Geranium

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Geranium
Geranium-pratense.JPG
Geranium pratense
Classificazione APG IV
Dominio Eukaryota
Regno Plantae
(clade) Angiosperme
(clade) Mesangiosperme
(clade) Eudicotiledoni
(clade) Eudicotiledoni centrali
(clade) Superrosidi
(clade) Rosidi
(clade) Eurosidi
(clade) Eurosidi II
Ordine Geraniales
Famiglia Geraniaceae
Genere Geranium
L., 1753
Classificazione Cronquist
Dominio Eukaryota
Regno Plantae
Sottoregno Tracheobionta
Superdivisione Spermatophyta
Divisione Magnoliophyta
Classe Magnoliopsida
Sottoclasse Rosidae
Ordine Geraniales
Famiglia Geraniaceae
Genere Geranium
Specie

Geranium (L., 1753) è un genere di piante appartenente alla famiglia delle Geraniaceae, dalla distribuzione cosmopolita[1].

Il nome Geranium deriva dal greco γερανός ("geranós", gru), a causa della forma del frutto.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Petalo di geranio al microscopio.

A questo genere appartengono piante erbacee, annuali o perenni, con fusti nodosi e foglie di forma variabile, tra le quali alcune specie spontanee italiane. Il fiore ha cinque petali tutti uguali, a differenza del genere Pelargonium, in cui i petali sono invece irregolari (i due petali superiori hanno forma, colore o dimensioni diverse dagli altri tre inferiori). Il frutto allungato (uno schizocarpo con cinque singoli loculi, detti pericarpi, contenenti ognuno un seme) ricorda la testa di un uccello ed è una caratteristica della famiglia Geraniaceae[2].

Tassonomia[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Specie di Geranium.

Il genere Geranium, che è stato descritto per la prima volta nel 1753 da Linneo nel suo Species Plantarum come composto da 39 specie, è arrivato a comprenderne al suo interno 354[1].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b (EN) Geranium Tourn. ex L. | Plants of the World Online | Kew Science, su Plants of the World Online. URL consultato il 15 febbraio 2021.
  2. ^ Maria Luisa Sotti, Gerani rustici, Edagricole, 1999.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàLCCN (ENsh85054281 · GND (DE4183424-0
Botanica Portale Botanica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di botanica