Dragon Age

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Dragon Age è una serie di videogiochi di ruolo a tema fantasy creata e sviluppata dalla società Bioware e pubblicata da Electronic Arts per PlayStation 3, Xbox 360, macOS e Microsoft Windows; al momento è costituita da tre capitoli più uno spin-off per cellulari.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Dragon Age venne per la prima volta annunciato nell'Expo E3 del 2004. Il primo gioco, Dragon Age: Origins, venne pubblicato nel novembre del 2009, seguito da una serie di contenuti scaricabili e dall'espansione Dragon Age: Origins - Awakening (pubblicata nel marzo 2010). Nel marzo 2011 venne invece messo in commercio Dragon Age II.

Alla serie di videogiochi si affiancano tre racconti che fungono da prequel per le avventure di Dragon Age: Origins, scritti dall'autore David Gaider.

Il 21 novembre 2014 è uscito per Microsoft Windows, PlayStation 3, PlayStation 4, Xbox 360 e Xbox One il terzo capitolo principale della serie di Bioware: Dragon Age: Inquisition. Nel 2017 Bioware annuncia la lavorazione di un nuovo videogioco della serie.

Ambientazione[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Thedas.

L'universo fantasy di Dragon Age trae ispirazione dalla tradizione fantasy europea. Essa si sviluppa in un'ambientazione che si colloca all'interno del continente immaginario del Thedas. Questo territorio un tempo era sotto il dominio dell'Impero Tevinter (ispirato direttamente da quello romano) ma dopo la sua frammentazione, ha visto nascere decine di nazioni diverse. Oltre agli esseri umani nell'universo di Dragon Age si muovono anche Nani, Elfi e Qunari (una razza di giganti guerrieri) ma anche Prole Oscura, Draghi e Demoni.

Personaggi[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Personaggi di Dragon Age: Origins.
Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Personaggi di Dragon Age II.
Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Personaggi di Dragon Age: Inquisition.

Nella saga compaiono molti personaggi di diversa razza, storia e abilità.

Videogiochi della serie[modifica | modifica wikitesto]

Serie principale[modifica | modifica wikitesto]

Dragon Age: Origins[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Dragon Age: Origins.

È il primo videogioco della serie. Il Ferelden è minacciato dalla Prole Oscura dando inizio al Quinto Flagello. I Custodi Grigi sono gli unici in grado di sconfiggerli. Gli unici due Custodi Grigi rimasti vivi sono Alistair e Il Custode, protagonista del gioco. Insieme cominciano a creare un esercito per affrontare la minaccia.

Tale gioco è stato pubblicato nel 2009 per Microsoft Windows, PlayStation 3 e Xbox 360. È il primo videogioco dell'intera serie.

Dragon Age II[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Dragon Age II.

Secondo capitolo della serie. Il nano Varric narra le vicende del Campione di Kirkwall chiamato Hawke. Il gioco inizia esattamente quando il Flagello è appena cominciato nel Ferelden. Hawke insieme alla sua famiglia fugge nei Liberi Confini, precisamente nella città di Kirkwall e li ci trascorrerà sette anni e in questo periodo di tempo le sue azioni lo fecero conoscere e soprannominare Campione di Kirkwall.

Il gioco è stato pubblicato nel 2011 per Microsoft Windows, PlayStation 3 e Xbox 360. Secondo capitolo della serie.

Dragon Age: Inquisition[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Dragon Age: Inquisition.

Terzo capitolo della serie. Ambientato qualche tempo dopo la fine del precedente capitolo. Nel cielo si è aperto un'enorme breccia che a sua volta ha aperto piccole brecce nel Ferelden e nell'Orlais dove da essi fuoriescono demoni. Il protagonista, che verrà poi conosciuto col nome di Inquisitore, è l'unico in grado di chiudere le brecce e con l'inquisizione cercherà di cacciare i demoni e rispedirli nel loro mondo.

Il gioco è stato pubblicato nel 2014 per Microsoft Windows, PlayStation 3, Xbox 360, PlayStation 4 e Xbox One. Terzo capitolo della serie.

Spin-off[modifica | modifica wikitesto]

Heroes of Dragon Age[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Heroes of Dragon Age.

Primo spin-off della serie. Nel gioco devono essere affrontate una serie di mappe che ripercorrono gli avvenimenti più importanti nella storia del Thedas. Alcuni fatti sono già stati presentati nei tre titoli principali della saga mentre altri ripercorrono gli eventi antecedenti al primo gioco della saga.

Tale videogioco è stato pubblicato nel 2013 per iOS e Android.

Altri media[modifica | modifica wikitesto]

Libri[modifica | modifica wikitesto]

Fumetti[modifica | modifica wikitesto]

  • Dragon Age: Origins, pubblicato online nel 2010 da Penny Arcade
  • Dragon Age: Origins - Awakening, pubblicato online nel 2010 da Penny Arcade
  • Dragon Age: The Revelation, pubblicato online nel 2010 da BioWare
  • Dragon Age, una serie di 6 volumi pubblicati nel 2011 da IDW Publishing
  • Dragon Age: The Silent Grove, una serie di 6 volumi pubblicati nel 2012 da Dark Horse Comics
  • Dragon Age: Those Who Speak, una serie di 3 volumi pubblicati nel 2012 da Dark Horse Comics
  • Dragon Age: Until We Sleep, una serie di 3 volumi pubblicati nel 2013 da Dark Horse Comics
  • Dragon Age Library Edition, una raccolta delle tre serie a fumetti della Dark Horse Comics, pubblicata nel 2014
  • Dragon Age: Magekiller, una serie in uscita nel novembre 2015, pubblicata dalla Dark Horse Comics
  • Dragon Age: Knight Errant, una serie in uscita nel 2017,pubblicata dalla Dark Horse Comics

Film[modifica | modifica wikitesto]

Web serie[modifica | modifica wikitesto]

  • Dragon Age: Warden's Fall, una serie di 5 episodi pubblicati da Machinima nel 2010
  • Dragon Age: Redemption, una serie di 6 episodi prodotti da BioWare e Felicia Day e pubblicati nel 2011

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]