Delegazione apostolica di Viterbo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Delegazione di Viterbo
ex delegazione apostolica
Delegazione apostolica di Viterbo
Localizzazione
StatoStato Pontificio Stato Pontificio
Amministrazione
CapoluogoViterbo
Data di istituzione6 luglio 1816 (Riforma amministrativa di Pio VII) da Dipartimento di Roma
Data di soppressione20 settembre 1870 (Presa di Roma) in Provincia di Roma
Territorio
Coordinate
del capoluogo
42°25′07″N 12°06′15″E / 42.418611°N 12.104167°E42.418611; 12.104167 (Delegazione di Viterbo)Coordinate: 42°25′07″N 12°06′15″E / 42.418611°N 12.104167°E42.418611; 12.104167 (Delegazione di Viterbo)
Abitanti
GoverniUn distretto
14 governi
Altre informazioni
Fuso orarioUTC+1
Cartografia
Delegazione di Viterbo – Localizzazione
Delegazione di Viterbo – Mappa

La delegazione apostolica di Viterbo fu una suddivisione amministrativa dello Stato della Chiesa, istituita nel 1816 da papa Pio VII nel territorio del Lazio. Nella sua conformazione definitiva confinava a nord e a ovest con il Granducato di Toscana, a ovest con la delegazione di Civitavecchia, a sud con la delegazione di Civitavecchia e la comarca di Roma, a est con le delegazioni di Orvieto, Spoleto e Rieti. Anteriormente al 1831 la delegazione di Viterbo includeva invece il territorio orvietano e confinava a nord e a est con la delegazione di Perugia.

Era una delegazione di 2ª classe. In seguito alla riforma amministrativa di Pio IX il 22 novembre 1850 confluì nel circondario di Roma. Dopo la presa di Roma (20 settembre 1870) fu trasformata nel circondario di Viterbo della provincia di Roma[1].

Note[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Moto proprio della Santità di Nostro Signore papa Pio VII sulla organizzazione dell'amministrazione pubblica. 1816.
  • Raccolta delle leggi e disposizioni di pubblica amministrazione nello Stato Pontificio. Roma 1833.