Giacomo Vaghi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Giacomo Vaghi (Como, 21 novembre 1901Roma, 29 aprile 1978) è stato un basso italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Studiò a Milano e debuttò nel 1925 al Teatro San Carlo di Napoli in Manon.

Dopo essere apparso più volte a Bologna, nel 1928 approdò al Teatro dell'Opera di Roma, di cui rappresentò per circa un decennio il basso di riferimento in un ampio repertorio, comprendente, oltre ai più importanti titoli verdiani, le prime assolute de Lo straniero di Ildebrando Pizzetti, La vedova scaltra di Ermanno Wolf Ferrari, Cecilia di Licinio Refice e Cyrano de Bergerac di Franco Alfano. Ebbe modo di esibirsi anche alla Scala, Firenze, Arena di Verona, La Fenice di Venezia.

Svolse anche una rilevante carriera internazionale, apparendo a Buenos Aires dal 1937 al 41 e al Metropolitan nel 1946 e 47 (Colline, Alvise, Sparafucile). Condusse a livello elevato anche gli ultimi anni di carriera ancora con presenze nei primi anni cinquanta a Firenze, Roma e alla Royal Opera House di Londra, dove nel 1952 partecipò a una storica edizione di Norma con protagonista Maria Callas. Concluse l'attività nel 1956.

Oltre ai principali ruoli del repertorio dell'Ottocento italiano (Don Basilio, Conte Rodolfo, Baldassarre, Filippo II, Fiesco, Silva, Padre Guardiano ecc.) affrontò anche Wagner (I maestri cantori di Norimberga, Tristano e Isotta, Tannhäuser), il ruolo principale in Boris Godunov e titoli più desueti, come Lucrezia Borgia, Khovanshchina, Il Guarany, Fidelio.

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF: (EN29098415 · ISNI: (EN0000 0000 5516 8813 · BNF: (FRcb14235074f (data)