Dirt 3

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
DiRT 3
Dirt3 game 2011-05-28 12-20-34-68.jpg
Una scena del gameplay.
Sviluppo Codemasters Southam[1]
Pubblicazione Codemasters
Serie Colin McRae Rally
Data di pubblicazione 24 maggio 2011[2]
Genere Simulatore di guida
Piattaforma Microsoft Windows, PlayStation 3, Xbox 360
Distribuzione digitale Steam
Motore grafico EGO
Requisiti di sistema Raccomandati
  • Windows Vista or Windows 7
  • AMD Phenom II / Intel Core i7
  • 3 GB RAM
  • 15 GB Hard Drive Space
  • Graphics Card: AMD Radeon HD 6000 Series
  • DirectX Compatible Sound Card
  • DirectX 11

Minimi

  • Windows XP, Windows Vista or Windows 7
  • AMD Athlon 64 X2 2.8 GHz / Intel Pentium D 2.8 GHz
  • 2 GB RAM
  • 15 GB Hard Drive Space
  • Graphics Card: AMD Radeon HD 2000 Series 256 MB / NVIDIA GeForce 8000 Series 256 MB
  • DirectX Compatible Sound Card
  • DirectX 9
Fascia di età PEGI: 12+
Periferiche di input mouse, tastiera (PC), gamepad, volante
Preceduto da Dirt 2
Seguito da DiRT Showdown

Dirt 3 (reso graficamente come DiRT 3) è un videogame di rally della serie Colin McRae Rally, sequel di Dirt 2, sviluppato e pubblicato da Codemasters.[3] Comunque, il marchio "Colin McRae", assente solo nelle versioni americane di Dirt e Dirt 2, è stato rimosso da tutte le versioni di questo capitolo.[4] Il videogioco è stato rilasciato in Europa e Nord America il 24 maggio 2011 e due giorni dopo in Australia, per le piattaforme Microsoft Windows, PlayStation 3 e Xbox 360. La versione giapponese è stata rilasciata il 25 agosto 2011.[5][6][7]

Caratteristiche di gioco[modifica | modifica sorgente]

La modalità principale vede il giocatore impegnato in una serie di gare che gli faranno guadagnare punti reputazione per attirare l'interesse degli sponsor, che lo ricompenseranno con nuovi veicoli messi a disposizione. Sono presenti come in Dirt 2 i flashback, che possono essere utilizzati fino a cinque volte in qualsiasi situazione problematica e presenti in ogni livello di difficoltà (a differenza del precedente gioco), ma costano punti reputazione ad ogni uso. All'interno della nuova modalità Gincana, i giocatori partecipano a percorsi a ostacoli e sconfiggono gli avversari facendo acrobazie che permettono loro di guadagnare molti punti. All'interno del gioco sono presenti diverse modalità festaiole, con eventi come lo scontro con obiettivi di legno, la diffusione di un'infezione zombie e il rubabandiera. Altre nuove modalità sono la Hardcore, dove il giocatore ha a disposizione solo la visuale dall'abitacolo ed è privo di assistente; la presenza di pioggia o neve e la possibilità di caricare direttamente su YouTube i propri replay per un massimo di 30sec.[8] La selezione delle auto presenti spazia dalle auto da rally degli anni '60 sino a quelle dei giorni nostri, passando per truck e fuoristrada delle case automobilistiche più famose.

Critica[modifica | modifica sorgente]

IGN ha assegnato al gioco un voto di 8.5 e il premio Editor's Choice, elogiandone il gameplay e le funzionalità online, pur criticando alcune scelte di design.[9] GameTrailers l'ha premiato con 9.2, lodandone gameplay e presentazione, con una critica ai limiti della funzionalità YouTube.[10] GamesRadar ha dato al gioco un voto di 9/10, segnalando positivamente il gameplay impeccabile ma notando un leggero calo nella struttura di presentazione rispetto al titolo precedente.[11] Official Xbox Magazine l'ha valutato 8.5/10, acclamando l'impressionante design dei veicoli e la comodità di guida, ma criticando l'insufficienza di dinamismo sulle varie superfici e la povertà della componente social.[12]

Complete Edition[modifica | modifica sorgente]

Il 7 marzo 2012 è uscita la "Complete Edition" di DIRT3, ossia il gioco con tutti i DLC al suo interno.[13]

Curiosità[modifica | modifica sorgente]

Nel settembre 2011 un problema di sicurezza del sito AMD4u.com, il quale ospitava un'offerta che permetteva di ottenere il codice di attivazione di una copia Steam di Dirt3 attraverso l'acquisto di prodotti AMD, ha permesso il furto di 3 milioni di serial del gioco, postati in seguito su vari siti internet[14][15].


Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Codemasters: Taking aim | Game development | Features by Develop, Develop, 23 luglio 2010. URL consultato il 1º febbraio 2011.
  2. ^ Wesley Yin-Poole, DiRT 3 release date announced News - Page 1, Eurogamer.net, 16 dicembre 2010. URL consultato il 4 febbraio 2011.
  3. ^ Tom Ivan, Dirt 3 Confirmed | Edge Magazine, Edge-online.com, 12 marzo 2010. URL consultato il 1º febbraio 2011.
  4. ^ (EN) http://www.edge-online.com/news/dirt-3-confirmed
  5. ^ (JA) http://www.4gamer.net/games/117/G011710/
  6. ^ (JA) http://www.4gamer.net/games/117/G011712/
  7. ^ (JA) http://www.4gamer.net/games/117/G011711/
  8. ^ (EN) http://www.eurogamer.net/articles/2010-11-17-dirt-3-preview
  9. ^ (EN) http://uk.xbox360.ign.com/articles/116/1169553p1.html
  10. ^ (EN) http://www.gametrailers.com/reviews/1rbmsw/dirt-3-review
  11. ^ (EN) http://www.gamesradar.com/dirt-3-review/
  12. ^ (EN) http://www.oxmonline.com/dirt-3-review
  13. ^ DiRT 3 - Complete Edition Trailer - YouTube
  14. ^ 3 million digital DiRT 3 copies robbed News • News • Eurogamer.net
  15. ^ Rumour: 3 million DiRT 3 Steam keys leaked online | VG247

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Videogiochi Portale Videogiochi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Videogiochi