Institut des Hautes Études Scientifiques

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
L'edificio principale dell'IHÉS

L'Institut des hautes études scientifiques (IHÉS) è un'istituzione francese di diritto privato finalizzata a sostenere la ricerca avanzata nel campo della matematica e della fisica teorica. Ha sede a Bures-sur-Yvette, nei pressi di Parigi.

L'IHÉS, fondato nel 1958 dall'uomo d'affari e matematico Léon Motchane, con l'aiuto di Robert Oppenheimer e Jean Dieudonné, ha per obiettivo il reclutamento dei migliori ricercatori. Accoglie un piccolo numero di professori in posizione permanente, con nomina a vita, e circa 200 visitatori all'anno per soggiorni della durata media di tre mesi. Vi è anche un piccolo numero di visitatori di lunga durata. La ricerca non è diretta e ciascun ricercatore può sentirsi libero di perseguire i propri obiettivi. Ai professori permanenti è comunque richiesto di garantire una presenza annua per almeno 6 mesi.

Le scelte sul funzionamento dell'IHÉS sarebbero state influenzate da Robert Oppenheimer, allora direttore dell'Institute for Advanced Study (IAS) a Princeton. La forte personalità di Alexander Grothendieck e la vasta portata delle sue teorie rivoluzionarie, hanno profondamente marcato i primi dieci anni di vita dell'IHÉS. René Thom fu un'altra figura caratterizzante, così come Dennis Sullivan, che aveva un particolare talento nell'incoraggiare fruttuosi scambi tra i visitatori.

L'IHÉS pubblica una rivista matematica, le Publications mathématiques de l'IHÉS, che ha acquisito una ottima reputazione.

A dirigere l'IHÉS furono, in ordine cronologico: Léon Motchane (1958–71), Nicolaas Kuiper (1971–85), Marcel Berger (1985–94), Jean-Pierre Bourguignon (1994-2013), Emmanuel Ullmo (dal 2013).

Tra i grandi matematici che sono, o sono stati, professori permanenti, si possono citare Alexander Grothendieck, Jean Bourgain, Alain Connes, Pierre Deligne (che in seguito è andato a far parte dell'Institute for Advanced Study), René Thom, David Ruelle, Mikhaïl Gromov, Laurent Lafforgue e Maxim Kontsevich.

Aneddoti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]