Femmina (film 1959)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Femmina
Femmina (film 1959).png
Antonio Vilar e Brigitte Bardot in una scena
Titolo originaleLa femme et le pantin
Lingua originaleinglese
Paese di produzioneFrancia, Italia
Anno1959
Durata101 min
Generedrammatico
RegiaJulien Duvivier
Soggettodal romanzo La donna e il burattino di Pierre Louÿs
SceneggiaturaMarcel Achard, Jean Aurenche, Julien Duvivier, Albert Valentin
ProduttoreChristine Gouze-Rénal
Casa di produzioneDear Film Produzione
FotografiaRoger Hubert
MontaggioJacqueline Sadoul
MusicheJosé Rocca, Jean Wiener
ScenografiaGeorges Wakhévitch
CostumiJacqueline Moreau
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Femmina (La femme et le pantin) è un film drammatico italo-francese del 1959 diretto da Julien Duvivier e interpretato da Brigitte Bardot. La pellicola è una trasposizione del romanzo La donna e il burattino di Pierre Louÿs.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Stanislas Marchand, scrittore di successo, ha trovato asilo politico in Spagna, dove vive modestamente a Siviglia con sua figlia Eva. Questa è fidanzata da lungo tempo con un giovane camionista. La sua passione è la danza e vorrebbe diventare ballerina.

Nel corso di una feria, Eva è corteggiata da Matteo Diaz, grande seduttore. Costui rimane ossessionato dalla ragazza e per lei si spinge a subire ogni genere di umiliazione, mentre questa si diverte a tormentarlo.

Alla fine, però, Eva abbandona i suoi atteggiamenti superbi e si lascia andare all'amore per Matteo.

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

Il film uscì nelle sale nel 1959, in Francia il 13 febbraio, in Italia il 4 marzo.

Critica[modifica | modifica wikitesto]

« [...] si sente che la vicenda ci viene da lontano, da un gusto oltrepassato, e un'altra volta la Bardot si stacca dal film e fa caso a sé. È il caso solito, ormai a cognizione di tutti. Quello della stregherella moderna, mezzo acerba e mezzo fradicia, bambina e donna, ingenua e perversa in una volta; antico geroglifico che sarebbe tempo perso tentar di decifrare. [...] ammaestrata dalla natura e non poco anche dal regista e dall'operatore che la scorciano, l'atteggiano nelle maniere più stuzzicanti. Ma perché Roger Vadim ci aveva pensato prima di loro, anche questa parte non risulta molto nuova. La mano illustre di Duvivier si sente nella composizione delle inquadrature spagnole, accurate sempre e talvolta fini. Non si sente invece quella di Achard nei dialoghi piuttosto andati. Ma tutto sommato il film avrà fortuna come quasi sempre hanno i bardottiani. E porta una sequenza «storica»: quella in cui Antonio Vilar (un ottimo Don Mateo) prende a schiaffi quanto mai meritati la sua tormentatrice. Brigitte ne ebbe veramente la mascella offesa. In quanto a lei, se non le nocesse l'ombra di Marlene, si dovrebbe dire che la parte di donna, anzi di femmina che riposa sull'istinto e perciò è così poco riposante, la fa ormai da attrice consumata. [...] »

(Leo Pestelli su La Stampa del 17 marzo 1959[1])

Note[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema