Lucy van Pelt

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Lucy van Pelt
Lucy.JPG
Charlie Brown con Lucy
Nome orig. Lucy van Pelt
Lingua orig. Inglese
Autore Charles Monroe Schulz
1ª app. 3 marzo 1952
1ª app. in I Peanuts
Voce orig. Brandon Taylor
Voci italiane
Specie umano
Sesso Femmina

Lucille "Lucy" van Pelt è un personaggio delle strisce a fumetti Peanuts, scritte e disegnate da Charles Schulz. È la sorella maggiore di Linus e Replica. Lucy è una ragazzina di otto anni bisbetica e cinica e dimostra la sua antipatia soprattutto nei confronti di Linus e Charlie Brown.

Storia e caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

Lucy fa la sua prima apparizione nella striscia del 3 marzo 1952 come una bambina dagli occhi sgranati che tormenta di continuo i genitori. Poco dopo, però, Schulz le eliminò i cerchi attorno agli occhi e la portò all'età degli altri personaggi. Il personaggio si evolse rapidamente come una ragazzina arcigna, prepotente, supponente, arrogante, piantagrane, intrigante, rompiscatole e incredibilmente perfida.

Tra l'altro, Lucy è nota soprattutto per l'umiliante scherzo che fa spesso a Charlie Brown togliendogli il pallone da football mentre lui sta per calciarlo e facendolo così scivolare. Il primo episodio del genere è del 16 novembre 1952, prendendo quindi il ruolo di Violet, che tuttavia non toglieva il pallone di proposito, ma per la paura di essere colpita. La prima volta la stessa Lucy fa così perché teme che le scarpe di Charlie Brown siano sporche, mentre la seconda volta, nella stessa striscia, Charlie Brown finisce a terra perché non riesce a spostare la palla che Lucy tiene fermamente a terra.

In uno degli ultimi episodi, invece, Lucy promette a Charlie Brown, che è in ospedale, di tenere la palla. Ironia della sorte, Charlie Brown manca il pallone e colpisce il braccio di Lucy.

Altro elemento ricorrente è il "chiosco psichiatrico", parodia del banchetto dove i bambini vendono limonata, con il quale Lucy dispensa per cinque centesimi consigli spesso inutili agli altri personaggi - molto spesso ad un ansioso ed insicuro Charlie Brown - che escono dall'incontro non certo rincuorati (tranne nel caso di Woodstock, l'uccellino amico di Snoopy, che si era recato da Lucy per problemi di solitudine: dopo la sintetica risposta: "Il cielo è grande!" vola via estremamente soddisfatto). È questo un primo esempio di come Schulz volle orientare la sua striscia verso uno humour più adulto nel tentativo di renderlo adatto ad un pubblico di tutte le età.

Anche Lucy gioca nella squadra di baseball di Charlie Brown: il suo ruolo è quello di esterno destro, ma si rivela essere una giocatrice loquace ed incapace, poiché poco interessata. Ogni volta ha infatti scuse di ogni tipo (da "Michael Jackson ha fatto un acuto pazzesco proprio mentre tiravano la palla" a "Dovevo togliere la minestra dal fuoco" o ancora "Avevo le lune di Saturno negli occhi") per giustificare il fatto di non aver preso la palla.

Nonostante il suo carattere, Lucy ha anche un lato romantico: è innamorata di Schroeder, ma non viene assolutamente ricambiata, per via dell'attenzione che Schroeder dovrebbe sottrarre allo studio del suo amato pianino, che esegue quasi ogni volta che lo troviamo nelle strisce. In questo senso Lucy si dimostra insicura, come quando chiede di continuo a Schroeder e a Charlie Brown se è veramente bella, reagendo furiosamente quando la risposta è negativa o solo esitante.

Rapporti con gli altri personaggi[modifica | modifica wikitesto]

Lucy e Linus[modifica | modifica wikitesto]

Lucy è sempre irritata dal comportamento del suo fratello minore ed è particolarmente esasperata dal suo attaccamento morboso alla coperta, che lei tenta invano di sottrargli per fargliela sparire, come quando gliela seppellì, oppure come quando tentò di bruciarla, o quando la chiuse in una stanza nascondendo la chiave. il rapporto di Lucy con la coperta è infatti a dir poco conflittuale, siccome ogni volta che Lucy passa la coperta "ringhia", ma Lucy è anche gelosa di Linus, anche perché riusciva nei suoi compiti molto meglio di lei.

Lucy e Charlie Brown[modifica | modifica wikitesto]

Nei confronti di Charlie Brown, Lucy è impietosa. Oltre al già citato calcio del pallone, lo insulta e lo demolisce facendo passare i suoi insulti per "consulenze psichiatriche". Nei primi anni, Lucy era solita inventare qualche sciocca teoria (ad esempio "La neve spunta dal suolo") che Charlie Brown tentava di confutare inutilmente a causa della sua testardaggine. È poi specializzata nel demolire Charlie Brown approfittando dei suoi momenti di depressione (Charlie Brown: "[...] andrò al campeggio per due settimane... [...] Temo che quando sarò così lontano sentirò la mancanza dei miei amici". Lucy: "Quali amici?"). Quando Charlie Brown sbaglia qualcosa, Lucy è sempre pronta a farglielo presente: in una serie di strisce, ad esempio, elenca tutti gli errori commessi da lui presentandogli infine una parcella di 143$ per il servizio reso. Inoltre, si finge interessata alle confidenze che talvolta le fa Charlie Brown, finendo però per deriderlo o addirittura spifferare tutto.

Spesso Lucy approfitta della vulnerabilità di Charlie Brown per deriderlo: famoso è il caso del tiro del pallone da football. Lucy, infatti, convince sempre Charlie a provare a calciare il pallone, anche se ogni tentativo da parte del protagonista della serie di Charles M. Schulz termina con una caduta di schiena, visto che la stessa Lucy gli toglie il pallone. Solo nell'episodio "È magia Charlie Brown" Charlie Brown riesce a calciare il pallone da football mentre Snoopy (il suo cane) lo aiuta.

Lucy e Replica[modifica | modifica wikitesto]

Nonostante tutto, il rapporto tra Lucy e il fratellino Replica è molto meno turbolento. Al di là del suo iniziale sconforto dopo la nascita (si lamenta perché dovrà ripetere l'esperienza, da cui il nome Replica, di un altro fratello minore), Lucy di fatto assume il ruolo di "mentore", insegnandogli cose effettivamente utili nella vita quotidiana (in contrasto con le palesi menzogne che riferiva a Linus). Così il carattere di Lucy sembra un più addolcito nelle ultime strip, anche se mai così radicalmente. Dal canto suo, Replica si dimostra abile nell'approfittare di questo mutamento, al contrario di Linus che raramente tenta di difendersi dalla sorella preferendo farsi dominare.

Lucy e Violet[modifica | modifica wikitesto]

Nonostante la migliore amica di Violet sia incontestabilmente Patty, spesso Lucy e Violet parlano assieme, e talvolta si divertono a prendere in giro Charlie Brown, per cui entrambe provano una forte antipatia. Le due inoltre si assomigliano molto sia nei lineamenti fisici, sia nel carattere, anche se spesso Violet tende a fare un po' più l'ipocrita, mentre Lucy a dire le cose in faccia.

Lucy e Snoopy[modifica | modifica wikitesto]

Lucy non sopporta che Snoopy la lecchi o la baci e abitualmente lo scaccia con urla e violenze. Snoopy, però, ama provocarla ben conscio del rischio che corre. In un episodio, Lucy chiede a Schroeder di baciarla ma viene a sua insaputa baciata da Snoopy e accortasi di ciò, fugge urlando: "Germi, Morbo, Epidemia!!!".
Più di una volta i due sono addirittura venuti alle mani, ma la vittoria è sempre andata al cane che finiva per leccare o baciare Lucy. Come si può notare, dunque, Snoopy è l'unico personaggio a tenere testa alla prepotente ragazzina.
Tuttavia a volte Lucy mostra grande affetto nei confronti di Snoopy, come in una delle strisce più famose dove lei lo abbraccia dicendo "La felicità è un cucciolo caldo".

Lucy e Schroeder[modifica | modifica wikitesto]

Lucy ha una forte cotta per Schroeder e la palesa chiedendogli se lui la ama, venendo puntualmente disillusa. Lucy suole appoggiarsi al pianoforte di Schroeder per sentirlo suonare, è lì gli palesa il suo amore, con grande frustrazione di Schroeder. Nelle prime strisce della serie si vede Schroeder molto più piccolo di Lucy, ma avanti con gli anni sembrano divenire coetanei.