Edith Jacobson

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Edith Jacobson (Haynau, 10 settembre 1897Rochester, 8 dicembre 1982) è stata una psicoanalista statunitense di origini tedesche. La sua esperienza si arricchì attraverso l'analisi effettuata su di lei da Abraham a Berlino. Imprigionata dalle autorità del regime nazista, nel 1941 fuggì negli Stati Uniti, dove poté esercitare la sua professione. È conosciuta per i suoi lavori sul sé e sulla depressione; nel 1964 infatti scrisse Il sé e il mondo oggettuale.

La Jacobson dà un'importante definizione d'identità, vista come consapevolezza di sé o sentimento di sé. Studia infatti l'ontogenesi della crescita dell'infante dividendo i primi anni di vita in alcune fasi:

  1. Fase dell'indifferenziazione, caratterizzata dal narcisismo primario in cui il sé è "psicofisiologico indifferenziato". I processi fisiologici sono indipendenti da stimolazioni sensoriali esterne.
  2. Fase delle risposte a pulsioni esterne, in cui s'inizia una differenziazione tra libido e aggressività. Sono presenti fantasie di fusione e di frustrazione.
  3. Fase della separazione-individuazione, in cui si ha un'iniziale immagine di sé.
  4. Fase della costanza dell'oggetto, durante il quarto e quinto anno di vita.
  5. Fase di latenza.
  6. Adolescenza.
Controllo di autoritàVIAF (EN108262059 · ISNI (EN0000 0000 8405 7637 · LCCN (ENn80146430 · GND (DE130494372 · BNF (FRcb126143385 (data)