Franklin (Peanuts)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Franklin Armstrong
Lingua orig.Inglese
AutoreCharles Monroe Schulz
1ª app.1968
1ª app. inI Peanuts
Voci orig.
Voci italiane
SessoMaschio
Data di nascita13 luglio

Franklin Armstrong è un personaggio delle strisce a fumetti dei Peanuts.[1]

Storia editoriale[modifica | modifica wikitesto]

Esordisce nella striscia del primo agosto 1968[2] e l'ultima apparizione è del 12 di settembre del 1999.[senza fonte]

Genesi del personaggio[modifica | modifica wikitesto]

L'idea di introdurre un personaggio di colore nacque in seguito alla corrispondenza tra Schulz e Harriet Glickman, una maestra di scuola elementare bianca. La Glickman riteneva che bisognasse fare qualcosa contro la discriminazione razziale anche nei fumetti. Schulz, d'accordo in linea di principio, temeva che il suo personaggio potesse risultare fasullo e quindi di essere accusato di averlo introdotto per fini riparativi e pietistici dalla stessa comunità nera. Solo dopo avere avuto un riscontro positivo anche da parte di membri della comunità nera tramite la stessa Glickman, decise di introdurre questo personaggio.[3][4]

Caratterizzazione del personaggio[modifica | modifica wikitesto]

Conosce Charlie Brown in spiaggia e scopre di essere suo concittadino ma di non averlo mai visto prima perché andavano in scuole differenti. Charlie Brown e Franklin condividono molti interessi, tra cui il baseball; successivamente, Franklin entrerà nella squadra di baseball di Piperita Patty.[2]

Franklin ha un carattere premuroso e altruista. È compagno di classe di Marcie, Piperita Patty e Roy, suoi grandi amici. Insieme a Charlie Brown, di cui è amico e confidente, passa molto tempo a parlare dei rispettivi nonni. A detta dello stesso Schulz, Franklin conosce le Sacre Scritture tanto quanto Linus e contrariamente agli altri personaggi, Franklin mostra poche ansie ed ossessioni.[2] Inoltre si scopre quasi subito che il papà di Franklin si trova in Vietnam a combattere, elemento molto importante per l'epoca.[5]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Fumetti Portale Fumetti: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di fumetti