Footwork Arrows FA12

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Footwork Arrows FA12
lang=it
Descrizione generale
Costruttore Regno Unito  Footwork Arrows
Categoria Formula 1
Squadra Footwork Arrows
Progettata da Alan Jenkins
Sostituisce Arrows A11C
Sostituita da Footwork Arrows FA13
Descrizione tecnica
Meccanica
Telaio Monoscocca in fibra di carbonio
Motore FA12: Porsche 3512 3.5 V12
FA12C: Ford Cosworth DFR 3.5 V8
Trasmissione Hewland trasversale semiautomatico a 6 rapporti
Dimensioni e pesi
Peso 505 kg
Altro
Carburante Shell
Pneumatici Goodyear
Risultati sportivi
Debutto Gran Premio di San Marino 1991
Piloti Italia Michele Alboreto
Italia Alex Caffi
Svezia Stefan Johansson
Palmares
Corse Vittorie Pole Giri veloci
14 0 0 0

La Footwork Arrows FA12 è una monoposto di Formula Uno realizzata dalla scuderia Footwork Arrows per la stagione 1991.

Contesto e svilluppo[modifica | modifica wikitesto]

La discontinuità di denominazione rispetto alle precedenti vetture della Arrows fu dovuta al cambio di proprietà del team, passato nelle mani dell'imprenditore giapponese Wataru Ohashi, che impose il nome dello sponsor.

Il debutto della FA12 era previsto per l'inizio della stagione, ma il nuovo motore Porsche 3512 era talmente ingombrante che la vettura dovette essere riprogettata per permetterne l'installazione in maniera adeguata[1]; venne quindi utilizzata per le prime tre gare una versione modificata della A11 (la vettura dell'anno precedente), chiamata A11C.

Carriera agonistica[modifica | modifica wikitesto]

La FA12 debuttò al Gran Premio di San Marino con Caffi, il quale fallì la qualificazione (mentre Alboreto dovette usare la vecchia A11C dopo aver distrutto il primo esemplare di FA12 durante i test). Per il successivo Gran Premio a Monaco entrambi i piloti ebbero a disposizione la nuova FA12; Caffi fallì nuovamente la qualificazione, mentre Alboreto non portò a termine la corsa. Nel Gran Premio del Canada Stefan Johansson sostituì Caffi, il quale aveva subìto un incidente stradale[2]; questa volta entrambi i piloti riuscirono a qualificarsi, ma si ritirarono entrambi dalla gara. Il Gran Premio del Messico vide l'ultima apparizione del motore Porsche; Johansson fallì la qualificazione mentre Alboreto si ritirò nuovamente dalla corsa.

Per la corsa successiva in Francia, il team passò dal Porsche al Ford Cosworth DFR V8, installato in una versione modificata della vettura, chiamata FA12C. Ma i risultati non migliorarono; nelle ultime 10 gare della stagione il team collezionò solo 7 partenze e 4 arrivi a fine gara, con un 10º posto come miglior piazzamento.

Risultati completi[modifica | modifica wikitesto]

Anno Vettura Motore Gomme Piloti Flag of the United States.svg Flag of Brazil (1968–1992).svg Flag of San Marino.svg Flag of Monaco.svg Flag of Canada.svg Flag of Mexico.svg Flag of France.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Germany.svg Flag of Hungary.svg Flag of Belgium.svg Flag of Italy.svg Flag of Portugal.svg Flag of Spain.svg Flag of Japan.svg Flag of Australia.svg Punti Pos.
1991 Footwork FA12
Footwork FA12C
Porsche 3512
Ford Cosworth DFR
G Michele Alboreto Rit Rit Rit Rit Rit NQ NQ NPQ NQ 15 Rit NQ 13 0 -
Alex Caffi NQ NQ NPQ NPQ NQ NPQ NPQ NPQ 10 15
Stefan Johansson Rit NQ NQ NQ

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Engine Failures: Porsche V12, su forix.com.
  2. ^ (EN) 1991 Canadian Grand Prix - News, su grandprix.com.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Formula 1 Portale Formula 1: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Formula 1