Editrice Cenisio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Editrice Cenisio
StatoItalia Italia
Forma societariaSocietà a responsabilità limitata
Fondazioneanni 1960
Chiusuraanni 1990
Sede principaleMilano
Persone chiaveCarla Arcaini, direttore
SettoreEditoria

L'Editrice Cenisio è stata una casa editrice italiana di fumetti attiva tra gli anni sessanta e novanta e licenziataria per l'Italia delle storie a fumetti di Tarzan e dei personaggi della Warner Bros; fu la prima casa editrice a indicare sugli albi il riferimento alla storia originale[1].

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Anni sessanta[modifica | modifica wikitesto]

Nei primi anni sessanta pubblicò le avventure di due personaggi di Luciano Bottaro e Carlo Chendi, Whisky e Gogo.

Anni settanta[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1975 ottenne dalla DC Comics, editorie americano di serie a fumetti di supereroi, i diritti per i suoi personaggi, precedentemente detenuti dalla Williams, pubblicando inizialmente due collane dedicate a Batman e Superman, cui seguirono quelle dedicate a Flash (30 albi da giugno 1978)[1], alla Legione dei Supereroi (da aprile 1979), a Wonder Woman e al Sergente Rock.

Pubblicò, dall'agosto 1977 al maggio 1978, anche il trimestrale delle avventure di Danny Wilde e Brett Sinclair, con la medesima denominazione della fortunata serie TV Attenti a quei due, con Tony Curtis e Roger Moore.

Anni ottanta[modifica | modifica wikitesto]

Chiuse la pubblicazione di queste collane della DC Comics nei primi anni ottanta (l'ultima collana DC a chiudere fu Superman, nel 1984)[2]. I diritti DC passarono poi in mano ad altri editori, come Rizzoli e la Play Press, mentre Tarzan non venne più pubblicato in Italia fino al 2003[3]. Venne invece proseguita la pubblicazione delle sue collane umoristiche (principalmente quelle dedicate ai personaggi della Warner Bros., ma anche La Pantera Rosa) fino ai primi anni novanta.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Rino Monreale e Marcello Vaccari, Flash - Le testate, Glamazonia.it. URL consultato il 31 agosto 2011.
  2. ^ Paolo Ottolina, Superman - Guida alla lettura, UBCfumetti.com. URL consultato il 31 agosto 2011.
  3. ^ Francesco Farru, Tarzan 1[collegamento interrotto], ComicUS.it, 26 novembre 2003. URL consultato il 31 agosto 2011.