Edizioni di Storia e Letteratura

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Edizioni di Storia e Letteratura
StatoItalia Italia
Fondazione1941
Fondata dadon Giuseppe De Luca
Sede principaleRoma
SettoreEditoria
Sito web
Giuseppe De Luca, nel 1951, con il primo volume dell'Archivio italiano per la storia della pietà

Edizioni di Storia e Letteratura è una casa editrice fondata nel 1941 da don Giuseppe De Luca, dedicata a edizioni specialistiche in ambito storico, filologico e letterario.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La sua fondazione, durante la seconda guerra mondiale, intendeva perseguire l'ambizione "ideale [...] di tener alta l'indagine storica e letteraria, e risollevare erudizione e filologia"[1], accomunando, in un'unica operazione editoriale, l'attenzione alla filologia profana e a quella sacra, campi tradizionalmente separati in Italia. L'attività editoriale era intesa per "prestar aiuto a quei giovani di maggior ingegno, i quali avessero ardito incamminarsi verso studi più ardui e meno redditizi"[1] e per consentire ai "maestri più insigni [...] di dar l'ultima mano, e avviarli alla pubblicazione, ai lavori di tutta una vita, così come esigevano la dignità del loro studio e la ricchezza stessa dei loro risultati"[1].

Il primo libro pubblicato vide la luce nel 1943, a due anni della fondazione[2].

Pubblicazioni[modifica | modifica wikitesto]

Autori[modifica | modifica wikitesto]

Tra gli autori pubblicati si ricordano Giuseppe Billanovich, Herbert Bloch, Gaetano De Sanctis, Carlo Dionisotti, Peter Dronke, Eduard Fraenkel, Werner Jaeger, Paul Oskar Kristeller, Friedrich Leo, Anneliese Maier, Scevola Mariotti, Arnaldo Momigliano, Bruno Nardi, Gennaro Sasso, Fulvio Tessitore.

Riviste e collane[modifica | modifica wikitesto]

Tra le altre pubblicazioni, sono da segnalare la rivista "Archivio italiano per la storia della pietà", l'Edizione nazionale dei testi umanistici, quella delle opere di Pietro Verri e la collana editoriale "Studi e testi del Rinascimento europeo", emanazione editoriale dell'Istituto Nazionale di Studi sul Rinascimento.

Epistolari[modifica | modifica wikitesto]

La casa editrice ha in catalogo una serie di epistolari e carteggi di illustri personaggi del Novecento, tra cui Giovanni Cristofano Amaduzzi, Antonio Baldini, Carlo Bo, Giuseppe Bottai, Piero Bargellini, Aurelio Bertola, Emilio Cecchi, Benedetto Croce, Domenico Giuliotti, Giuseppe De Luca, Aldo Palazzeschi, Giovanni Papini, Giuseppe Prezzolini, Luigi Sturzo, Giuseppe Ungaretti, i papi Angelo Roncalli e Giovanni Battista Montini, e Loris Capovilla, segretario di Giovanni XXIII.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c don Giuseppe De Luca, 1958, dal sito della casa editrice Archiviato il 15 gennaio 2012 in Internet Archive.
  2. ^ Casa editrice Archiviato il 15 gennaio 2012 in Internet Archive., dal sito ufficiale

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN151283045 · LCCN (ENn81109695 · GND (DE2059107-X · BNF (FRcb16916731d (data) · BAV ADV12403119