Colin McRae: Dirt 2

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Colin McRae: DiRT 2
Dirt2 game 2012-01-24 22-54-01-45.jpg
Una scena del gameplay.
Sviluppo Codemasters, Sumo Digital (PSP/Wii), Firebrand Games (NDS), Feral Interactive (Mac OS X)
Pubblicazione Codemasters, SCE (PS3/PSP in Europa), Namco Bandai Games (Australia)[1], Feral Interactive (Mac OS X)[2]
Serie Colin McRae Rally
Data di pubblicazione Microsoft Windows[3]:
Flags of Canada and the United States.svg 1 dicembre 2009
Flag of Europe.svg 3 dicembre 2009
Flag of the United Kingdom.svg 4 dicembre 2009

Console[4]:
Flags of Canada and the United States.svg 8 settembre 2009
Flag of Europe.svg 10 settembre 2009
Flag of the United Kingdom.svg 11 settembre 2009

Genere Simulatore di guida
Tema Contemporaneo
Modalità di gioco giocatore singolo, multigiocatore
Piattaforma Microsoft Windows, Mac OS X, Xbox 360, Wii, PlayStation 3, PlayStation Portable, Nintendo DS
Distribuzione digitale Steam
Motore grafico EGO
Supporto DVD, Blu-Ray, Universal Media Disc, Nintendo Optical Disc
Requisiti di sistema Minimi (Win)
  • Sistema operativo: Microsoft Windows XP, Vista or Windows 7
  • Processore: Intel Pentium D 2.6 GHz, AMD Athlon 64 X2
  • RAM: 1GB (2GB per Windows Vista e Windows 7)
  • Disco rigido: 10GB
  • Scheda video: ATI Radeon X1600, NVIDIA GeForce 6800

Minimi (Mac OS X)

  • Sistema operativo: Mac OS X 10.6.7
  • Processorw: 2.0 GHz Intel Only
  • RAM: 2GB (4GB for Intel HD 3000 and NVIDIA 320M)
  • Disco rigido: 8GB
  • Scheda video: 128MB
  • Not Supportate Intel GMA, NVIDIA 9400 and 7xxx, ATI X1xxx series
Fascia di età ESRB: T (X360, PS3, Win), E10+ (Wii, PSP), E (NDS)
PEGI: 12+
Periferiche di input mouse, tastiera (PC), gamepad
Preceduto da Colin McRae: DiRT
Seguito da Dirt 3

Colin McRae: Dirt 2 (abbreviato Dirt 2) è un videogame di rally della serie Colin McRae Rally sviluppato e pubblicato da Codemasters nel 2009 per PC, PS3 e Xbox 360. Su PC è stato uno dei primi giochi a sfruttare le DirectX 11. È stato annunciato il 19 novembre 2008 e presenta nomi illustri del mondo delle corse al suo interno come Ken Block, Travis Pastrana, Tanner Foust e Dave Mirra con cui è possibile gareggiare. Il gioco è stato dedicato alla memoria di Colin McRae, famoso pilota di rally scomparso in un terribile incidente nel 2007, al quale era stata intitolata la serie sin dal primo episodio. Il gioco è il seguito di Colin McRae: DiRT, uscito nel 2007. Nel 2011 è uscito il seguito Dirt 3.

Caratteristiche di gioco[modifica | modifica sorgente]

Il gioco sfrutta caratteristiche avanzate grafiche rispetto al suo predecessore, nuovi effetti di luce e un motore grafico di gran lunga migliorato. Come in Race Driver: GRID e primizia assoluta nella serie, è presente la funzione di rewind durante le gare, che permette di rimediare così a clamorosi errori di guida semplicemente ritornando indietro nel tempo e premendo un tasto apposito al momento desiderato, è comunque un aiuto limitato di pochi secondi e presente in modalità sempre minore all'acuirsi del livello di difficoltà scelto. Le gare presenti si snodano attraverso quattro continenti: Asia, Europa, Africa e America del Nord. La modalità multiplayer (anche LAN) permette di sfidare un massimo di 7 avversari.

Modalità di gioco[modifica | modifica sorgente]

La modalità carriera è il cuore del gioco in single player e presenta ben 100 eventi suddivisi per difficoltà crescente (Esordiente, Pro e All Star) in varie discipline: si va dai classici Rally a tempo agli eventi Trailblazer, Raid, Land Rush per finire con i RallyCross. Sono inoltre presenti modalità speciali come gli eventi Gate Crasher, Domination e Last Man Standing. Affrontando gli eventi della carriera si guadagneranno punti Fama che permetteranno di accumulare soldi e di avanzare di livello sbloccando sia nuovi eventi che nuovi veicoli, incluse livree, accessori e clacson. Nel corso del gioco è possibile anche partecipare ai famosi X-Games.

Multiplayer[modifica | modifica sorgente]

Il multiplayer di DiRT2 consta di due modalità: una classificata fino ad 8 giocatori denominata Tour Pro ed un'altra non classificata, ovvero la Jam Session. Gareggiando in rete, si acquisirà Fama Online che a sua volta contribuirà al proprio livello di Fama Online: questo livello identifica il giocatore nelle gare online mostrando che grado di esperienza ha rispetto agli altri avversari.

Vetture[modifica | modifica sorgente]

Le vetture disponibili sono 35, tutte licenziate e riprodotte con dovizia di particolari e completamente danneggiabili, sono suddivise in sette classi differenti, ognuna adeguata ad uno specifico tipo di evento: Rally Cross, Rally, Buggy Class1, Stock Baja, Trailblazer, Raid T1 e Trophy Truck. È possibile modificarle sia con livree e vari accessori che si sbloccano progredendo via via nella carriera che dal punto di vista delle prestazioni. Prima di ogni gara è inoltre possibile intervenire sulla messa a punto del veicolo agendo su sei parametri: portanza, sospensioni, altezza da terra, rapporto marce, differenziale e bilanciamento freni.

Versione PSP[modifica | modifica sorgente]

Rispetto alle versioni per le console fisse, l'edizione rilasciata per la PSP risulta essere stata realizzata con meno materiale sbloccabile e con un'impostazione di guida meno realistica e più arcade. La critica lo ha criticato per quanto riguarda proprio questa arcadizzazione dello stile di guida, per l'intelligenza artificiale delle autovetture avversarie e per la realizzazione sia tecnica che del sonoro valutate al di sotto delle aspettative.[5]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (EN) Sony pubblica Dirt 2, MCV.
  2. ^ (EN) Annuncio di pubblicazioe di Dirt 2, feralinteractive.com.
  3. ^ (EN) Date di rilascio per Windows, New Game Network.
  4. ^ (EN) Date di rilascio per console, CVG.
  5. ^ Gianluca Arena, Recensione di Colin McRae DIRT 2 in SpazioGames.it, 13 ottobre 2009. URL consultato il 01 aprile 2013.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]