Denis Lavant

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Denis Lavant al Festival di Cannes 2013.

Denis Lavant (Neuilly-sur-Seine, 17 giugno 1961) è un attore francese.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Lavant esordisce al cinema nel 1982, recitando, nei primissimi anni di carriera, soprattutto in parti di poco spessore. Dall'incontro col regista Leos Carax nasce nel 1984 Boy Meets Girl, film che darà fama ad entrambi; il suo sodalizio con Carax prosegue con Rosso sangue (1986) e Gli amanti del Pont-Neuf (1991), la cui lavorazione si protrae per circa due anni, anche a causa di un grave infortunio al ginocchio che l'attore aveva rimediato durante le riprese.[1]

Negli anni seguenti prende parte a film come Beau Travail di Claire Denis e Tuvalu, entrambi nel 1999, Luminal (2004) e Mister Lonely (2007), in cui ha interpretato Charlie Chaplin. Nel 2008 torna a recitare in un film diretto da Carax, a 17 anni di distanza dalla loro ultima collaborazione, in un episodio del film a episodi Tokyo!. Nel 2012 recita nuovamente in un lungometraggio di Carax, Holy Motors, ottenendo numerosi riconoscimenti, tra cui una candidatura al premio César per il migliore attore.

Filmografia parziale[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Videoclip[modifica | modifica wikitesto]

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Premi cinematografici[modifica | modifica wikitesto]

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Cavaliere dell'Ordine delle arti e delle lettere - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine delle arti e delle lettere
— settembre 2012[2]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Gli amanti del Pont-Neuf, su rsi.ch, RSI. URL consultato il 30 aprile 2014 (archiviato dall'url originale il 2 maggio 2014).
  2. ^ (FR) Nomination dans l'ordre des Arts et des Lettres septembre 2012, su culture.gouv.fr, Ministero della cultura, 24 settembre 2012. URL consultato il 22 novembre 2020.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN117396639 · ISNI (EN0000 0001 1700 5746 · LCCN (ENnr97038493 · GND (DE13154117X · BNF (FRcb13944318t (data) · BNE (ESXX4930683 (data) · WorldCat Identities (ENlccn-nr97038493