Maria Cristina di Sassonia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Maria Cristina Albertina di Sassonia
Maria Cristina Albertina di Sassonia.jpg
Principessa consorte di Carignano
In carica 24 ottobre 1797 –
16 agosto 1800
Predecessore Giuseppina Teresa di Lorena-Armagnac
Successore Maria Teresa di Toscana
Nome completo Maria Christina Albertina Carolina von Sachsen
Altri titoli Principessa di Sassonia-Curlandia
Nascita Dresda, 7 dicembre 1779
Morte Torino, 24 novembre 1851
Luogo di sepoltura Basilica di Superga
Dinastia Wettin
Padre Carlo di Sassonia, duca di Curlandia
Madre Francesca von Corvin-Krasinski
Consorte Carlo Emanuele di Savoia-Carignano
Figli Carlo Alberto
Maria Elisabetta

Maria Cristina Albertina di Sassonia-Curlandia (nome completo in tedesco: Maria Christina Albertina Carolina von Sachsen) (Dresda, 7 dicembre 1779Torino, 24 novembre 1851) nacque Principessa di Sassonia-Curlandia e divenne principessa di Carignano per matrimonio con Carlo Emanuele di Savoia-Carignano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Maria Cristina Albertina era figlia di Carlo di Sassonia e della nobildonna polacca Francesca von Corvin-Krasinski priva di sangue reale, il matrimonio dei genitori rimase segreto fino alla morte del padre di lui e venne in seguito regolarizzato ma mai del tutto accettato dalla famiglia paterna[1].

I nonni paterni erano Augusto III di Polonia e Maria Giuseppa d'Austria ed era cugina di primo grado dei Re di Francia Luigi XVI, Luigi XVIII e Carlo X, la cui madre Maria Giuseppina di Sassonia era sorella di suo padre.

Rimasta orfana a 17 anni venne ospitata da una zia presso la quale visse appartata e lontana dalla corte. Individuata da Giuseppina Teresa di Lorena-Armagnac come possibile sposa per figlio Carlo Emanuele di Savoia-Carignano le venne, dopo alcune ritrosie, riconosciuto il titolo di principessa di Curlandia e le venne assegnata una dote.

La futura suocera venne a mancare nel febbraio 1797 e la giovane coppia si incontrò solo il 30 settembre a Dresda, il 24 ottobre del 1797 Clemente Venceslao di Sassonia celebrò le nozze ad Augusta e i due sposi giunsero a Torino il 20 novembre.

La coppia non trovò i favori della corte torinese a causa delle frequentazioni di Maria Cristina Albertina con intellettuali di tendenze illuministe e per le sue simpatie per la religione riformata[2].

Rimasta vedova nel 1800 dopo la nascita della figlia, Maria Cristina Albertina si risposò nel 1816 con Giulio Massimiliano Thibault de Montléart, un uditore al Consiglio di Stato napoleonico[3].

Fino alla maggiore età del figlio maschio, svolse per lui il ruolo di reggente.

Morì nel 1851, a 71 anni, e venne inumata presso la Basilica di Superga.

Discendenza[modifica | modifica wikitesto]

Maria Cristina e Carlo Emanuele ebbero due figli:

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Michele Florio, Le grandi donne del Piemonte, Torino, Piazza D., 2005, p. 489, ISBN 978-8878891432.
  2. ^ Gianni Oliva, I Savoia, Arnoldo Mondadori Editore, 1998, p. 349.
  3. ^ Gianni Oliva, I Savoia, Arnoldo Mondadori Editore, 1998, p. 350.
Biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie