Ed Quinn

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Ed Quinn

Ed Quinn, all'anagrafe Arthur Edward Quinn (Berkeley, 26 febbraio 1968), è un attore statunitense.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nato in California effettua gli studi presso la St. Mary's College High School, successivamente ottiene il titolo di bachelor in storia presso l'Università della California, Berkeley. Dopo gli studi inizia a lavorare come modello a Parigi, Barcellona e Milano e partecipa a più di 35 spot televisivi internazionali. Tornato negli Stati Uniti inizia la sua carriera come attore, prima come uno dei protagonisti della serie televisiva di breve vita Young Americans e poi partecipando ad alcuni episodi della serie Jack & Jill.

Nel 2004 recita nel film di fantascienza Starship Troopers 2 - Eroi della federazione, sequel di Starship Troopers - Fanteria dello spazio, mentre nel 2005 è uno dei protagonisti del film Cacciatori di zombi, sequel televisivo di House of the Dead. Nel corso degli anni ha partecipato come guest star a numerose serie televisive, tra cui JAG - Avvocati in divisa, La vita secondo Jim, Le cose che amo di te e CSI: NY, 2 Broke Girls.

Prima di recitare Quinn è stato un musicista, ha studiato musica con Joe Satriani e ha fatto parte di gruppi musicali chiamati Mad Theory e Scattergood, in quest'ultima è stato il cantante e ha suonato la chitarra. Ed Quinn ha realizzato un CD demo da solista intitolato semplicemente quinn, contenente tre tracce; Because of You, Cause I Do e We Had It Made.

Diviene noto per aver interpretato, dal 2006 al 2008, Nathan Stark nella serie TV Eureka. Nel 2009 prende parte a tre episodi della seconda stagione di True Blood, nel ruolo del vampiro Stan Davis.

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Doppiatori italiani[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN69238836 · ISNI (EN0000 0000 0255 6177 · LCCN (ENno2009004057 · BNF (FRcb15522803v (data) · WorldCat Identities (ENno2009-004057