Fernanda Farias De Albuquerque

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Fernanda Farias de Albuquerque, all’anagrafe Fernandinho Farias de Albuquerque, nota anche con il nome d'arte Princesa, (Alagoa Grande, 22 maggio 1963Brasile, 13 maggio 2000[1]), è stata una transgender brasiliana.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nasce nelle campagne brasiliane, crescendo senza il padre in una famiglia in difficoltà economiche. All'età di sette anni è vittima di abusi sessuali e, di lì a poco, fugge dalla casa materna. Dopo un breve impiego come aiuto cuoco inizia a prostituirsi nelle grandi città brasiliane con il nome di "Princesa"[2]. Nel 1988, successivamente a un breve soggiorno in Spagna, si trasferisce in Italia. Inizia a prostituirsi per le strade di Milano e diviene dipendente dall'eroina. Si trasferisce poi a Roma. Nel 1990 aggredisce una sfruttatrice che le avrebbe sottratto denaro e che la denuncia per tentato omicidio.[2] È rinchiusa nel carcere di Rebibbia. Nell'istituto penitenziario scopre d'essere sieropositiva. In prigione conosce Giovanni Tamponi, un pastore sardo condannato all'ergastolo. I due si scambiano dei quaderni, scritti in una miscela di portoghese, sardo e italiano[3].

Su suggerimento di Tamponi, inizia a scrivere la propria storia all'ex-brigatista Maurizio Jannelli, anch'egli detenuto nello stesso penitenziario, e promotore di alcuni progetti letterari tra i carcerati. Col suo aiuto, scrive il proprio romanzo autobiografico Princesa. Nel 1994 il libro è pubblicato da Sensibili alle foglie, la cooperativa editoriale di Renato Curcio.[4]

La presentazione del libro al Torino GLBT Film Festival - Da Sodoma a Hollywood viene contrastata dai parenti delle vittime delle Brigate rosse che protestano contro la presenza di Curcio. Princesa, quindi, preferisce non presentarsi[2]. Visto il successo, il libro viene edito nuovamente da CDE e da Marco Tropea Editore e successivamente tradotto in portoghese, spagnolo, tedesco e greco. Il romanzo ispira inoltre l'omonima canzone di Fabrizio De André (Princesa), presente nell'album Anime salve (1996) e scritta con Ivano Fossati.[5]

Per poco tempo Fernanda viene assunta come segretaria nella casa editrice Sensibili alle foglie, ma lascia il lavoro per ritornare sulla strada[6]. Passa anche un brevissimo periodo ospite alla Comunità di San Benedetto al Porto di Genova, diretta dal prete di strada don Andrea Gallo.[4]

Nel 1997 è protagonista del film documentario Le Strade di Princesa – ritratto di una trans molto speciale[7] di Stefano Consiglio. Il documentario è selezionato alla Mostra Internazionale d'Arte Cinematografica di Venezia e successivamente trasmesso su Rai Due e Telepiù[8][9].

Dopo esser stata espulsa e rimpatriata in Brasile, si suicida nel 2000[1][10].

Nel 2001 esce al cinema il film Princesa[11], produzione internazionale diretta da Henrique Goldman e tratta dal libro autobiografico di De Albuquerque[12], con Ingrid de Souza, Cesare Bocci, Lulu Pecorari e Mauro Pirovano.

A Genova, nel 2009, nasce l'organizzazione "Princesa" per i diritti delle persone transgender[13]. Nella stessa città il 16 luglio 2010, don Andrea Gallo propone di dedicarle una piazza ancora senza nome[14], ma la proposta non si concretizza.

Pubblicazioni[modifica | modifica wikitesto]

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Carlo Conversi, Princesa : incontri irregolari, RAI Storie vere, 1994
  • Stefano Consiglio, Le Strade di Princesa – ritratto di una trans molto speciale, Lantia Cinema & Audiovisivi e Rai Due, 1997
  • Henrique Goldman, Princesa, Bac Films, 2001

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Russell King, The Mediterranean passage, Liverpool University Press, 2001, p. 155, ISBN 0-85323-646-1
  2. ^ a b c Costantino Muscau, Ne' uomo ne' donna, preda dei maschi, in Corriere della Sera, 15 aprile 1994. URL consultato il 1º dicembre 2011 (archiviato dall'url originale il pre 1/1/2016).
  3. ^ "Jannelli e Princesa" (http://www.railibro.rai.it/recensioni.asp?id=40)
  4. ^ a b Don Andrea Gallo, Ancora in strada. Un prete da marciapiede, Mondadori, 2013, estratto
  5. ^ "Fabrizio De André: storie, memorie ed echi letterari", Silvana Sanna, Effepi Libri, 2009
  6. ^ "Princesa la bella una vita da trans"
  7. ^ "Le Strade di Princesa – ritratto di una trans molto speciale"
  8. ^ "Dietro le sbarre c'è anche Princesa, "musa" transessuale" (http://archiviostorico.corriere.it/1997/agosto/22/Dietro_sbarre_anche_Princesa_musa_co_0_9708226696.shtml)
  9. ^ "Scorte contro i terroristi Princesa resta in strada" (http://archivio.lastampa.it/LaStampaArchivio/main/History/tmpl_viewObj.jsp?objid=1811226)
  10. ^ "Princesa" revela boa direção brasileira" (http://www.terra.com.br/cinema/noticias/2000/10/26/000.htm)
  11. ^ Scheda su Princesa dell'Internet Movie Database
  12. ^ PRINCESA - Film - Cinema e Film - Il Sole 24 ORE
  13. ^ "Via del Campo e altre storie" (http://www.moveoutmagazine.com/index.php?id=showarticle&n=271)
  14. ^ "Piazza Princesa": la proposta di don Gallo, Genova - Cronaca

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]