Delegazione apostolica di Benevento

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Delegazione di Benevento
ex delegazione apostolica
Delegazione apostolica di Benevento
Localizzazione
StatoStato Pontificio Stato Pontificio
Amministrazione
CapoluogoBenevento
Data di istituzione6 luglio 1816 (Riforma amministrativa di Pio VII) da Principato di Benevento
Data di soppressione25 ottobre 1860 (Annessione al Regno d'Italia) in Provincia di Benevento
Territorio
Coordinate
del capoluogo
41°08′N 14°47′E / 41.133333°N 14.783333°E41.133333; 14.783333 (Delegazione di Benevento)Coordinate: 41°08′N 14°47′E / 41.133333°N 14.783333°E41.133333; 14.783333 (Delegazione di Benevento)
Abitanti
GoverniUn distretto
Un governo
Altre informazioni
Fuso orarioUTC+1
Cartografia
Delegazione di Benevento – Localizzazione
Delegazione di Benevento – Mappa

La delegazione apostolica di Benevento fu una suddivisione amministrativa dello Stato della Chiesa, istituita nel 1816 da papa Pio VII. Derivava dal principato di Benevento e costituiva un'exclave pontificia in territorio Borbonico (provincia di Principato Ultra). Era formata dai comuni di Benevento, Bagnara[1], Montorsi[1], Perrillo[1] (con Maccoli[1]), Sant'Angelo a Cupolo (con Motta, Panelli e Sciarra), San Leucio (con Maccabei) e San Marco ai Monti[1]. Nel complesso era un territorio di circa 151 km quadrati.

Era una delegazione di 3ª classe. In seguito alla riforma amministrativa di Pio IX il 22 novembre 1850 confluì nella Legazione di Marittima e Campagna (IV Legazione). Dopo l'Unità d'Italia divenne il nucleo centrale della nuova provincia di Benevento.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e Divenute in seguito frazioni di Sant'Angelo a Cupolo.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Moto proprio della Santità di Nostro Signore papa Pio VII sulla organizzazione dell'amministrazione pubblica. 1816.
  • Raccolta delle leggi e disposizioni di pubblica amministrazione nello Stato Pontificio. Roma 1833.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]