Gilles-Henri-Alexis Barthe

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Gilles-Henri-Alexis Barthe
vescovo della Chiesa cattolica
Template-Bishop.svg
Respice stellam
 
Incarichi ricoperti
 
Nato4 giugno 1906 a Briatexte
Ordinato presbitero29 giugno 1930
Nominato vescovo13 maggio 1953 da papa Pio XII
Consacrato vescovo24 giugno 1953 dall'arcivescovo Jean-Joseph-Aimé Moussaron
Deceduto14 luglio 1993 (87 anni) a Tolone
 

Gilles-Henri-Alexis Barthe (Briatexte, 4 giugno 1906Tolone, 14 luglio 1993) è stato un vescovo cattolico francese.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Monsignor Gilles-Henri-Alexis Barthe nacque a Briatexte il 4 giugno 1906.

Formazione e ministero sacerdotale[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1926, mentre partecipava a una cerimonia organizzata per la canonizzazione di Teresa di Lisieux, capì la novità del suo messaggio che avrebbe predicato per tutta la vita. Studiò al seminario maggiore di Albi.

Il 29 giugno 1930 fu ordinato presbitero per l'arcidiocesi di Albi. Nel 1953 venne nominato vicario generale.

Ministero episcopale[modifica | modifica wikitesto]

Il 13 maggio 1953 papa Pio XII lo nominò vescovo di Monaco. Ricevette l'ordinazione episcopale il 24 giugno successivo nella cattedrale di Albi dall'arcivescovo metropolita di Albi Jean-Joseph-Aimé Moussaron, coconsacranti il vescovo di Carcassonne Pierre-Marie-Joseph Puech e quello di Rodez Marcel-Marie-Joseph-Henri-Paul Dubois.

Il 18 aprile 1956 presiedette il matrimonio del principe Ranieri III di Monaco con Grace Kelly. Negli anni successivi battezzò i loro tre figli.

Il 4 maggio 1962 papa Giovanni XXIII lo nominò vescovo di Fréjus-Tolone.

Partecipò al Concilio Vaticano II.

Contribuì al rinnovamento della diocesi, accogliendo nuove comunità religiose come le suore di Betlemme a Verne e Thoronet, i benedettini a Bessillon e la comunità di San Giovanni. Introdusse il diaconato permanente ed esortò i fedeli a un maggiore impegno all'interno della Chiesa.

Tuttavia, si trovò ad affrontare una crisi del clero, a cui rispose con carità e fermezza, invitando a "mantenere l'amicizia, ma rimanere fermi sulla verità", affermando che certi atteggiamenti sono "inaccettabili".[1] In questo momento difficile, monsignor Barthe dovette gestire l'accoglienza di monsignor Pierre Martin Ngô Đình Thục, un arcivescovo sud-vietnamita in esilio che poi ordinò illecitamente dei vescovi a Tolone.[2] La cautela del vescovo Barthe arrivò a impedire che i suoi sacerdoti diocesani partecipassero a una conferenza tenuta a Tolone da monsignor Leo Paul Seitz, vescovo emerito di Kontum e membro della Società per le missioni estere di Parigi, in modo da non dare l'impressione di appoggiare questo oratore che era etichettato come "anti-comunismo primario".[3] Quest'ultimo, un intrepido missionario e testimone delle atrocità della guerra del Vietnam, non nascose in un libro intitolato The Time of the Silent Dogs le riflessioni personali sulle prove che lui e il popolo del Vietnam avevano affrontato e la delusione sperimentata nel trovare una Francia addormentata e muta, indifferente al dramma che si era consumato e si consumava ancora nel suo paese di missione.[4]

L'8 febbraio 1983 papa Giovanni Paolo II accettò la sua rinuncia al governo pastorale della diocesi per raggiunti limiti di età. Si ritirò vicino al Focolare della Carità di Roquefort-les-Pins dove offrì un ministero di accompagnamento spirituale e predicazione. Nel 1984 il papa lo chiamò a guidare come amministratore apostolico l'arcidiocesi di Monaco, vacante per il trasferimento di monsignor Charles-Amarin Brand.

Morì a Tolone il 14 luglio 1993 all'età di 87 anni. È sepolto nella cattedrale di Tolone.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • La caractérologie pastorale: Caractère et vocation, Monaco, J. V., gennaio 1965, 366 p. (con Paul Griéger)
  • L'Enfance Spirituelle, Pneumathèque, coll. «Petits Traités Spirituels», gennaio 1993

Genealogia episcopale[modifica | modifica wikitesto]

Successione apostolica[modifica | modifica wikitesto]

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Onorificenze francesi[modifica | modifica wikitesto]

Ufficiale dell'Ordine della Legion d'Onore - nastrino per uniforme ordinaria Ufficiale dell'Ordine della Legion d'Onore
Croix de guerre 1939-1945 (Francia) - nastrino per uniforme ordinaria Croix de guerre 1939-1945 (Francia)
— 1939

Onorificenze straniere[modifica | modifica wikitesto]

Commendatore dell'Ordine di San Carlo (Monaco) - nastrino per uniforme ordinaria Commendatore dell'Ordine di San Carlo (Monaco)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Mgr Gilles Barthe, Attitude de la Communauté chrétienne devant les prêtres qui ont quitté, Documentation catholique, n°|1612, 2 luglio 1972, pag. 649.
  2. ^ Communiqué de Mgr Barthe, A propos des ordinations de Mgr Ngo Dinh Thuc, Documentation catholique, n°|1824, 21 febbraio 1982 pag. 217.
  3. ^ Dom Jean-Louis de Robien, Missionnaire intrépide: Paul Seitz (1906-1984), Évêque de Kontum (Vietnam), Éditions du Jubilé, Montrouge 2014, pag. 289.
  4. ^ Id., pag. 304.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN230017226 · ISNI (EN0000 0003 6636 773X · BNF (FRcb12234006f (data)