Dibattito tra creazionismo ed evoluzionismo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Il dibattito tra creazionismo ed evoluzionismo, o dibattito sulle origini, è nell'ambito culturale, religioso e sociale l'insieme delle dispute circa le ipotesi contrastanti sulle origini della vita, della Terra, dell'universo e dell'umanità sostenute dalle autorità religiose da una parte e della comunità scientifica dall'altra.[1] Alla base della questione la visione creazionista sulle origini al fondamento di alcune credenze religiose, e quella evoluzionista sostenuta dal consenso scientifico tramite prove concrete di alcune materie come biologia evolutiva (in particolar modo), geologia, fisica nucleare, cosmologia, paleontologia e termodinamica.[2]

Sebbene il tema sia presente in Europa e altre parti dell'Occidente,[3] è acceso soprattutto negli Stati Uniti d'America dove ha una lunga storia ed è riferito come "guerra culturale",[4][5][6] rinvigorito costantemente dalle diatribe circa l'insegnamento nelle scuole di creazionismo ed evoluzionismo.[7] È comunque importante dal punto di vista culturale dal momento che contiene al suo interno molte argomentazioni scottanti, attuali, come la libertà d'espressione, separazione tra Stato e Chiesa, necessità di un insegnamento pari merito e bilanciato di dottrine scientifiche e religiose.

Il processo evolutivo della vita è oggi sostenuto non solo dalla totalità della comunità scientifica, ma anche da un gran numero di autorità religiose, le quali l'accettano senza mettere in dubbio l'esistenza di Dio.[8][9] Come d'altronde dichiarato dall'Accademia Nazionale delle Scienze degli Stati Uniti, molti religiosi dichiarano compatibili i principi della loro professione religiosa con la tesi evoluzionista, e sia scienziati che teologi «non vedono alcun conflitto tra la loro fede in Dio e la prova dell'evoluzione».[10]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Antievoluzionismo e Teismo evoluzionista.

Posizioni pseudo-scientifiche[modifica | modifica sorgente]

La teoria del Disegno Intelligente[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Disegno intelligente.

La teoria del disegno intelligente (dall'inglese intelligent design, da intendersi come "progetto intelligente") è anche nota come creazionismo evolutivo o creazionismo scientifico. Una larga parte della comunità scientifica ritiene che sia stato introdotto per motivi che esulano dalla scienza, ma che hanno più a che fare con il sostegno alla fede cristiana e ad una certa politica americana.[11]

Questa teoria è nata da una critica ad alcune lacune del darwinismo che lo stesso Darwin aveva descritto nel capitolo "Dubbi" del suo lavoro più noto, L'origine delle specie. La teoria del Disegno intelligente si fonda inoltre sul concetto di complessità irriducibile. L'inventore del concetto, il biochimico Michael Behe, illustra questo concetto tramite l'esempio della trappola per topi. Essa è composta di pochi, semplici elementi, senza uno dei quali essa non funziona affatto: è dunque "irriducibile". Si tratta in pratica di una moderna riproposizione dell'esempio dell'orologio (-"supponiamo che io abbia trovato per terra un orologio, e mi si chieda come abbia fatto a trovarsi lì. Difficilmente potrei dare la stessa risposta di prima, e cioè che, per quanto ne sappia, l'orologio si trova lì da sempre."-) portata da William Paley (1743-1805), arcidiacono di Carlisle, nel suo libro Teologia Naturale (1802).

Applicando questo principio a vari organismi e organi presenti in natura se ne desume, secondo i sostenitori del Disegno intelligente, che è impossibile che essi siano lo "stadio evoluto" di qualcosa che c'era prima. Ciò induce a ritenere probabile (assai più che sotto un'ipotesi di pura casualità) che questi organismi siano apparsi in questo stadio perfetto e funzionante da un momento in poi e non abbiano avuto "progenitori". Esempi portati a sostegno di questo argomento sono i batteri unicellulari, l'occhio, il sangue, i reni.

Il disegno intelligente non è tuttavia rigorosamente scientifico, e la maggior parte della comunità scientifica, la quale sostiene la teoria evoluzionistica, non lo considera valido. Infatti, la quasi totalità degli scienziati afferma che il suo maggiore argomento, quello della irriducibilità degli organismi complessi, sia stato superato già negli anni immediatamente successivi a Darwin stesso, in particolare:

  • constatando che molte "parti complesse" degli organismi hanno, o hanno avuto, nel corso della evoluzione dell'organismo stesso, funzioni multiple (si pensi per esempio alle funzioni uditive e di equilibrio dell'orecchio nei mammiferi, alle diverse funzioni endocrine svolte contemporaneamente dalle stesse ghiandole, nonché alle numerose funzioni sovrapposte del cervello animale).
  • notando come la stessa funzione viene a volte svolta in modo ridondante da organi diversi, permettendo quindi uno spostamento anche lento e parziale delle funzioni importanti o vitali da un organo ad un altro (si pensi per esempio alle funzioni simili svolte da ghiandole diverse)

Un esempio classico è l'origine degli ossicini nella catena uditiva dell'orecchio interno dei vertebrati, la cui evoluzione è descritta in termini strettamente darwiniani, oltre a quella dell'occhio negli animali superiori, e in altri casi ritenuti significativi dai sostenitori del Disegno intelligente, con taglio divulgativo, nei testi di Stephen Jay Gould e Richard Dawkins, e, in modo non divulgativo, da numerosi autori fin dai primi anni del 1900.

La ricerca paleontologica inoltre ha messo alla luce sequenze evolutive di forme viventi, permettendo spesso di evidenziare la variazione nel tempo delle funzioni di alcuni organi e mostrando un panorama coerente di evoluzione ed espansione sulla terra degli esseri viventi a partire da forme semplici a forme più complesse.

Infine, il disegno intelligente, come tutte le versioni del creazionismo, non è falsificabile e rimanda a cause sconosciute per definizione. Per questo ad esso non può essere riconosciuto lo status di teoria scientifica.

Il rapporto tra scienza e fede nel creazionismo[modifica | modifica sorgente]

Nel mondo occidentale il creazionismo si basa principalmente sul racconto della creazione presente nella Genesi, e nel suo senso più ampio raccoglie un'ampia gamma di credenze e interpretazioni. Negli USA degli anni 1920 il termine venne associato in particolare con l'opposizione dei fondamentalisti cristiani all'evoluzione umana, e diversi stati approvarono leggi contro l'insegnamento delle teorie evoluzioniste nelle scuole pubbliche.

Quando le ricerche scientifiche producono conclusioni e prove che contraddicono l'interpretazione creazionista delle scritture, l'approccio strettamente creazionista è quello di rigettare direttamente senza alcuna analisi o approfondimento, le conclusioni della ricerca,[12] le prove scientifiche sottostanti[13] o la metodologia.[14] I casi più notevoli riguardano gli effetti dell'evoluzione sullo sviluppo degli organismi viventi, l'idea di discendenza comune, la storia geologica della Terra, la formazione del sistema solare e l'origine dell'Universo.[15][16][17][18]

Queste differenti posizioni si riflettono poi sulla questione se, e come, la fede religiosa si possa conciliare con una visione scientifica del mondo.[19] I creazionisti "della Terra Giovane" in genere sostengono che scienza e razionalismo empirico sono incompatibili con il credo religioso, e quindi occorre rigettare la scienza (diversi atei sono d'accordo su questa incompatibilità, e coerentemente con la loro posizione ne traggono la conclusione che, al contrario, bisogna rigettare la fede). Gli evoluzionisti teistici ritengono invece che non vi sia incompatibilità.

La teoria del disegno intelligente sostiene che la scienza possa dimostrare l'esistenza di un ente creatore. Secondo i suoi sostenitori la complessità della vita è tale che non si può spiegare semplicemente in termini di mutazioni casuali, ma occorre ammettere che il processo evolutivo sia "guidato" da un creatore dotato di intelligenza che talvolta interviene direttamente per operare i "salti evolutivi" che la natura da sola non sarebbe in grado di compiere.

I rapporti tra scienza e creazionismo[modifica | modifica sorgente]

L'11 giugno 2006 la Royal Society ha preso ufficialmente posizione con una affermazione "Royal Society statement on evolution, creationism and intelligent design" nel cui prembolo si legge: "l'evoluzione è ormai riconosciuta come la miglior spiegazione dello sviluppo della vita sulla Terra dalla sua origine e sia della diversità delle specie. L'evoluzione è giustamente insegnata come parte essenziale e fondamentale dei corsi di Scienze e Biologia nelle scuole, collegi ed università di tutto il mondo"[20]

Due anni dopo, l'11 aprile 2008 anche la Geological Society ha emesso un simile documento, intitolato "Young Earth Creationism", "Creation Science and "Intelligent Design" A Statement by the Geological Society of London nel cui preambolo ricorda il suo pensiero che religione e scienza singolarmente prese diventano mutuamente incompatibili quando una (delle due) cerca di invadere il dominio altrui[21]

Posizioni religiose[modifica | modifica sorgente]

La posizione della Chiesa cattolica[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Evoluzione e chiesa cattolica.

La Chiesa cattolica non esprime una posizione ufficiale riguardo alla teoria dell'evoluzione, rimettendo la questione agli scienziati. La riforma protestante accusò l'arbitrarietà delle interpretazioni allegoriche e contestò l'autorità, con cui la Chiesa conferiva loro credibilità in antitesi all'interpretazione letterale. Il ricorso al principio luterano della Sola Scriptura, come fonte della teologia, indirizzò per alcuni secoli i cristiani protestanti esclusivamente verso l'interpretazione letterale. L'apertura ad interpretazioni non letterali sopravvisse senza problemi nella Chiesa cattolica, le cui basi teologiche comprendono il principio agostiniano e tomista che non può e non deve esserci contrasto fra scienza e fede. Certo, le interpretazioni letterali ebbero largo campo anche in ambito cattolico, ma solo nella misura in cui non sembrava esserci una interpretazione scientifica alternativa e largamente condivisa. La Chiesa, quindi, non esprime una posizione ufficiale riguardo alla teoria dell'evoluzione, rimettendo la questione agli scienziati. Da un lato troviamo le affermazioni di papa Giovanni Paolo II che ha implicitamente sostenuto che la Chiesa non si oppone oggi all'ipotesi evoluzionistica come fenomeno storico dichiarando che essa è "più che una teoria". Al contempo, però, la Chiesa rifiuta la posizione (il cosiddetto "neodarwinismo", alla base, tra l'altro, delle tesi a favore dell'ateismo del biologo evoluzionista Jacques Monod, esposte nella sua opera Il Caso e la Necessità) che vede l'evoluzione come un processo guidato unicamente dal caso, così come Darwin l'aveva definito, e afferma invece che l'universo è il risultato di un progetto ordinato ad uno scopo.

Si veda in merito le seguenti dichiarazioni di papa Benedetto XVI:

« Trovo che le parole di questo Padre del IV secolo, san Basilio, siano di un'attualità sorprendente quando dice: 'Alcuni, tratti in inganno dall'ateismo che portavano dentro di sé, immaginarono un universo privo di guida e di ordine, come in balìa del caso'. Quanti sono questi "alcuni" oggi. Essi, tratti in inganno dall'ateismo, ritengono e cercano di dimostrare che è scientifico pensare che tutto sia privo di guida e di ordine, come in balìa del caso. Il Signore con la Sacra Scrittura risveglia la ragione che dorme e ci dice: all'inizio è la Parola creatrice. All'inizio la Parola creatrice - questa Parola che ha creato tutto, che ha creato questo progetto intelligente che è il cosmo - è anche amore. »
(Omelia di Benedetto XVI all'Udienza generale del 9 novembre 2005)
« Vedo attualmente in Germania, ma anche negli Stati Uniti, un dibattito abbastanza accanito tra il cosiddetto creazionismo e l’evoluzionismo, presentati come fossero alternative che si escludono: chi crede nel Creatore non potrebbe pensare all’evoluzione e chi invece afferma l’evoluzione dovrebbe escludere Dio. Questa contrapposizione è un’assurdità, perché da una parte ci sono tante prove scientifiche in favore di un’evoluzione che appare come una realtà che dobbiamo vedere e che arricchisce la nostra conoscenza della vita e dell’essere come tale. Ma la dottrina dell’evoluzione non risponde a tutti i quesiti e non risponde soprattutto al grande quesito filosofico: da dove viene tutto? e come il tutto prende un cammino che arriva finalmente all’uomo? »
(Incontro di Benedetto XVI con la diocesi di Belluno-Feltre e Treviso il 24 luglio 2007)

Tuttavia è utile constatare che la posizione delle gerarchie cattoliche in merito alle teorie evoluzionistiche varia di nazione in nazione, in base al grado di penetrazione ed alla maturità della loro evangelizzazione.

Si registrano nel dibattito presente inoltre gli interventi di alcuni esponenti delle gerarchie ecclesiastiche:

Per favorire una migliore comprensione reciproca fra scienziati e teologi[senza fonte] dal 3 al 7 marzo 2009 si è svolto presso l'Università Gregoriana il convegno "Evoluzione biologica: fatti e teorie"[26] Va comunque precisato che nessun darwinista ha mai affermato che l'evoluzione sia un processo dovuto unicamente al caso, l'idea che l'evoluzione sia guidata unicamente dal caso non fa affatto parte della teoria dell'evoluzione, ma è solo un frequente fraintendimento di molti "non addetti ai lavori".

Essi la definiscono una teoria, cioè una costruzione "metascientifica", la quale si avvale anche di certe nozioni ricavate non dall'esperienza, ma dalle varie espressioni della cosiddetta filosofia della natura. In quanto teoria, quindi, essa soffre irrimediabilmente di tutta la precarietà e la contingenza di cui soffre una qualunque altra teoria scientifica. Va precisato però che, in questo discorso, si fa un uso distorto del termine "teoria" (si veda la voce: Teoria scientifica).

Inoltre, sottolineano, è soggetta a un condizionamento ideologico che, in ultima analisi, lascia aperta la questione di appurare la reale portata dei fatti osservati, dal momento che l'evoluzione in quanto tale, non è mai stata oggetto di osservazione. Esistono pertanto letture materialistiche e riduttive e letture spiritualistiche. Il giudizio sulla validità è, in ultima analisi, soggetto a verifiche di tipo filosofico e teologico. Mentre la Chiesa respinge ogni riduzione puramente materialistica che è incompatibile con la verità dell'uomo (immagine e figlio di Dio) è aperta al dialogo con la comunità scientifica. Ratzinger afferma: -"La dottrina dell'evoluzione è per certo un'ipotesi importante, che però presenta decisamente molti problemi, i quali necessitano ancora di un'ampia discussione"-.

Gli scienziati rispondono che esiste invece una mole enorme di prove sperimentali, fra cui spiccano i numerosissimi fossili; inoltre, come tutte le teorie scientifiche, è soggetta a continue verifiche e correzioni, chiarire ma questo non significa che essa presenti "decisamente molti problemi"; in ogni caso, rispondono, dalla discussione dovrebbero astenersi tutti coloro i quali non abbiano prima approfondito gli studi nel settore.

Recentemente nuove ricerche hanno messo in luce che già Pio XII riteneva non necessariamente incompatibili il pensiero scaturito dalla tradizione della chiesa e la possibile ipotesi evoluzionista.[senza fonte] Su questa convinzione si fonda la cosiddetta "evoluzione teistica" (theistic evolution), la quale afferma la creazione per opera divina, ma riconosce la teoria dell'evoluzione e le altre scoperte della scienza. Questa posizione si basa sull'assunto che fede e scienza abbiano ambiti di competenza completamente separati, assunto duramente attaccato dal biologo evoluzionista Richard Dawkins nella sua opera L'illusione di Dio. Come riportano A. Desmond e J. Moore nella loro opera Darwin: The Life of a Tormented Evolutionist, Darwin visse una lacerante lotta interiore perché non riusciva a conciliare le evidenze sperimentali raccolte con i principi teologici a cui era stato educato. Secondo questa posizione, il racconto biblico della creazione non intende esporre la modalità precisa con la quale il mondo ebbe origine, ma soltanto esprimere con linguaggio figurato il fatto che l'universo è opera di Dio (come lo sarà il Giorno del Giudizio). In pratica 13 miliardi di anni fa Dio avrebbe creato l'Universo per mezzo del Big Bang, dopo di che (successivamente alla aggregazione per gravità della Via Lattea, del nostro Sole e infine della Terra circa 4,57 miliardi e di anni fa) la vita si sarebbe sviluppata sul nostro pianeta (circa 3,5 miliardi di anni fa nacque la prima forma di vita) e si sarebbe evoluta naturalmente secondo quanto descritto dalla Paleontologia e Geologia (Pesci, Anfibi, Rettili, Dinosauri, Mammiferi, Scimmie). Quindi sarebbe stato il turno dell'Australopitecus (3 milioni di anni fa), dell'Homo habilis (2 milioni di anni fa), dell'Homo Erectus (1 milione di anni fa) e infine (300.000 anni fa) in Africa meridionale sarebbe nato l'Homo Sapiens Sapiens. Sarebbero delle prove di evoluzione teistica certe traduzioni,[27] di Zecharia Sitchin di antichi testi sumeri (gli Enuma Elish), sebbene Sitchin sostenga che l'uomo sarebbe frutto di esperimenti di ibridazione genetica con specie terrestri condotti da alieni.

Uno dei problemi che impediscono di accettare la non contraddittorietà se non la complementarità di evoluzionismo e fede cristiana è costituito da una interpretazione letterale e concretistica degli antichi testi biblici tramandatisi di generazione in generazione e che costituivano la fonte prima della sapienza principale, modalità interpretativa ancora non abbandonata da gran parte di coloro che si confrontano con la parola rivelata, per cui per esempio soffermandoci soltanto al racconto biblico dello stato di perfetta simbiosi tra i primi umani e l'ordine del Padre se ne deduce che è lo stato di perfezione originaria di Adamo ed Eva, incompatibile con l'evoluzione che vuole tutto in continua trasformazione. Anche il peccato originale è in qualche modo un'evoluzione "al contrario", perché è il passaggio da una forma più evoluta (perfetta) a una meno evoluta. Lo stato di perfezione originaria dell'uomo, che non conosceva la morte prima del peccato originale, negherebbe la possibilità che esistano reperti fossili umani, i quali però esistono.

La posizione dell'Ebraismo[modifica | modifica sorgente]

La posizione dell'Islam[modifica | modifica sorgente]

Il dibattito nel mondo[modifica | modifica sorgente]

Europa[modifica | modifica sorgente]

Stati Uniti d'America[modifica | modifica sorgente]

Negli Stati Uniti sotto l'etichetta di "creazionismo" rientrano una serie di iniziative a carattere religioso, politico e sociale (ad esempio nel definire i programmi scolastici) che contestano la teoria di Darwin e chiedono, tramite azioni in tribunale, uguale o superiore legittimità per la tesi creazionista durante le lezioni di Scienze nelle scuole, affermando che non è corretto presentare un'unica teoria sull'origine delle specie senza esporre anche le sue alternative. La critica a questa posizione è duplice: da una parte il creazionismo non è una teoria scientifica, pertanto non andrebbe equiparata ad altre teorie; dall'altra, essendo il creazionismo basato su di una "credenza" religiosa, il suo insegnamento va contro il principio della separazione tra chiesa e stato.

Questo dibattito, molto accalorato, è giunto talvolta a risultati grotteschi: ad esempio nel 2006 le guide turistiche del Grand Canyon del Colorado ricevettero la direttiva di non rispondere a chi domanda l'età del canyon (5-6 milioni di anni secondo i geologi), per non "offendere la sensibilità dei fondamentalisti religiosi".[28]

Attualmente il numero dei sostenitori del creazionismo, continua a diminuire costantemente e drasticamente, in seguito alle innumerevoli continue scoperte e prove concrete, ottenute mediante le moderne analisi biologiche ed agli studi condotti sul DNA fossile.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ See Hovind 2006, for example.
  2. ^ An Index to Creationist Claims , Mark Isaak, Talkorigins Archive,Copyright 2006.
  3. ^ Andrew Curry, Creationist Beliefs Persist in Europe in Science, vol. 323, nº 5918, 27 febbraio 2009, p. 1159, DOI:10.1126/science.323.5918.1159, PMID 19251601.
    «News coverage of the creationism-versus-evolution debate tends to focus on the United States … But in the past 5 years, political clashes over the issue have also occurred in countries all across Europe. … "This isn't just an American problem," says Dittmar Graf of the Technical University of Dortmund, who organized the meeting».
  4. ^ Numbers 1992, pp. 3–240
  5. ^ See:
  6. ^ Larson 2004, pp. 247–263 Chapter titled Modern Culture Wars. See also Ruse 1999, p. 26, who writes "One thing that historians delighted in showing is that, contrary to the usually held tale of science and religion being always opposed…religion and theologically inclined philosophy have frequently been very significant factors in the forward movement of science."
  7. ^ See:
  8. ^ Myers 2006; NSTA 2007; IAP 2006; AAAS 2006; and Pinholster 2006; Ruling, Kitzmiller v. Dover page 83
  9. ^ Larson 2004, p. 258 "Virtually no secular scientists accepted the doctrines of creation science; but that did not deter creation scientists from advancing scientific arguments for their position." See also Martz & McDaniel 1987, p. 23, a Newsweek article which states "By one count there are some 700 scientists (out of a total of 480,000 U.S. earth and life scientists) who give credence to creation-science, the general theory that complex life forms did not evolve but appeared 'abruptly'."
  10. ^ A View from the National Academy of Sciences, National Academy of Sciences and Institute of Medicine of the National Academies Committee on Revising Science and Creationism, Science, Evolution, and Creationism, National Academy of Sciences, 2008, p. 12, ISBN 0-309-10586-2.
  11. ^ Glenn Branch ed Eugenie C. Scott, Il nuovo volto del creazionismo, Le Scienze, febbraio 2009, n. 486
  12. ^ http://www.answersingenesis.org/creation/v18/i1/earth.asp
  13. ^ http://www.creationontheweb.com/images/pdfs/tj/v17n1_proteins.pdf
  14. ^ ‘It’s not science’
  15. ^ The Royal Society: Welcome
  16. ^ National Association of Biology Teachers Statement on Teaching Evolution
  17. ^ IAP Statement on the Teaching of Evolution Joint statement issued by the national science academies of 67 countries, including the United Kingdom's Royal Society (PDF file)
  18. ^ From the American Association for the Advancement of Science, the world's largest general scientific society: 2006 Statement on the Teaching of Evolution, AAAS Denounces Anti-Evolution Laws
  19. ^ Massimo Pigliucci, Science and fundamentalism
  20. ^ Royal Society statement on evolution, creationism and intelligent design, 11 aprile 2006Today it is recognised as the best explanation for the development of life on Earth from its beginnings and for the diversity of species. Evolution is rightly taught as an essential part of biology and science courses in schools, colleges and universities across the world.
  21. ^ "Young Earth Creationism", "Creation Science and "Intelligent Design" A Statement by the Geological Society of London , 12 aprile 2008
  22. ^ Il quotidiano Daily Mail ha avanzato il sospetto che tali dichiarazioni siano state la causa del suo avvicendamento (titolo del 23 ottobre 2006: «Il Papa licenzia l'astronomo per colpa del dibattito sull'evoluzione»).
  23. ^ Il numero del 23/8/2006 titolava: «Il Papa licenzia l'astronomo per colpa del dibattito sull'evoluzione»
  24. ^ [1]
  25. ^ Dichiarazione rilasciata al New York Times del 7 luglio 2005
  26. ^ [2].
  27. ^ Il libro perduto del dio Enki, (Piemme, 2004, ISBN 88-384-7048-0) pag.19
  28. ^ How old is the Grand Canyon? Park service won't say..

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Libri pubblicati e altre fonti[modifica | modifica sorgente]

  • Burian, RM: 1994. Dobzhansky on Evolutionary Dynamics: Some Questions about His Russian Background; in Adams, Mark A., The Evolution of Theodosius Dobzhansky: essays on his life and thought in Russia and America, Princeton, N.J., Princeton University Press, 1994, ISBN 0-691-03479-6.
  • Butler, Samuel, Evolution, Old And New: Or The Theories Of Buffon, Dr. Erasmus Darwin And Lamarck, As Compared With That Of Charles Darwin (1911), Kessinger Publishing, LLC, 2007, ISBN 0-548-64132-3.
  • Beer, Gillian; Darwin, Charles, The origin of species, Oxford [Oxfordshire], Oxford University Press, 1996, ISBN 019283438X.
  • Gould, Stephen Jay; Dobzhansky, Theodosius Grigorievich, Genetics and the origin of species, New York, Columbia University Press, 1982, ISBN 0-231-05475-0.
  • Haught, John F., Making Sense of Evolution: Darwin, God, and the Drama of Life, Louisville, Westminster John Knox Press, 2010, p. 144, ISBN 978-0-664-23285-6.
  • Henig, Robin Marantz, The monk in the garden: the lost and found genius of Gregor Mendel, the father of genetics, Boston, Houghton Mifflin, 2000, ISBN 0-395-97765-7.
  • Kutschera U, Niklas KJ, The modern theory of biological evolution: an expanded synthesis in Naturwissenschaften, vol. 91, nº 6, 2004, pp. 255–76, DOI:10.1007/s00114-004-0515-y, PMID 15241603.
  • Mayr, Ernst, The Growth of Biological Thought: Diversity, Evolution, and Inheritance, Cambridge, Mass, Belknap Press, 1985, ISBN 0-674-36446-5.
  • Miller, James H., An evolving dialogue: theological and scientific perspectives on evolution, Valley Forge, Pa, Trinity Press International, 2001, ISBN 1-56338-349-7.
  • HR Morris, The Twilight of Evolution, Grand Rapids, MI, Baker Pub Group, 1963, ISBN 0-8010-5862-7.
  • Numbers, Ronald L., The creationists, Berkeley, University of California Press, 1993, ISBN 0-520-08393-8.
  • Pennock RT, Creationism and intelligent design in Annu Rev Genomics Hum Genet, vol. 4, 2003, pp. 143–63, DOI:10.1146/annurev.genom.4.070802.110400, PMID 14527300.
  • Sagan, Carl, The demon-haunted world: science as a candle in the dark, New York, Ballantine Books, 1997, ISBN 0-345-40946-9.
  • Scott, E.C., Antievolution And Creationism In The United States in Annual Review of Anthropology, vol. 26, nº 1, 1997, pp. 263–289, DOI:10.1146/annurev.anthro.26.1.263.
  • Maynard Smith, "The status of neo-Darwinism," in "Towards a Theoretical Biology" (C.H. Waddington, ed., University Press, Edinburgh, 1969.
  • Hull, D.L., The Use and Abuse of Sir Karl Popper in Biology and Philosophy, vol. 14, nº 4, 1999, pp. 481–504, DOI:10.1023/A:1006554919188. URL consultato l'11 aprile 2008.
  • Strobel, Lee, The case for a Creator: a journalist investigates scientific evidence that points toward God, Grand Rapids, Mich, Zondervan/Willow Creek Resources, 2004, ISBN 0-310-24050-6.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]