Fire Emblem Echoes: Shadows of Valentia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Fire Emblem Echoes: Shadows of Valentia
videogioco
Titolo originale ファイアーエムブレム Echoes もうひとりの英雄王
(Fire Emblem Echoes: Mō Hitori no Eiyū'ō)
Data di pubblicazione 20 aprile 2017
Genere Videogioco di ruolo alla giapponese
Sviluppo Intelligent Systems
Red Enterament
Pubblicazione Nintendo
Serie Fire Emblem
Modalità di gioco Singleplayer, Multiplayer
Distribuzione digitale Nintendo eShop

Fire Emblem Echoes: Shadows of Valentia (ファイアーエムブレム Echoes もうひとりの英雄王 Faiā Emuburemu Echoes Mō Hitori no Eiyū'ō, lett. Gli Echi dell'Emblema di Fuoco: ancora un re eroe) è un videogioco di genere Tactical role-playing game, sviluppato da Intelligent Systems e pubblicato da Nintendo per la famiglia di console Nintendo 3DS, uscito nell'aprile del 2017 come remake di Fire Emblem Gaiden rilasciato nel 1992.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Tanti secoli fa la dea Mila e suo fratello maggiore Duma, si scontrarono in una guerra senza precedenti nel continente di Valentia al fine di far valere i loro ideali completamente diversi: Duma voleva creare un governo basato sulla forza e sulla disciplina militare per impedire che gli esseri umani si corrompessero, mentre Mila credeva che essi dovessero invece aspirare ad una vita di piaceri e comodità; Il conflitto si concluse con la stipulazione del Patto Sacro: Duma avrebbe governato il Nord e Mila il Sud, portando così rispettivamente alla fondazione del Regno di Rigel e del Regno di Zofia.

Nel regno di Zofia, fondato da Mila, gli esseri umani erano felici e non conoscevano le asperità della vita, prosperando grazie all'amore della propria dea, che benediceva la terra del regno per rendere estremamente facili i raccolti, però, col tempo, questi doni viziarono gli zofiani che caddero sempre più nella depravazione; Nel regno di Rigel, il dio Duma aveva eretto un impero governato da dure leggi e il tutto condito da esercitazioni militari fin dalla tenera età che fecero crescere il popolo forte, ma insensibile a qualsiasi forma di bontà.

I due protagonisti entrano in gioco dopo molto tempo questi conflitti sanguinosi; I loro nomi sono Alm e Celica, due ragazzini accomunati da uno strano simbolo sulla mano che vivono nel villaggio di Ram, una località rurale ai confini estremi del continente di Valentia, dove vivono con il nonno di Alm, Mycen, un prode cavaliere che insegna ai giovani del villaggio a combattere con la spada per difesa personale, che ora ospita Celica a casa sua.

Un giorno, Alm e Celica devono separarsi a seguito dell'attacco dei Cavalieri Reali di Zofia, intenzionati a rapire la povera Celica, portarla dal cancelliere Desaix e fargliela uccidere, perché in realtà Celica non è altri che l'ultima dei figli di re Lima IV, il re di Zofia, rimasta in vita dopo una serie di attentati pianificati dal perfido cancelliere. Mycen infatti sarà costretto a portare la ragazza altrove, ovvero su una prioria nell'isola di Novis, sotto la custodia di un vecchio amico, costringendo i due ragazzini a separarsi, promettendosi però di crescere e aspettare il giorno in cui si rivedranno.

Passano gli anni e Alm è ormai divenuto un adulto forte e generoso che si unisce ai Liberatori, un gruppo di ribelli che tenta l'impresa di detronizzare il canceliere Desaix, che nel frattempo si è alleato con il regno di Rigel che vuole inasprire una vera guerra e perciò, per conto di re Rudolph, ucciderà il re Lima IV, prendendo il suo posto. Celica crescendo invece è diventata una Sacerdotessa di Mila, che con il suo gruppo si dirigerà verso il tempio in cui risiede la dea, che ha smesso qualche anno prima di benedire la terra, lasciando il popolo alla fame; Durante il viaggio, Celica verrà salvata all'occorrenza da un cavaliere mascherato di origine sconosciuta.

Nuove funzioni[modifica | modifica wikitesto]

Questo titolo è il remake di Fire Emblem Gaiden, il secondo videogioco della saga che è piaciuto meno alla critica rispetto agli altri anche se è in realtà il titolo che l'ha caratterizzata al meglio.

Durante il gioco infatti sarà possibile giocare in modalità normale o in modalità classica, dove in quest'ultima i personaggi invece di ritirarsi una volta sconfitti muoiono, ma stavolta è possibile incontrare nel gioco La Fonte dell'Acqua della Vita che permetterà ai caduti di resuscitare. Sarà inoltre possibile utilizzare la Ruota di Mila per un numero limitato di volte in battaglia; si tratta di uno strumento che permette al giocatore di riportare indietro il tempo in caso si abbia sbagliato la mossa oppure dopo la morte di un'unità. Per aumentare le quantità di volte in cui si può riavvolgere il tempo è necessario trovare gli ingranaggi della Ruota, sparsi per tutta Valentia.

Il gioco per gli arcieri si fa più facile, in quanto con i loro archi possono attaccare anche l'unità sita in uno spazio adiacente o più in là, dipende dalla portata dell'arco in mano al personaggio; mentre saranno le unità in possesso di magia ad essere svantaggiate, in quanto più l'incantesimo lanciato è potente più punti salute si dovranno sacrificare per lanciare la determinata magia d'attacco o curativa che sia.

Classi di base[modifica | modifica wikitesto]

Durante il gioco le unità presenti potranno accedere a queste classi:

Lottatore: combattente abile nelle arti marziali in grado di maneggiare spade.

Cittadino: normalissimo villico che può accedere a molti di tipi di classi; dal mago, all'arciere eccetera.

Soldato: unità appartenente in grado di maneggiare lance e protetto da un'armatura semplice.

Fantino: unità dalla grande mobilità; usa lance e cavalca un destriero.

Cavaliere di Pegaso: cavaliere a cavallo di un pegaso, un cavallo alato; dotato di grande mobilità è vulnerabile alle frecce.

Mago/Maga: unità che ha il monopolio della magia.

Arciere: capace di usare l'arco e in grado di attaccare a distanza; è letale per i pegasi.

Monaca: ancella divina in grado di usare la magia curativi.

Mercenario: guerriero esperto che ha visto molte battaglie; è molto abile con la spada.

Ragazzo/Ragazza: guerrieri in erba.