Daria Guidetti

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Daria Guidetti, astrofisica e divulgatrice

34004 Gregorini 30 luglio 2000[1] con M. Tombelli
49443 Marcobondi 22 dicembre 1998[2] con E. Masotti

Daria Guidetti (Empoli, 1978) è un'astrofisica e divulgatrice scientifica italiana.

Durante gli studi liceali ha monitorato molti asteroidi nell'ambito delle attività del Gruppo Astrofili Montelupo[3], partecipando alla scoperta di alcuni di essi. In particolare nel 1998 e nel 2000 ha scoperto due asteroidi, rispettivamente con gli astrofili Egisto Masotti e Maura Tombelli, presso l'osservatorio astronomico di Montelupo Fiorentino, in Toscana.[1][2] I nomi scelti per i due asteroidi rendono omaggio a Loretta Gregorini, professoressa presso il Dipartimento di Fisica e Astronomia di Bologna[4], e Marco Bondi, ricercatore dell'Istituto di Radioastronomia di Bologna (IRA)[5]. dell'Istituto Nazionale di Astrofisica.[6]

Nel 2012 ha vinto il premio nazionale Vincenzo Ferraro[7] per la tesi di dottorato sullo studio dei campi magnetici in ammassi e gruppi di galassie[8].

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Appassionata di astronomia dall'età di 5 anni, durante il liceo entra a far parte del Gruppo Astrofili Montelupo. Laureatasi in Astronomia presso l'Università di Bologna[4] nell'anno accademico 2005/2006 con una tesi dal titolo: "Proprietà radio di sorgenti in ammassi di galassie: il sistema dumb-bell in Abell 2382"[9], ha condotto gli studi di dottorato presso l'European Southern Observatory[10] a Monaco di Baviera e all'Università di Bologna. Attualmente svolge la sua attività di ricerca presso l'Istituto di Radioastronomia di Bologna[5] dell'INAF.

Impegnata nella divulgazione scientifica, tiene conferenze pubbliche divulgative, collabora con le riviste di cultura astronomica Le Stelle[11][12] e Coelum Astronomia[13][14], svolge attività di guida presso il Centro Visite dedicato a Marcello Ceccarelli[15] dell'Istituto di Radioastronomia di Bologna. Partecipa al progetto di divulgazione scientifica nelle scuole Il Linguaggio della Ricerca[16] promosso dal CNR-Area della Ricerca di Bologna.[17].

A fine 2016 esordisce come inviata allo stadio per la trasmissione televisiva Quelli che il calcio, per seguire le partite dell'Empoli Football Club[18][19].

Nel 2018 debutta come autrice e presentatrice televisiva nel programma Destinazione Spazio su Reteconomy[20].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b (EN) Discovery Circumstances: Numbered Minor Planets (30001)-(35000), Minor Planet Center. URL consultato il 9 dicembre 2010.
  2. ^ a b (EN) Discovery Circumstances: Numbered Minor Planets (45001)-(50000), Minor Planet Center. URL consultato il 9 dicembre 2010.
  3. ^ Gruppo Astrofili di Montelupo, su gruppoastrofilimontelupo.com. URL consultato il 22 aprile 2019.
  4. ^ a b Sito web del Dipartimento di Fisica e Astronomia di Bologna, su fisica-astronomia.unibo.it.
  5. ^ a b Sito web dell'Istituto di radioastronomia (IRA-INAF), Bologna, su ira.inaf.it.
  6. ^ Giovannini, R., Tra Marte e Giove due asteroidi che parlano italiano, La stampa.it, 10 marzo 2010. URL consultato il 9 dicembre 2010.
  7. ^ Terza Edizione del Premio Nazionale Vincenzo Ferraro, su surrentum.com.
  8. ^ Guidetti, D.,, Magnetic fields around radio galaxies from Faraday rotation measure analysis, su amsdottorato.unibo.it, Alma Mater Studiorum Università di Bologna, Dottorato di ricerca in Astronomia, XXIII Ciclo.
  9. ^ I nostri laureati A.A. 2005/2006, Dipartimento di Astronomia, Università di Bologna. URL consultato il 9 dicembre 2010.
  10. ^ Sito web dell'European Southern Observatory, su eso.org.
  11. ^ Guidetti, D., RADIOGALASSIE la voce dell’Universo, Gruppo B editore srl, Le Stelle, nr 102.
  12. ^ Guidetti, D., Tante stelle neonate spiate al radiotelescopio, Gruppo B editore srl, Le Stelle, nr 130.
  13. ^ coelum.com, http://www.coelum.com/coelum/autori/daria-guidetti.
  14. ^ Guidetti, D., La Croce del Nord è ancora una bella signora, su coelum.com, Coelum Astronomia, nr 186.
  15. ^ Sito web del Centro Visite Marcello Ceccarelli, Medicina (BO), su centrovisite.ira.inaf.it.
  16. ^ Sito web de Il Linguaggio della Ricerca, CNR di Bologna, su bo.cnr.it.
  17. ^ Sito web del CNR-Area della Ricerca di Bologna, su bo.cnr.it.
  18. ^ Ufficio Stampa - RAI2: QUELLI CHE IL CALCIO, su www.ufficiostampa.rai.it. URL consultato il 28 novembre 2016.
  19. ^ Ufficio Stampa - RAI2: QUELLI CHE, su www.ufficiostampa.rai.it. URL consultato il 28 novembre 2016.
  20. ^ Reteconomy, Destinazione Spazio: Trailer, su Reteconomy. URL consultato il 7 aprile 2018.