordofaniane
 Lingue congo-atlantiche
  Lingue volta-congo
   Lingue benue-congo
    Lingue bantoidi
     Lingue bantu
      Lingue sotho-tswana
Codici di classificazione
ISO 639-2 loz
ISO 639-3 loz (EN)
Glottolog lozi1239 (EN)

La lingua lozi (nome nativo siLozi), anche conosciuta come rotse, è una lingua sotho-tswana parlata in Botswana, Namibia, Zambia e Zimbabwe.

Distribuzione geografica[modifica | modifica wikitesto]

Viene parlata principalmente nello Zambia occidentale (circa 610.000 parlanti nel 2006,[1] appartenenti all'omonimo gruppo etnico); piccoli gruppi di parlanti si trovano anche in alcuni Paesi confinanti (Zimbabwe, Namibia, Botswana).[2] La regione dello Zambia dove abitano i lozi viene detta Barotseland, nome derivante dall'altro etnonimo rotse.

Secondo le stime di Ethnologue,[1] i locutori di lozi sono complessivamente 722.600; oltre allo Zambia, sono presenti in Zimbabwe (70.000 nel 1982), Namibia (28.600 nel 2006) e Botswana (14.000 nel 2006).

Il lozi viene usata in Zambia per pubblicazioni e trasmissioni radiofoniche;[1] viene inoltre usata in Namibia come lingua franca nella zona del dito di Caprivi,[3] abitato da popolazioni sia bantu che khoisan.

Classificazione[modifica | modifica wikitesto]

La lingua appartiene al sottogruppo delle lingue sotho-tswana, a loro volta comprese nel gruppo S nella classificazione di Guthrie delle lingue bantu; è maggiormente affine a lingue come il tswana, il sotho del nord, il sotho del sud e il kgalagadi.

Secondo Ethnologue,[1] la classificazione della lingua lozi è la seguente:

Sistema di scrittura[modifica | modifica wikitesto]

Il lozi viene scritto con un alfabeto latino, ufficializzato dallo Zambia nel 1977.[3][1]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e (EN) Lewis, M. Paul, Gary F. Simons, and Charles D. Fennig (eds), Lozi, in Ethnologue: Languages of the World, Seventeenth edition, Dallas, Texas, SIL International, 2013.
  2. ^ (EN) Lingua lozi su LLmap Archiviato il 30 marzo 2012 in Internet Archive.
  3. ^ a b (EN) Lingua lozi su PanAfrican Localisation Project.
Controllo di autoritàLCCN (ENsh85078695 · BNF (FRcb125513232 (data)