Giovanni Gallavotti

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Giovanni Gallavotti

Giovanni Gallavotti (Napoli, 29 dicembre 1941) è un matematico e fisico italiano.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Laureato in fisica all'Università Roma nel 1963, perfezionatosi a Firenze nel 1965, Gallavotti studiò poi con David Ruelle, all’Institut des Hautes Études Scientifiques, e negli USA.

Nel 1965-66 è professore incaricato presso la Facoltà di Ingegneria e di Scienze di Firenze, nel 1967-68 assume l'incarico di ricercatore presso l'Institut des hautes etudes scientifiques di Parigi, nel biennio successivo effettua ricerca alla Rockefeller University di New York e agli inizi degli anni settanta è assistente ordinario nell'Istituto di Matematica dell'Università di Roma.
Dal 1972/73 è professore ordinario in Italia, prima a Napoli e dal 75/76 a Roma; è stato anche docente di Fisica Teorica in Olanda e di Matematica alla Rutgers University.

Le sue ricerche e risultati hanno riguardato tutti i settori della fisica matematica: la teoria dei sistemi dinamici, la teoria ergodica, la fluidodinamica, la teoria quantistica dei campi e, soprattutto, la meccanica statistica.

Nel 1997 ha ricevuto il "Premio Nazionale Presidente della Repubblica" presso la Classe di Scienze Naturali dell'Accademia Nazionale dei Lincei e nel 2007 ha vinto la Medaglia Boltzmann, il più alto riconoscimento internazionale per contributi scientifici alla meccanica statistica, con la motivazione “For his fundamental contributions to our precise understanding of equilibrium and non-equilibrium statistical physics, including the development of a constructive renormalization group for phase transitions, dynamical systems and quantum liquids”.
È membro dell'Accademia Nazionale dei Lincei[1] e di numerosi comitati scientifici italiani e internazionali.
È stato il maestro di un gran numero di ricercatori sia in Italia sia negli Usa.

Opere[modifica | modifica sorgente]

Oltre ai tanti articoli scientifici, Gallavotti è autore di diversi importanti libri:

  • Meccanica Elementare, ed. P. Boringhieri, Torino,1980. (II ed. 1986) - tradotto in inglese da Springer.
  • Aspetti della Teoria ergodica qualitativa e statistica del moto, Quaderno U.M.I., no. 21, ed. Pitagora, Bologna, 1982. (parzialmente tradotto in inglese da Springer).
  • Renormalization group, Princeton University Press, 1995, (con G. Benfatto).
  • Trattatello di Meccanica Statistica, "Quaderni del CNR-GNFM", vol. 50, Firenze, 1995.
  • Ipotesi per una introduzione alla Meccanica dei Fluidi "Quaderni del CNR-GNFM", vol. 52, Firenze, 1997.
  • Statistical mechanics. A short treatise, Springer Verlag, Berlino 1999.
  • Foundations of fluid mechanics, Springer Verlag, Berlino, 2002 (II ed. 2005).

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Scheda socio, dal sito dell'Accademia dei Lincei

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 85623320 LCCN: n79029477