Francesco Maestrelli

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Francesco Maestrelli
Nazionalità Italia Italia
Altezza 193 cm
Peso 80 kg
Tennis Tennis pictogram.svg
Carriera
Singolare1
Vittorie/sconfitte 0-0
Titoli vinti 0
Miglior ranking 178º (19 settembre 2022)
Ranking attuale 178º (19 settembre 2022)
Risultati nei tornei del Grande Slam
Australia Australian Open
Francia Roland Garros
Regno Unito Wimbledon
Stati Uniti US Open Q3 (2022)
Doppio1
Vittorie/sconfitte 0-0
Titoli vinti 0
Miglior ranking 794º (18 luglio 2018)
Ranking attuale 813º (22 agosto 2022)
1 Dati relativi al circuito maggiore professionistico.
Statistiche aggiornate al 19 settembre 2022

Francesco Maestrelli (Pisa, 21 dicembre 2002) è un tennista italiano.

Giocatore poliedrico, basa il proprio tennis sulla qualità del servizio e del rovescio.[1] Ha conquistato un titolo Challenger e due ITF ed ha raggiunto la posizione n° 178 del ranking ATP il 19 settembre 2022.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Figlio di Fulvia e Andrea, ha iniziato a giocare a tennis all'età di quattro anni per emulare la sorella maggiore, Valentina. Fino ai 13 anni si è allenato a Livorno con Claudio Galoppini. Sul finire del 2018 è arrivato da esterno al centro tecnico federale di Tirrenia, dove è coadiuvato da uno staff composto per la parte tecnica da Gabrio Castrichella, Mosè Navarra e dallo stesso Galoppini.[2]

Diplomatosi al Liceo scientifico "Ulisse Dini" di Pisa, è iscritto alla Facoltà di Economia e Commercio dell'Università di Pisa.[3]

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

2019-2021: titoli ITF, esordio Challenger[modifica | modifica wikitesto]

Fa il suo esordio nel circuito ITF nel 2018, a 15 anni, disputando il torneo di doppio in coppia con Francesco Forti, dove raggiunge la semifinale.

Nel settembre del 2019 raggiunge la sua prima finale in doppio, in coppia con Luciano Darderi, a Santa Margherita di Pula. Nello stesso torneo esordisce in singolare e viene sconfitto al primo turno da Alessandro Procopio.

A febbraio del 2020 vince il suo primo incontro a livello professionistico in singolare, sul cemento dell'M15 di Sharm el-Sheikh, sconfiggendo al primo turno la wild-card sudafricana Vaughn Hunter in tre set, prima di cedere in due al giapponese Ryota Tanum. Nello stesse mese aveva esordito nel main draw di un torneo challenger, a Bergamo, subito sconfitto dal polacco Daniel Michalski.

Il 9 marzo del 2020 fa il suo ingresso nel ranking ATP, alla posizione nº 1868.

A novembre del 2021, sul cemento di Candia, conquista il primo titolo ITF in singolare, sconfiggendo in finale il britannico Alastair Gray. Entra così nella top 1000 della classifica ATP e chiude la stagione 2021 alla posizione nº 759.

2022: primo titolo Challenger e top 200[modifica | modifica wikitesto]

Nell'M25 di Santa Margherita di Pula conquista il secondo titolo in singolare, il primo sulla terra rossa, grazie al quale sale alla posizione n° 615 del ranking.

A maggio, nel Challenger di Francavilla al Mare, al quale partecipa grazie a una wild-card come n° 519 del ranking, vince i suoi primi incontri di categoria spingendosi fino alla finale, dove viene sconfitto da Matteo Arnaldi.

Sempre a livello Challenger, disputa gli ottavi di finale a Troyes e i quarti a Todi.

Il 17 luglio conquista il primo titolo Challenger in carriera, sulla terra rossa di Verona, sconfiggendo, nell'ordine, l'ex numero 6 del mondo Gilles Simon, Riccardo Bonadio, Flavio Cobolli, Sebastian Ofner e in finale Pedro Cachin [4], numero 98 del ranking contro il quale ottiene la prima vittoria su un top 100. Il giorno successivo sale alla posizione numero 237 del ranking ATP, grazie alla quale riesce a entrare nel tabellone di qualificazione degli US Open, sua prima esperienza in una prova del Grande Slam.

Dopo la semifinale raggiunta al Challenger di Trieste, il 15 agosto raggiunge la posizione numero 202 della classifica mondiale.[5]

Alla fine di agosto disputa le qualificazioni degli US Open dove viene eliminato al terzo turno, al super tie-break del set decisivo, da Nuno Borges, dopo aver battuto Manuel Guinard e Daniel Masur.

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Tornei minori[modifica | modifica wikitesto]

Singolare[modifica | modifica wikitesto]

Vittorie[modifica | modifica wikitesto]
Legenda tornei minori
Challenger (1)
ITF (2)
No. Data Torneo Superficie Avversario in finale Punteggio
1. 14 novembre 2021 Grecia M15 Heraklion, Candia Cemento Regno Unito Alastair Gray 6-0, 3-6, 7-5
2. 24 aprile 2022 Italia M25 Santa Margherita di Pula, Pula Terra rossa Italia Edoardo Lavagno 6-1, 6-3
3. 17 luglio 2022 Italia Internazionali di Tennis Verona, Verona Terra rossa Argentina Pedro Cachin 3-6, 6-3, 6-0

Sconfitte in finale[modifica | modifica wikitesto]

Legenda tornei minori
Challenger (1)
ITF
No. Data Torneo Superficie Avversario in finale Punteggio
1. 22 maggio 2022 Italia Internazionali di Tennis d'Abruzzo, Francavilla Terra rossa Italia Matteo Arnaldi 3-6, 7-6(7), 4-6

Doppio[modifica | modifica wikitesto]

Sconfitte in finale[modifica | modifica wikitesto]

Legenda tornei minori
Challenger
ITF (3)
No. Data Torneo Superficie Compagno Avversari in finale Punteggio
1. 29 settembre 2019 Italia M25 Santa Margherita di Pula, Pula Terra rossa Italia Luciano Darderi Italia Matteo Arnaldi
Italia Jacopo Berrettini
2-6, 2-6
2. 6 febbraio 2021 Kazakistan M15 Nur-Sultan, Nur-Sultan Cemento Italia Francesco Forti Bielorussia Ivan Liutarevich
Bielorussia Yaraslav Shyla
6(4)-7, 6(4)-7
3. 17 aprile 2022 Italia M25 Santa Margherita di Pula, Pula Terra rossa Italia Matteo Gigante Italia Omar Giacalone
Italia Alexander Weis
1-6, 6-3, [6-10]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Giuseppe Canetti, Maestrelli vola: ecco il primo sigillo Challenger e il nuovo best ranking. L'intervista, su Tennis Fever, 18 luglio 2022. URL consultato il 24 agosto 2022.
  2. ^ Maestrelli, gioiello di Tirrenia: "Studio, equilibrio e lavoro", su Supertennis, 20 luglio 2022. URL consultato il 24 agosto 2022.
  3. ^ Francesco Maestrelli agli Us Open Anche il tennista pisano a NewYork - Sport - lanazione.it, su La Nazione, 17 agosto 2022. URL consultato il 24 agosto 2022.
  4. ^ Verona,esplode il talento di Maestrelli, su ubitennis.com.
  5. ^ Maestrelli punta in alto, su oasport.it.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]