Eustache Le Sueur

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Eustache Le Sueur

Eustache Le Sueur (Parigi, 19 novembre 1616Parigi, 30 aprile 1655) è stato un pittore francese.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Eustache Le Sueur è uno dei pittori più rappresentativi del XVII secolo francese, anticipatore del classicismo.[1]

Di umile origini, allievo a Parigi del pittore Simon Vouet, le sue prime opere risentono dello stile dei dipinti del maestro; nel 1642 realizzò otto composizioni, ispirate all'Hypnerotomachia Poliphili, commissionate a Vouet dalla Manifattura dei Gobelins per la realizzazione di alcuni arazzi.

Tra le sue maggiori opere, si ricordano il San Paolo a Efeso per la chiesa di Saint-Gervais a Parigi, la Storia di Tobia e il ciclo pittorico della Vita di san Bruno (Parigi, Museo del Louvre), che gli diede notorietà. Queste opere si caratterizzarono per la drammaticità dei protagonisti, per i volumi, gli spazi e i colori tenui.

In alcuni suoi lavori, come il Cabinet de l'Amour (Museo del Louvre), Le Sueur evidenziò l'influenza di Raffaello, conosciuto grazie ad incisioni e stampe.[1]

Assieme alla fama ricevette commissioni regali, come l'Allegoria della monarchia, per la camera del re, l'Autorità del Re, per il salotto della regina.[1]

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c le muse, VI, Novara, De Agostini, 1964, p. 450.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Charles de Pougens, Galerie de Lesueur, ou Collection de tableaux représentant les principaux traits de la vie de S. Bruno, faisant suite au Cours de peinture, ou Musée de M. Filhol, dessinée et gravée par Georges Malbeste, accompagnée de sommaires descriptifs et de notices sur la vie de S. Bruno et sur celle de Lesueur (1825).
  • Alain Mérot, Eustache Le Sueur, 1616-1655, Ed. Arthéna, 1987.
  • Alain Mérot, Eustache Le Sueur 1616-1655, Ed. Arthéna (riedizione, riveduta e corretta, di quella del 1987), 2000. ISBN 2-903239-26-6.

Galleria d'immagini[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN315521911 · ISNI (EN0000 0000 8338 8549 · LCCN (ENn85129176 · GND (DE118960709 · BNF (FRcb13965157t (data) · ULAN (EN500002273 · BAV ADV10901067 · CERL cnp00402438