Musée des beaux-arts de Rouen

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Musée des beaux-arts de Rouen
Rouen, Musée des Beaux-Arts.jpg
Il Musée des beaux-arts de Rouen
Tipo Museo d'arte
Data fondazione 1801
Fondatori Napoleone Bonaparte
Indirizzo Esplanade Marcel-Duchamp
76000 Rouen, Francia
Direttore Laurent Salomé
Visitatori 314 688[1] (2011)
Sito rouen-musees.com

Coordinate: 49°26′41″N 1°05′41″E / 49.444722°N 1.094722°E49.444722; 1.094722

Il Musée des beaux-arts de Rouen è un museo d'arte di Rouen, nel nord della Francia. Fu fondato nel 1801 da Napoleone Bonaparte, ma l'edificio attuale fu costruito tra il 1880 e il 1888, per poi venire completamente ristrutturato nel 1994. Ospita diverse forme d'arte che vanno dalla pittura alla scultura e dal disegno alle collezioni d'arte decorativa.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Costruito tra il 1877 e il 1888 su progetto dell'architetto Luigi Sauvageot, il museo vanta una collezione di dipinti, sculture, disegni e oggetti d'arte che vanno dal Rinascimento fino al giorno d'oggi, inclusa una rara collezione di icone russe dal XV fino all'inizio del XIX secolo. Grazie ad una collezione straordinaria donata al museo da François Depeaux nel 1909, viene posto in prima linea tra i musei francesi che trattano l'Impressionismo.

La sala espositiva dei disegni ospita oltre 8000 pezzi che spaziano dal Rinascimento fino al XX secolo. Il museo ospita anche mostre temporanee nonché varie mostre d'arte contemporanea. Nel 2006, il museo ha presentato otto mostre, tra cui "Capolavori dei Musei di Firenze", che ha sollevato il numero di visitatori da 87 000 a 154 000. Le collezioni permanenti sono esposte in 60 sale. Il museo riceve finanziamenti da varie sponsorizzazioni. L'attuale direttore è Laurent Salomé.

Dipinti[modifica | modifica wikitesto]

La collezione di dipinti è di particolare interesse: ce n'è almeno uno per ogni scuola europea esistita dal XV al XXI secolo. Tra i più importanti pittori i cui lavori sono messi in mostra nel museo si possono trovare:

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Veille Info Tourisme

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]