Fire Emblem: Thracia 776

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Fire Emblem: Thracia 776
Titolo originale Fire Emblem: Thracia 776
Sviluppo Intelligent Systems
Pubblicazione Nintendo
Serie Fire Emblem
Data di pubblicazione 1º settembre 1999 (JP)
Genere Videogioco di ruolo
Modalità di gioco Single player
Piattaforma Super Nintendo
Supporto Cartuccia

Fire Emblem: Thracia 776 (ファイアーエムブレム トラキア776 Faiā Emuburemu Torakia Nana Nana Roku?) è un videogioco tattico a turni distribuito nel solo Giappone e pubblicato dalla Nintendo come quinto titolo ufficiale della serie Fire Emblem.

Terzo ed ultimo Fire Emblem per Super Famicom ed ultimissimo gioco per tale piattaforma - distribuito nel 1999, quando a dominare era il mercato delle console a 32-bit/64-bit e il nascente 128-bit - è stato successivamente aggiunto alla collezione dei classici scaricabili dal Virtual Console per il Wii nel solo Giappone.

Fire Emblem: Thracia 776 è un gaiden game ed è cronologicamente ambientato tra il capitolo quinto e sesto di Fire Emblem: Seisen no Keifu e alcuni personaggi di Fire Emblem: Seisen no Keifu - Leaf il protagonista, Fin il lanciere a cavallo e Nanna la chierica - appaiono in questo episodio ambientato a sud est di Jugdral.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Ambientazione[modifica | modifica wikitesto]

Fire Emblem: Thracia 776 è ambientato nella Repubblica di Manster e nel Regno di Thracia nel continente di Jugdral e si sviluppa al suo interno, senza varcarne i confini, e tutti i personaggi coinvolti nella storia, meno che pochissimi comparsi nel titolo precedente, sono originali.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il gioco meglio spiega parte della cronologia della seconda metà di Seisen no Keifu, prima del Gran 776. Leaf, Figlio del deceduto Cuan di Lenster (ucciso a tradimento dai Cavalieri Viverna di Thracia al comando del Re Trabant) tenta di ristorare il Regno di Lenster nel momento in cui la storia comincia, inizialmente capeggiando un gruppo di ribelli costretti a sfidare un esercito meglio armato ed addestrato.

Sebbene il gioco sia una storia parallela a Seisen no Keifu, Leaf ne è il protagonista assoluto ed il deucaterogonista di "Seisen no Keifu", Celice, figlio di Sigurd, è relegato a mero cameo verso la fine del titolo.

Personaggi[modifica | modifica wikitesto]

  • Eyvel (エーヴェル Eeveru?), figura materna per Leaf e Mareeta, eccellente spadaccina. Si pensa sia l'arciera leggendaria Briggid da Seisen no Keifu sofferente amnesia.
  • Fin (フィン Fin?), lanciere a cavallo di Lenster, amico fidato di Cuan, cresce Leaf e Nanna; un padre putativo per entrambi.

Ha ricevuto in eredità la Lancia Eroica da Cuan, benedetta.

  • Leaf (リーフ Riifu?), principe di Lenster, figlio di Cuan ed Ethlin: dopo il crollo di Lenster, Fin lo condusse al sicuro assieme a Nanna e dopo essersi nascosto in alcune città di Thracia - Alster e Tahra -, finalmente si stabilisce con i due compagni nel villaggio di Fiana.
  • Mareeta (マリータ Mariita?), figlia adottiva di Eyvel, figlia carnale di Galzus, controllata da una lama maligna dopo il rapimento ordito da Leydrick, un nobile corrotto, e ribellatasi inconsciamente alla madre, per poi essere liberata da Cyas, arcivescovo di Thracia e figlio bastardo di Alvis, imperatore di tutto il continente.
  • Nanna (ナンナ Nanna?), Principessa di Nodion, figlia di Lachesis, cresciuta da Fin e amica d'infanzia di Leaf.
  • Leydrick, antagonista principale del gioco, un nobile corrotto, maestro di tutte le arti della guerra, ma vile vigliacco
  • Beldo, discepolo di Loputo, dio oscuro, colui che pianifica tutti gli eventi che conducono all'avanzamento della ribellione cominciata da Leaf, poi diffusasi in tutta Thracia.

Riesce a resuscitare i morti.

Meccanica di gioco[modifica | modifica wikitesto]

Fire Emblem: Thracia 776 presenta lo stesso sistema d'abilità di Fire Emblem: Seisen no Keifu, con cui ciascun personaggio è meglio differenziato dagli altri. Introduce le "Nebbia della Guerra", presente nelle sole "mappe gaiden", cioè scenari segreti affrontabili solo se precisi obiettivi sono stati conseguiti nella mappa normale.

Le mappe sono assai più piccole, è possibile catturare i propri nemici con un colpo finale per poterli depredare di tutti i loro averi ed è concesso, ad un cavaliere o un'unità con potente costituzione, sostenere un proprio alleato per sottrarlo a situazioni svantaggiate.

Il gioco, come Fire Emblem: Monshou no Nazo, presenta la "Smontatura dal Cavallo": ogni cavaliere dovrà smontare per combattere all'interno delle costruzioni e si potrà usare solo la spada o l'ascia, in base alla classe d'appartenenza del cavaliere - spadaccino o cavaliere con ascia - e le statistiche, limitate ad un massimo di 20 per ognuna di esse, men che i Punti Vita (80) vengono ridotte di precise cifre in base alla classe montata a cavallo o viverna d'origine del personaggio.

Questo episodio della serie è l'unico a presentare un sistema di fatica, alquanto rivoluzionario: più si usa un determinato personaggio, più questi, realisticamente, s'affaticherà - la fatica dipende dalla sua costituzione e il peso delle armi maneggiate e quanti combattimenti affronta. Se si supera il limite d'affatticamento di un personaggio, corrispondente ai suoi punti vita, questi rimarrà in panchina per il capitolo successivo. Gravissimo se ad affaticarsi è un personaggio ladro, fondamentale in alcuni capitoli.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Videogiochi Portale Videogiochi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Videogiochi