Paul Oskar Kristeller

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Paul Oskar Kristeller (Berlino, 22 maggio 1905New York, 7 giugno 1999) è stato uno storico della filosofia tedesco naturalizzato statunitense.

È stato un ricercatore specializzato nell'ambito dell'Umanesimo.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Kristeller, nato a Berlino da una famiglia di origine ebraica, terminò i suoi studi all'università di Heidelberg laureandosi nel 1928 con una dissertazione sulla filosofia di Plotino sotto la guida di Ernst Hoffmann. Compì studi post-dottorato all'Università di Berlino e all'Università di Friburgo; a Friburgo studiò con Heidegger.

Nel 1935, su chiamata del filosofo Giovanni Gentile, insegnò come lettore di tedesco alla Scuola Normale di Pisa, dove ebbe tra gli studenti che seguirono il corso anche Carlo Azeglio Ciampi. Nel 1939, a seguito delle leggi razziali emanate sia in Italia sia in Germania, grazie all'aiuto di Gentile riuscì a espatriare negli Stati Uniti e a trovare un impiego prima all'Università di Yale, dove rimase per poco tempo, poi alla Columbia University di New York[1][2]; qui insegnò sino al 1973, quando divenne professore emerito: poté così continuare a lavorare attivamente nella ricerca. Alla fine fu attivo come professore emerito di filosofia alla Columbia University.

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

L'oggetto principale della sua ricerca è costituito dal campo della filosofia del Rinascimento e dell'Umanesimo. Alcuni suoi importanti lavori concernono per esempio Marsilio Ficino, Giovanni Pico della Mirandola e Pietro Pomponazzi.

Si guadagnò riconoscimenti straordinari con il censimento di manoscritti in sei volumi (pubblicati tra il 1963 e il 1992) Iter Italicum (titolo che ricorda Iter Alemannicum, un lavoro simile di Martin Gerbert), un'opera monumentale in cui egli descrisse innumerevoli manoscritti sino ad allora non recensiti.

Pensiero[modifica | modifica wikitesto]

Kristeller ritiene che il Rinascimento, secondo molti aspetti, si pone in continuità rispetto alla dottrina aristotelica medioevale, pur indirizzandola ad una nuova concezione dell'uomo e della natura, opponendosi pertanto alla visione storiografica tradizionale avvalorata da Alfred North Whitehead. Inoltre Kristeller rifiuta la tesi tradizionale che vede un'irreligiosità marcata e un ritorno al paganesimo durante il periodo rinascimentale, secondo la quale vengono prese le distanze dallo spirito religioso della tarda scolastica. Infatti sostiene che si debba trattare invece di nuove riflessioni intellettuali di stampo non religioso che giungono ad una distinzione tra la filosofia-filologia e la religione, in polemica con l'impostazione scolastica, ma si assiste nel contempo anche ad un ritorno agli studi classici, tra i quali quello della filosofica patristica e della Sacra Scrittura. In divergenza con Eugenio Garin, Kristeller ritiene che l'Umanesimo sia stato nel suo centro un movimento erudito, letterario e pedagogico, e che perciò la filosofia non fu affatto un elemento unico o dominante.[3]

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • Der Begriff der Seele in der Ethik des Plotin, Mohr, Tübingen 1929 (Dissertation Universität Heidelberg 1928)
  • Supplementum Ficinianum, Olschki, Firenze 1937
  • Il pensiero filosofico di Marsilio Ficino, Sansoni, Firenze 1953 (ed. tedesca 1972)
  • The Classics and Renaissance Thought, Harvard University Press, Cambridge Mass. 1955.
  • Humanismus und Renaissance, Fink, München 1980
  1. Die antiken und mittelalterlichen Quellen, ISBN 3-7705-1815-2.
  2. Philosophie, Bildung und Kunst, ISBN 3-7705-1816-0.
  • Die Ideen als Gedanken der menschlichen und göttlichen Vernunft, Winter, Heidelberg 1989, ISBN 3-598-25030-4.
  • Iter Italicum. A finding list of uncatalogued or incompletely catalogued humanistic manuscripts of the Renaissance in Italian and other libraries, Brill, Leiden 1995, ISBN 90-04-10122-5 (anche in CD-ROM).
  • Die Philosophie des Marsilio Ficino, Klostermann, Frankfurt/M. 1972.
  • Studies in Renaissance Thought and Letters, Edizioni di Storia e Letteratura, Roma 1956-1996 (4 vol.)
  • L'Umanesimo italiano del Rinascimento e il suo significato, Quaderni del Trentennale dell'Istituto Italiano per gli Studi Filosofici, Napoli 2005.
  • (cur.) The Renaissance Philosophy of Man. Petrarca, Valla, Ficino, Pico, Pomponazzi, Vives, University of Chicago Press, Chicago 1948 (antologia commentata).

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Paolo Mauri, Salvato da Gentile in La Repubblica, 20 aprile 2000.
  2. ^ Armando Torno, Branca. Il fascista Gentile tra ideologia e verità in Corriere della Sera, 23 luglio 2000.
  3. ^ P.O. Kristeller, L'Umanesimo italiano del Rinascimento e il suo significato, Napoli 2005, p. 30.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Thomas Gilbhard: Bibliographia Kristelleriana. A Bibliography of the Publications of Paul Oskar Kristeller (Sussidi eruditi 72), Edizioni di Storia e Letteratura, Roma 2006, ISBN 88-8498-310-X.
  • Eckhard Keßler: Paul Oskar Kristeller, in: Rudolf Vierhaus et al. (cur.): Deutsche Biographische Enzyklopädie. Saur, München 2000, ISBN 3-598-25030-4, vol. 11/1.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 56612115 · LCCN: n79043872 · GND: 11877803X · BNF: cb11910115c (data)