Giancarlo Flati

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Giancarlo Flati
Manifesto mostra a Palazzo Venezia
"Carnevale di memorie" (2007) - Collezione del Comune di Auronzo di Cadore, Belluno
"La Marge" - El Circulo Magico, Padiglione Nazionale Guatemala 57.Esposizione Internazionale d’Arte - Biennale di Venezia (2017)
"Io albero dei Margini" - Biennale di Venezia (2017)
"Dal silenzio delle foglie" - Biennale di Venezia (2017)

Giancarlo Flati (L'Aquila, 11 maggio 1953) è un pittore, scrittore e chirurgo italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

A partire dal 1972 Flati effettua lunghi soggiorni presso Università e centri di ricerca in Svezia, Polonia, Germania, Norvegia, Spagna, USA, dedicandosi sia alla ricerca artistica che a quella chirurgica. Il suo percorso artistico viene profondamente influenzato dalla cultura "mittel" e nordeuropea.

Già microchirurgo, ricercatore di chirurgia generale e docente, sino al 2009, di Metodologia Medico Scientifica presso L'Università degli Studi di Roma "La Sapienza".

Nel 2009, dopo il sisma dell'Aquila, fonda e presiede l'Associazione "Cantiere Aquilano di Cultura Creativa ai Margini della Coscienza"[1].

Attività artistica[modifica | modifica wikitesto]

Dopo un lungo periodo figurativo (anni Settanta e Ottanta), Flati approda ad un lavoro di indagine artistica in cui tenta di trovare una sintesi tra scienza e arte[2][3].

A partire dagli anni Duemila, Flati indaga con la sua arte il significato estetico di un rivoluzionario rapporto mente-materia che rimette in discussione la classica rappresentazione della "realtà". Le teorie sull'olomovimento, sull'universo olografico e sul cervello olografico di David Bohm e Karl Pribram hanno portato infatti, alla fine del secolo scorso, il mondo della meccanica quantistica e quello delle neuroscienze a convergere su un nuovo modello di coscienza già contemplato dalla teoria dell'Ordine Implicato proposta da Bohm stesso negli anni settanta.

Nel 2017 nell’ambito della corrente artistica della Estetica Paradisiaca ideata dallo storico dell’arte Daniele Radini Tedeschi viene invitato alla Esposizione Triennale di Roma al Complesso del Vittoriano[4]. Nello stesso anno viene nominato dallo Storico dell’Arte Daniele Radini Tedeschi membro effettivo di El Circulo Magico, Padiglione Nazionale Guatemala, 57.Esposizione Internazionale d’Arte - la Biennale di Venezia[5] e per l’evento scrive il libro “Ai margini della mente creativa” ispirato al tema “La Marge” (prefatore Daniele Radini Tedeschi) dove vengono descritti i concetti ed i fondamenti teorici delle opere “Io albero dei Margini” e “Dal Silenzio delle foglie”[6].


Attività di illustratore[modifica | modifica wikitesto]

Flati ha illustrato numerose pubblicazioni, sia di carattere letterario, sia di argomento scientifico. Tra esse:

  • Elio Peretti, Na gulia de bbiangu, Siena, Editori del Grifo, 1990.
  • Elio Peretti, Canto di fine giorno, L’Aquila, Graphic Press, 1994.
  • Giancarlo Flati - Elio Peretti, Il colore delle parole, L’Aquila, Graphic Press, 1994.
  • Elio Peretti, In Memoria, Ed. Colacchi, 2001.
  • Elio Peretti, Nel pensier mi fingo, Ed. Colacchi, 2002.
  • Frammenti di cieli e di paesi, Roma, Grafica Animobono, 2004.
  • Sheep-Tracks and Transhumance - A Great Heritage, Archè Edizioni - Deltaensemble, 2008.
  • Urology XXXV , 2:121-126, 1990.
  • Microsurgery 14:628-633,1993.
  • Japanese Journal of Surgery (Surgery Today), 30:104-105, 2000.
  • Pancreatology,2:4-11,2002.
  • Pancreas,26,1:8-14,2003.
  • Fertility and Sterility 82 (6):1527-1531, 2004.
  • Clinica Terapeutica 156 (5): 191-195, 2005.
  • Clinica Terapeutica 157 (2): 95-103, 2006.
  • Pietro Cugini, Addio all'infanzia, Società Editrice Universo, 2015, ISBN 978-88-65151-06-8.

Esposizioni[modifica | modifica wikitesto]

Tra le esposizioni personali si ricordano in particolare "Sequenze dell'Invisibile" tenuta alla Rocca dei Rettori di Benevento[7], "Intersezioni del Tempo", svoltasi a Palazzo Venezia[8][9] e "Dai Qbits ai nodi del Tempo?", organizzata nel 2012 all'Istituto Italiano di Cultura di Monaco di Baviera[10], ad Auronzo di Cadore[11] e al Castello di Roncade[12]. È stato selezionato per le seguenti esposizioni:

  • Biennale Internazionale D'Arte di Palermo 2013[13]
  • Prima Biennale della Creatività Verona 2014[14]
  • Biennale Internazionale di Arte e Cultura - Fiera di Roma 2015[15]
  • The Miami Art Expo 2015 USA[16]
  • Gallery Steiner 2015 Vienna[17]
  • Esposizione Triennale di Arti Visive a Roma - Complesso del Vittoriano - Ala Brasini 2017[18]
  • Collettivo "El Circulo Magico", Padiglione Nazionale Guatemala, 57.Esposizione Internazionale d'Arte - La Biennale di Venezia 2017[19]

Contributi critici[modifica | modifica wikitesto]

Considerevole è l'interesse ed il consenso che autorevoli critici ed intellettuali (tra i quali Giorgio Agnisola, Vito Apuleo, Giuseppe Benelli, Luigina Bortolatto, Angelo Centonze, Sandro Dell'Orco, Zenon Grocholewski, Paolo Levi, Luciano Luisi, Dino Marasà, Roland Maszka, Katiusha Minicozzi, Renato Minore, Gioia Mori, Elio Peretti, Roberto Russo, Salvatore Russo, Alida Maria Sessa, Sandro Serradifalco, Claudio Strinati, Duccio Trombadori) hanno rivolto a Flati e alla sua arte:

« Flati traduce il mondo invisibile in una dimensione costruita attraverso la combinazione di materia, di segno e di colore con immagini mobili, ricche di mistero che fanno della beltà una guida importante per raggiungere il vero come in matematica

dove la scoperta dipende anche dal senso della bellezza tradotto nell'eleganza delle formule »

(Luigina Bortolatto[20])
« Flati è un artista dotato di un alto livello di consapevolezza. In lui il flusso spontaneo dell’ ispirazione e la capacità riflessiva sul suo stesso lavoro si bilanciano come raramente accade. È attivo già da parecchi anni ma non c’è dubbio sul fatto che la sua opera si cali bene nel rinnovamento di questo inizio millennio. Con gli anni il maestro ha messo a punto, infatti, uno stile personalissimo, in parte dipendente anche dalle sue specifiche esperienze di uomo di scienza e d’ arte nel contempo, fino a contemperare un impulso assolutamente spontaneo con i risultati di un'ardua riflessione in cui convergono temi di ordine psicologico e metafisico, tecnico e spirituale »
(Claudio Strinati[21])
« Attraverso le opere di Giancarlo Flati tutti noi spontaneamente impariamo un nuovo linguaggio, un linguaggio rivoluzionario, che è in grado di sostituire appieno ogni trovata artistica passata. È un'arte che ha la stessa importanza delle rivoluzioni dello scorso secolo e senza alcun dubbio la sua arte lo farà e diverrà modello per i posteri »
(Sandro Serradifalco[22])
« (...) Accanto all’albero, quasi come seme della cresciuta pianta, il Flati ha creduto necessario far conoscere quella che potrebbe essere definita come la forma magmatica di vita artistica del suo pensiero filosofico: il libro d’artista. La sua rilegatura è legnosa, arborea, formata da una spessa corteccia protettiva, mentre al suo interno le pagine lasciano il posto ad opere di straordinaria potenza evocativa, immagini pregne di margini, esplosioni di sensibilità profonda, ricerche continue di dimensioni ulteriori rispetto agli spazi conosciuti. Flati con questo libro e con l’Albero dei margini, dichiara la sua fede di ermeneuta della contemporaneità, essendo egli artista laborioso e silente, lontano dal narcisismo delle avanguardie o del postmoderno, fedele confratello di eletta comune fondante sulla riflessione scientifica-perciò naturale- della spiritualità. »
(Daniele Radini Tedeschi[23])
« Un'indagine epistemologica, quella di Flati, che congela il movimento esplosivo della materia in purissimi schizzi da cui traspare l'idea di una sorta di lirica conoscenza della realtà pulviscolare di cui è composta la realtà dell'universo (il macro e il micro) e, con essa, la porosa e granulare proprietà dell'emozione. Alla seduttività delle "immagini" e delle "visioni" scientifiche (cellule di sangue, fibre nervose, grani di DNA), contemplate e trasfigurate, stimate come detentrici di un nuovo e più enigmatico sapere e potere, corrisponde l'universo dell'omologia pittorica. Quel modo pulsante e lirico che realizza una continua fuga nella "meraviglia", sentita come possente metafora di rigenerazione, gorgo di continua trasformazione. Come in una singolare «croce di Einstein» in cui un oggetto lontano si moltiplica in più punti di luce, i colori e gli oggetti di Flati trasaliscono come piccole crepe appena li si agiti un po', muovendosi verso la la loro momentanea rimessa a fuoco, cangiante e abbagliante insieme.

"Informazione minima", "Informazione olografica"; "Interegno", "It from qbit 1", "Lei viene incontro", "Transizione 1"... Questi alcuni dei titoli delle composizione che, nella luminosa leggerezza, nella fragile profondità, abbattuta definitivamente la pretesa naturalistica della visibilità del mondo attraverso la rappresentazione, inseguono un mondo stellare e materico, appena mosso dal vortice di una metamorfosi che lo trasforma in ogni momento. Dove la vita appare come un unico evento, una specie di gigantesca fiamma che brucia lentamente e da cui partono mille e mille fuochi e fuocherelli individuali, che non sono però mai fisicamente disgiunti dalla fiamma principale. "Paesaggi" e "luoghi" colti dall'occhio tutto (solo all'apparenza) "mentale" di Flati, mossi da un maelström d'energia per cui le "cose", i "segni" - barbagli o residui di sabbia e di gesso, corpuscoli in cerca di una forma appena riconoscibile- diventano la leggerissima trabeazione di un sogno lungamente covato e fluttuante, sottratto al rigore intellettuale, affidato alla purissima sostanza delle immagini di mondi immaginari e dolcemente ossessivi. »

(Renato Minore[24])
« Giancarlo Flati vive l'arte come un imperativo morale. Al tempo stesso riscopre le virtù taumaturgiche dell'indagine sperimentale ed estetica codificata dalla scienza della vita. Accade così che egli oppone uno sguardo filosofico e rabdomantico sui ritmi della natura allo scopo di farli "parlare" per mezzo di una figurazione che riesce ad imporsi a prima vista: "spiare la vita e i suoi segreti" non è affare da poco, se questa endoscopia dell'infinitamente piccolo può diventare parafrasi del primigenio, del cosmico e dell'incontro sintetico di spazio e tempo...

Sono le relazioni che tengono insieme arte, religione e scienza ad entrare nel gioco rappresentativo di Giancarlo Flati e a suscitare una pensosa e partecipante reazione estetica. In ciò consiste l'indubbia originalità di un'opera che si distingue non solo per la sua maniera di vedere ma anche per lo straordinario spettacolo che invita gli osservatori ad attraversare, con la medesima intensità intellettuale e sentimentale, l'esperienza percettiva della "materia in movimento" »

(Duccio Trombadori[25])


Premi e riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2005 gli viene conferito il Premio Museo Michetti (sezione ricerca scientifica)[26].

Nel 2016 vince il concorso per il premio copertina della rivista USA Art & Beyond - Luglio/Agosto 2016[27].

Attività scientifica e pubblicazioni[modifica | modifica wikitesto]

È autore e coautore di vari studi di chirurgia specialistica e di oltre trecento pubblicazioni scientifiche edite su riviste italiane e straniere aventi come oggetti principali delle sue ricerche la messa a punto di nuove tecniche microchirurgiche, il trattamento dell'infertilità maschile ed il management delle patologie endocrine, gastrointestinali, pancreatiche infiammatorie e neoplastiche.

È inoltre autore dei seguenti libri:

  • Varicocele ed infertilità maschile (con Gentile e Lenzi), SEU, 2006.
  • Il segreto del pendolo di Bentov. Co-Scienza, estetica dell'invisibile e ordini nascosti, Aracne Editrice, 2013.
  • Giancarlo Flati, Attimi di silenzio, Fondazione Mario Luzi Editore, 2015.
  • Giancarlo Flati, Ai Margini della Mente Creativa, Società Editrice Universo, 2017, ISBN 978-88-6515-133-4.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Sito ufficiale del Cantiere Aquilano di Cultura Creativa ai Margini della Coscienza, cantiereaquilano.it.
  2. ^ Renato Minore, Dai Qbits ai nodi del Tempo, Nero su Bianco, 2012.
  3. ^ Renato Minore, L'Arte di uno scienziato nei misteri del Tempo, in Il Messaggero, 17 settembre 2008, p. 47.
  4. ^ Esposizione triennale di arti visive a Roma, esposizionetriennalediartivisivearoma.it.
  5. ^ Biennale di Venezia - Padiglione Guatemala, biennaleguatemala.com.
  6. ^ Giancarlo Flati, Ai Margini della Mente Creativa, Società Editrice Universo, 2017, ISBN 978-88-6515-133-4.
  7. ^ Mostra di Giancarlo Flati alla Rocca dei Rettori - Benevento, ilquaderno.it.
  8. ^ Mostra di Giancarlo Flati al Museo Nazionale di Palazzo Venezia - Roma, undo.net.
  9. ^ Intersezioni del Tempo, Matteo Editore, 2008.
  10. ^ Mostra di Giancarlo Flati all'Istituto Italiano di Cultura di Monaco di Baviera, agenziaaise.it.
  11. ^ Mostra di Giancarlo Flati al palazzo comunale di Auronzo di Cadore - Belluno, manifestazionivenete.it.
  12. ^ Mostra di Giancarlo Flati al Castello di Roncade - Treviso, comune.roncade.tv.it.
  13. ^ Biennale Internazionale D'Arte di Palermo 2013, exibart.com.
  14. ^ Prima Biennale della Creatività Verona 2014, biennaleitaliacreator.it.
  15. ^ Mostra personale "Crocevia Olografici" - Biennale Internazionale di Arte e Cultura - Fiera di Roma 2015, galleria.romart.org.
  16. ^ The Miami Art Expo 2015 USA, issuu.com.
  17. ^ Mostra personale "Holographic Rhythms" - Gallery Steiner 2015 Vienna (PDF), gallery-steiner.com.
  18. ^ Esposizione triennale di arti visive a Roma, esposizionetriennalediartivisivearoma.it.
  19. ^ Biennale di Venezia - Padiglione Guatemala, biennaleguatemala.com.
  20. ^ Luigina Bortolatto, Giancarlo Flati: "Poeta Cosmico", Euroarte XI, 2008.
  21. ^ Intersezioni del Tempo, Matteo Editore, 2008.
  22. ^ Sandro Serradifalco, I Protagonisti delle Nuove Avanguardie, EA Editore, 2013.
  23. ^ Giancarlo Flati, Ai Margini della Mente Creativa, Società Editrice Universo, 2017, ISBN 978-88-6515-133-4.
  24. ^ Articolo di Renato Minore tratto dal quotidiano "La Città - quotidiano della provincia di Teramo", giancarloflati.com.
  25. ^ Giancarlo Flati, Ai Margini della Mente Creativa, Società Editrice Universo, 2017, ISBN 978-88-6515-133-4.
  26. ^ Premio culturale MuMi 2005, iltempo.it.
  27. ^ Art & Beyond - Luglio/Agosto 2016, artandbeyondpublications.com.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Informazioni e riproduzioni di Flati sono consultabili nelle seguenti pubblicazioni:

  • Luigina Bortolatto, Monografia "Giancarlo Flati" - Collana Esmeralda, Siena, Zanotto Editore Eurocrom Libri, 2004.
  • Catalogo dell'Arte Moderna n.42 - Gli artisti italiani dal primo Novecento ad oggi, Mondadori, 2006.
  • Catalogo dell'Arte Moderna n.43 - Gli artisti italiani dal primo Novecento ad oggi, Mondadori, 2007.
  • Luigina Bortolatto, "Giancarlo Flati" - Collana Esmeralda, Vol IV, Zanotto Editore, 2007.
  • Luigina Bortolatto, Giancarlo Flati: "Poeta Cosmico", Euroarte XI, 2008.
  • Catalogo dell'Arte Moderna n.44 - Gli artisti italiani dal primo Novecento ad oggi, Mondadori, 2008.
  • Avanguardie Artistiche, EA Editore, 2008.
  • Catalogo dell'Arte Moderna n.45 - Gli artisti italiani dal primo Novecento ad oggi, Mondadori, 2009.
  • Catalogo dell'Arte Moderna n.46 - Gli artisti italiani dal primo Novecento ad oggi, Mondadori, 2010.
  • Catalogo dell'Arte Moderna n.47 - Gli artisti italiani dal primo Novecento ad oggi, Mondadori, 2011.
  • Catalogo dell'Arte Moderna n.48 - Gli artisti italiani dal primo Novecento ad oggi, Mondadori, 2012.
  • International Contemporary Artists Vol VI, ICA Publishing, 2012.
  • International Contemporary Masters Vol VI, World Wide Art Books Inc. TM. California, 2012.
  • Catalogo dell'Arte Moderna n.49 - Gli artisti italiani dal primo Novecento ad oggi, Mondadori, 2013.
  • ATIM's Top 60 Masters of Contemporary Art, ArtTour International Publications, 2013.
  • Hidden Treasure Art Magazine Yearbook 2014, Georgia Szollosi, 2013.
  • Catalogo dell'Arte Moderna n.50 - Gli artisti italiani dal primo Novecento ad oggi, Mondadori, 2014.
  • Paolo Levi (a cura di), Protagonisti dell'Arte 2014. Dal XIX Secolo ad Oggi, EA Editore, 2014.
  • Vittorio Sgarbi (a cura di), Annuario d'Arte Contemporanea, EA Editore, 2014.
  • Catalogo dell'Arte Moderna n.51 - Gli artisti italiani dal primo Novecento ad oggi, Mondadori, 2015.
  • Artista dell'Anno 2015, EA Editore, 2015.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN60270087