Legazione dell'Umbria

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Legazione dell’Umbria
ex delegazione apostolica
III Legazione
Localizzazione
StatoStato Pontificio Stato Pontificio
Amministrazione
Data di istituzione22 novembre 1850 (Riforma amministrativa di Pio IX) da Delegazioni di Perugia, Rieti e Spoleto
Data di soppressione4 novembre 1860 (Annessione al Regno di Sardegna) in Provincia dell'Umbria
Territorio
Coordinate43°06′43″N 12°23′19″E / 43.111944°N 12.388611°E43.111944; 12.388611 (Legazione dell’Umbria)Coordinate: 43°06′43″N 12°23′19″E / 43.111944°N 12.388611°E43.111944; 12.388611 (Legazione dell’Umbria)
Abitanti443 155 (1859)
Governi3 delegazioni
24 governi
Altre informazioni
Fuso orarioUTC+1
Cartografia
Legazione dell’Umbria – Localizzazione

La Legazione dell'Umbria[1][2] o III Legazione fu una suddivisione amministrativa dello Stato della Chiesa istituita da Pio IX il 22 novembre 1850.[3] Confinava a nord est con la Legazione delle Marche, a nord ovest con il Granducato di Toscana, a sud est con il Regno delle Due Sicilie, a sud ovest con il circondario di Roma.

Nel 1859 contava 443.155 abitanti. Il territorio era suddiviso nelle tre storiche delegazioni di Perugia, Spoleto e Rieti, a loro volta ripartite in 24 complessivi governi: 11 nella delegazione di Perugia, 9 in quella di Spoleto e uno in quella di Rieti.[1]

Note[modifica | modifica wikitesto]