Conti e duchi di Puglia e Calabria

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Il seguente è un elenco cronologico dei conti e duchi di Puglia e Calabria, che regnarono sulle regioni del sud Italia tra l'XI e il XII secolo. Il feudo nacque sotto il principe longobardo Guaimario IV di Salerno, che fu acclamato "duca di Puglia e Calabria" dai suoi vassalli longobardi e normanni. In cambio, Guaimario nominò conte di Melfi Guglielmo Braccio di Ferro, capo della casa d'Altavilla e condottiero dei normanni.

Nel 1047, l'imperatore Enrico III privò Guaimario del titolo ducale e consacrò il successore di Guglielmo, Drogone, alla guida del ducato col titolo di Dux et Magister Italiae Comesque Normannorum totius Apuliae et Calabriae (Duca e maestro d'Italia, conte dei Normanni di tutta la Puglia e la Calabria), vassallo diretto della corona imperiale.

Conti di Puglia[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Contea di Puglia.
Nome Ritratto Data di nascita Regno Matrimoni Note
Inizio Fine
Coat of Arms of the House of Hauteville (according to Agostino Inveges).svgAltavilla (1042–1059)Coat of Arms of the House of Hauteville (according to Agostino Inveges).svg
Coat of Arms of the House of Hauteville (according to Agostino Inveges).svg
Guglielmo I
Guglielmo Braccio di Ferro
Statue cathédrale Coutances Guillaume Bras-de-fer.JPG
1010 circa

1042

1046
Guida di Sorrento
Nessuno
Figlio maschio di Tancredi d'Altavilla e di Muriella
Designato conte di Puglia da Guaimario IV di Salerno
Coat of Arms of the House of Hauteville (according to Agostino Inveges).svg
Drogone
Statue cathédrale Coutances Drogon de Hauteville.JPG
prima del 1010

1046

1051
Gaitelgrima di Salerno
1 figlio, 2 figlie
Figlio maschio di Tancredi d'Altavilla e di Muiella
Fratello di Guglielmo
Erede maschio per prossimità di sangue
Coat of Arms of the House of Hauteville (according to Agostino Inveges).svg
Umfredo
Statue cathédrale Coutances Onfroi de Hauteville.JPG
1010 circa

1051

1057
(1) Matilda Drengot
2 figli
(2) Gaitelgrima di Salerno
1 figlia
Figlio di Tancredi d'Altavilla e Muriella
Fratello di Drogone
Erede maschio per prossimità di sangue
Coat of Arms of Robert Guiscard.svg
Roberto
il Guiscardo
Robert Guiscard (by Merry-Joseph Blondel).jpg
1015

1057
23 agosto
1059
(1) Alberada di Buonalbergo
1 figlio, 1 figlia
(2) Sichelgaita di Salerno
5 figlie, 3 figli
Figlio di Tancredi d'Altavilla e Fredesenda
Fratello di Umfredo
Erede maschio per prossimità di sangue

In seguito al Concordato di Melfi, il 23 agosto 1059 papa Niccolò II nominò Roberto Duca di Puglia, Calabria e Sicilia, riconoscendogli preventivamente anche la futura conquista della Sicilia.

Duchi di Puglia e Calabria[modifica | modifica wikitesto]

Nome Ritratto Data di nascita Regno Matrimoni Note
Inizio Fine
Guaimario (1042–1047)

Guaimario
Guaimario iv.jpg
1013 circa

1042

1047
Gemma di Capua
1 figlio, 3 figlie
Primogenito maschio di Guaimario III di Salerno e di Gaitelgrima di Benevento. Nel settembre del 1042 a Melfi, approvando l'elezione a conte di Puglia di Guglielmo d'Altavilla, ottenne in cambio l'acclamazione a Duca di Puglia e Calabria

Durante il periodo 1047-1059 la contea è sottoposta a vassallaggio diretto da parte dell'imperatore.

Nome Ritratto Data di nascita Regno Matrimoni Note
Inizio Fine
Coat of Arms of the House of Hauteville (according to Agostino Inveges).svgAltavilla (1059–1193)Coat of Arms of the House of Hauteville (according to Agostino Inveges).svg
Coat of Arms of Robert Guiscard.svg
Roberto
il Guiscardo
Robert Guiscard (by Merry-Joseph Blondel).jpg
1015
23 agosto
1059
17 luglio
1085
(1) Alberada di Buonalbergo
1 figlio, 1 figlia
(2) Sichelgaita di Salerno
5 figlie, 3 figli
Figlio di Tancredi d'Altavilla e Fredesenda
Il 23 agosto 1059, attraverso il Concordato di Melfi, papa Niccolò II investì ufficialmente il Guiscardo del titolo di Duca di Puglia, Calabria e Sicilia
Coat of Arms of Robert Guiscard.svg
Ruggero I
Borsa
Salerno Follaro 75001317.jpg
1060 circa
settembre
1085
22 febbraio
1111
Adelaide di Fiandra
3 figli
Figlio maschio di Roberto e di Sichelgaita di Salerno
Proclamato erede da Roberto
Coat of Arms of Robert Guiscard.svg
Guglielmo II

1095

1111

1127
(1) Gaitelgrima di Puglia
Nessuno
Figlio di Ruggero I e Adelaide di Fiandra
Erede maschio per prossimità di sangue
Coat of Arms of the House of Hauteville (according to Agostino Inveges).svg
Ruggero II
il Normanno
Martorana Palermo msu2017-0166 (cropped).jpg 22 dicembre
1095
28 luglio
1127
27 settembre
1134
(1) Elvira di Castiglia
cinque figli e due figlie
(2) Sibilla di Borgogna
nessun figlio
(3) Beatrice di Rethel
una figlia postuma
Figlio maschio di Ruggero I di Sicilia e di Adelasia del Vasto
Per la morte senza figli di Guglielmo II di Puglia, nel 1127 il ducato fu annesso alla contea di Sicilia. Il titolo ducale fu attribuito talvolta all'erede al trono siciliano
Fu anche Re di Sicilia (1130-1154)
Coat of Arms of the House of Hauteville (according to Agostino Inveges).svg
Ruggero III

1118

1134

1148
Isabella di Champagne
2 figli
Figlio maschio di Ruggero II e di Elvira di Castiglia
Proclamato erede da Ruggero II
Venne opposto da Rainulfo Drengot di Alife

Ruggero III venne opposto da Rainulfo di Alife, investito del ducato dapprima congiuntamente dal papa Innocenzo II e dall'imperatore Lotario II, poi (per garantire oltre ogni ragionevole dubbio il rispetto della formalità e della legittimità giuridica dell'investitura) dal solo imperatore Lotario II.

Nome Ritratto Data di nascita Regno Matrimoni Note
Inizio Fine
Drengot (1137–1139)

Rainulfo
Rainulfo de Airola

1093 circa

1137

1139
Matilde d'Altavilla
1 figlio, 1 figlia
Figlio maschio di Roberto di Alife e di Gaitelgrima
investito del ducato dapprima congiuntamente dal papa Innocenzo II e dall'imperatore Lotario II, poi (per garantire oltre ogni ragionevole dubbio il rispetto della formalità e della legittimità giuridica dell'investitura) dal solo imperatore Lotario II

L'opposizione di Rainulfo verso Ruggero III ebbe termine con la morte del primo.

Nome Ritratto Data di nascita Regno Matrimoni Note
Inizio Fine
Coat of Arms of the House of Hauteville (according to Agostino Inveges).svgAltavilla (1059–1193)Coat of Arms of the House of Hauteville (according to Agostino Inveges).svg
Coat of Arms of the House of Hauteville (according to Agostino Inveges).svg
Guglielmo III
il Malo
Guglielmo I.jpg
1120

1148

1154
Margherita di Navarra
4 figli
Figlio maschio di Ruggero II e di Elvira di Castiglia
Fratello di Ruggero III
Erede maschio per prossimità di sangue
Lasciò il ducato al figlio primogenito per diventare re di Sicilia con il nome di Guglielmo I
Coat of Arms of the House of Hauteville (according to Agostino Inveges).svg
Ruggero IV

1152

1154

1161
- Figlio maschio di Guglielmo III e di Margherita di Navarra
Nominato erede da Guglielmo III

In seguito alla morte di Ruggero IV, il titolo rimase vacante. Fu ripristinato in seguito per il figlio di Guglielmo II, morto prematuramente, e per Ruggero III (1189), figlio di Tancredi di Sicilia.

Nome Ritratto Data di nascita Regno Matrimoni Note
Inizio Fine
Coat of Arms of the House of Hauteville (according to Agostino Inveges).svgAltavilla (1059–1193)Coat of Arms of the House of Hauteville (according to Agostino Inveges).svg
Coat of Arms of the House of Hauteville (according to Agostino Inveges).svg
Boemondo

1181

1181

1181
- Figlio maschio di Guglielmo II di Sicilia e di Giovanna d'Inghilterra
Nominato duca di Puglia da Guglielmo II di Sicilia
Morto prematuramente
Coat of Arms of the House of Hauteville (according to Agostino Inveges).svg
Ruggero V
Tankred syni.jpg
1175

1189

1193
Irene Angela
Nessuno
Figlio maschio di Tancredi di Sicilia e di Sibilla di Medania
Designato duca da Tancredi di Sicilia

Con l'avvento a re di Sicilia di Federico II di Svevia del sacro romano impero come ultimo discendente degli Altavilla nelle sue donazioni utilizza per se stesso il titolo di Duca d'Apulia insieme a quello di re di Sicilia e Principe di Capua.

Duchi delle Puglie[modifica | modifica wikitesto]

Duchi delle Puglie, seconda creazione:

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]