Dora Nelson

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Dora Nelson
Titolo originaleDora Nelson
Lingua originaleitaliano
Paese di produzioneItalia
Anno1939
Durata78 min
Dati tecnicibianco e nero
Generecommedia
RegiaMario Soldati
SoggettoLouis Verneuil
SceneggiaturaMario Soldati, Luigi Zampa riduzione e adattamento dell'omonimo film di René Guissart (Francia 1935)
ProduttoreGiuseppe Vittorio Sampieri
Produttore esecutivoGiuseppe Mari
Casa di produzioneUrbe Film - ICI
FotografiaAnchise Brizzi
MontaggioGiovanna Del Bosco
MusicheFelice Montagnini
ScenografiaPino Viola
CostumiCasa d'Arte Caramba
Interpreti e personaggi
Doppiatori originali

Dora Nelson è un film del 1939 diretto da Mario Soldati. Tratto da una pièce di Louis Verneuil, già filmata in Francia nel 1935 con Elvire Popesco come protagonista.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

L'ex principessa russa Dora Nelson, attrice viziata e moglie dell'industriale Giovanni Ferrari, abbandona il set per seguire un improbabile e misterioso principe, ma è solo una beffa organizzata dal suo primo marito, creduto morto in un incidente ferroviario. Il regista del film l'ha intanto rimpiazzata con la modesta operaia Pierina, sosia di Dora, alla quale l'industriale chiede di recitare anche nella vita il ruolo della moglie, per evitare lo scandalo e per non rovinare il fidanzamento della figlia. Intanto la ex principessa scopre il tranello che le ha teso il suo primo marito redivivo, e torna a casa pentita; ma è troppo tardi: la ricomparsa del coniuge rende nulle le seconde nozze, ed il ricco industriale, felicissimo, sposa Pierina, di cui nel frattempo si era follemente innamorato.

La regia[modifica | modifica wikitesto]

Mario Soldati, regista controverso perché da alcuni considerato "minore" se non altro per la prevalenza della sua attività letteraria e giornalistica su quella cinematografica, ha lasciato in realtà un corpus di lavori ben diretti e ben recitati. Anche in questo film, che Soldati stesso amava definire una commedia alla Lubitsch, si avverte una mano elegante ed equilibrata, senza eccessi né cadute di stile. In Dora Nelson non si limita a dare risalto, nel doppio ruolo della principessa russa e della sua sosia operaia, alla protagonista Assia Noris una delle attrici più popolari del decennio 1930-40 e realmente nata in Russia, ma descrive con gusto l'ambiente del cinema e mette in giusta luce ciascuno dei personaggi minori, tra cui ricordiamo Carlo Ninchi, un esordiente Massimo Girotti, e Carlo Campanini in uno dei suoi primissimi ruoli al cinema.

Critica[modifica | modifica wikitesto]

Giuseppe Isani su Cinema del 25 dicembre 1939: "Se almeno una volta al mese ci fosse dato di vedere un film dell'eleganza e dell'accuratezza di Dora Nelson, potremmo dichiararci soddisfatti".

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Gundle, Stephen. Mussolini's Dream Factory: Film Stardom in Fascist Italy, Berghahn Books, 2013.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema