Emanuele Alberto Guerrieri di Mirafiori

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Emanuele Alberto Guerrieri di Mirafiori (Moncalieri, 4 ottobre 1851Sommariva Perno, 24 dicembre 1894) era figlio di Vittorio Emanuele II di Savoia e della sua sposa morganatica Rosa Vercellana.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Partecipò all'età di 15 anni (era il più giovane ufficiale dell'esercito italiano) alla terza guerra d'indipendenza. Rosa, creata poi contessa di Mirafiori e di Fontanafredda da Vittorio Emanuele II, trasmise i titoli al figlio. Questi svolse attività di produttore di vini e di altri prodotti agricoli, nei territori di Serralunga d'Alba e di Barolo. Fu presidente di associazioni di ex combattenti e sportive. In quanto figlio di Vittorio Emanuele II di Savoia, era fratellastro di Umberto I di Savoia, di Amedeo I di Spagna, di Oddone Eugenio Maria, di Maria Clotilde e di Maria Pia. Aveva una sola sorella, Vittoria, nata il 2 dicembre 1848.

Matrimonio e discendenza[modifica | modifica wikitesto]

Sposò nel 1872 Bianca Enrichetta de Larderel (una nipote di Francesco Giacomo de Larderel) dalla quale ebbe due figli:

Albero genealogico[modifica | modifica wikitesto]

Genitori Nonni Bisnonni Trisnonni
Carlo Emanuele di Savoia-Carignano Vittorio Amedeo II di Savoia-Carignano  
 
Giuseppina Teresa di Lorena  
Carlo Alberto di Savoia  
Maria Cristina di Sassonia Carlo di Sassonia  
 
Francesca Korwin-Krasińska  
Vittorio Emanuele II di Savoia  
Ferdinando III di Toscana Leopoldo II d'Asburgo-Lorena  
 
Maria Ludovica di Borbone-Napoli  
Maria Teresa d'Asburgo  
Luisa di Borbone-Napoli Ferdinando I di Borbone  
 
Maria Carolina d'Asburgo-Lorena  
Emanuele Guerrieri  
 
 
 
Giovanni Battista Vercellana  
 
 
 
Rosa Teresa Vercellana  
 
 
 
Maria Teresa Griglio  
 
 
 
 

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Maurizio Minola, Residenze minori di Casa Savoia, Sant'Ambrogio di Torino, Susalibri, 2012 ISBN 9788888916903
  • Danilo Tacchino, Torino. Storia e misteri di una provincia magica, Edizioni Mediterranee, 2007

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]