Editrice La Stampa

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Editrice La Stampa S.p.A.
Stato Italia Italia
Tipo Società per azioni
Fondazione
Chiusura 1º gennaio 2015 per fusione con SEP in Italiana Editrice
Sede principale Torino
Gruppo Fiat Chrysler Automobiles
Persone chiave
  • John Elkann (presidente)
Settore Editoriale
Prodotti quotidiano La Stampa
Fatturato € 118,6 milioni[1] (2012)
Utile netto € -27 milioni[1] (2012)

L'Editrice La Stampa S.p.A. è stata una casa editrice italiana, parte del gruppo Fiat Chrysler Automobiles[2]. Fino al 31 dicembre 2014 ha pubblicato il principale quotidiano torinese, «La Stampa». L'ultimo presidente, eletto il 13 marzo 2008, è stato John Elkann.[3]

Oltre al quotidiano, l'editrice ha anche pubblicato vari libri, scritti per la maggior parte da collaboratori del giornale, come Massimo Gramellini e Luciana Littizzetto.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Storica editrice del quotidiano torinese, la società ha fatto parte del Gruppo Fiat. Fino al 2012 è stata controllata da Fiat S.p.A. (dal 2014 «Fiat Chrysler Automobiles») tramite la sussidiaria editoriale Itedi - Italiana Edizioni. Quell'anno Itedi si è fusa per incorporazione in Editrice La Stampa.[2]

Il 2 agosto 2014 l'azienda ha annunciato, in un comunicato congiunto con la «Società Edizioni e Pubblicazioni» (SEP) di Carlo Perrone, editrice del quotidiano genovese «Il Secolo XIX», il progetto di fusione per incorporazione della SEP nella prima, creando così una nuova società denominata «Italiana Editrice S.p.A.», partecipata da Fiat Chrysler Automobiles per il 77% e dalla famiglia Perrone per il 23%. L'operazione finanziaria comprendeva anche l'integrazione delle sussidiare pubblicitarie e mass media, come Publikompass (di Ed. La Stampa), Publirama e Radio19 (entrambe di SEP).

L'accordo ha avuto efficacia a partire dal 1º gennaio 2015. Da quella data «La Stampa» e «Il Secolo XIX» sono pubblicati da Italiana Editrice S.p.A. Il nuovo gruppo editoriale ha sotto contratto 240 giornalisti tra le redazioni dei due quotidiani che, insieme, hanno una quota giornaliera di 260.000 copie vendute, alla pari delle altre maggiori testate italiane (come il «Corriere della Sera» o «la Repubblica»)[4][5].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b La Stampa ha chiuso il 2012 con 27 milioni di perdite: per salvarla Fiat pensa a venderla o a incorporarla in Rcs, in Quotidiano Piemontese, 1º luglio 2013. URL consultato il 24 agosto 2013.
  2. ^ a b FIAT S.p.A., Relazione Finanziaria Annuale al 31 dicembre 2012 (PDF), fiatspa.com, p. 230. URL consultato il 23 agosto 2013.
  3. ^ John Elkann presidente dell'Editrice La Stampa, in LaStampa.it, 13 marzo 2008.
  4. ^ Alleanza La Stampa-Secolo XIX Nasce un nuovo gruppo editoriale, in LaStampa.it, 2 agosto 2014. URL consultato il 18 febbraio 2015.
  5. ^ Fusione Il Secolo XIX-La Stampa, nasce un nuovo gruppo editoriale, in IlSecoloXIX.it, 2 agosto 2014. URL consultato il 18 febbraio 2015.