Legazione apostolica di Forlì

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Legazione di Forlì
Informazioni generali
Nome ufficiale Legazione apostolica di Forlì
Capoluogo Forlì
Dipendente da Stato Pontificio
Suddiviso in 3 distretti, 11 governi
Evoluzione storica
Inizio 6 luglio 1816
Causa Riforma amministrativa di Pio VII
Fine 1850
Causa Riorganizzazione amministrativa
Preceduto da Succeduto da
Dipartimento del Rubicone Legazione delle Romagne
Cartografia
Legation of Forlì Location.svg

La legazione apostolica di Forlì fu una suddivisione amministrativa dello Stato della Chiesa, istituita nel territorio della Romagna con motu proprio "Quando per ammirabile disposizione" di papa Pio VII del 6 luglio 1816. Nella sua conformazione definitiva confinava a nord con la legazione di Ravenna, a est con il Mar Adriatico, a sud con la delegazione di Urbino e Pesaro e con San Marino, a ovest con il Granducato di Toscana. Risultava quindi strategica per collegare le province settentrionali dello Stato con il resto del territorio.
La legazione disponeva di due porti marittimi: Cesenatico e Rimini.

Era una delegazione di 1ª classe retta da un cardinale e aveva pertanto titolo di legazione. In seguito alla riforma amministrativa di Pio IX il 22 novembre 1850 confluì nella Legazione delle Romagne (I Legazione).

Elenco dei cardinali a capo della legazione di Forlì[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Moto proprio della Santità di Nostro Signore papa Pio VII sulla organizzazione dell'amministrazione pubblica. 1816.
  • Raccolta delle leggi e disposizioni di pubblica amministrazione nello Stato Pontificio. Roma 1833.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]