Daria Guidetti

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Daria Guidetti
34004 Gregorini 30 luglio 2000 con M. Tombelli
49443 Marcobondi 22 dicembre 1998 con E. Masotti

Daria Guidetti (Empoli, 24 maggio 1978) è un'astrofisica e divulgatrice scientifica italiana.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nata e cresciuta ad Empoli, appassionata di astronomia dall'età di 5 anni, durante il liceo è entrata a far parte del Gruppo Astrofili Montelupo [1], in seguito anche del Nuovo Gruppo Astrofili Arezzo [2].

Durante gli studi liceali ha monitorato molti asteroidi nell'ambito delle attività del Gruppo Astrofili Montelupo, partecipando alla scoperta presso l'osservatorio astronomico di Montelupo Fiorentino di due di essi, 49443 Marcobondi nel 1998 con Egisto Masotti e 34004 Gregorini nel 2000 con Maura Tombelli [3].

Studi[modifica | modifica wikitesto]

Laureatasi in Astronomia presso l'Università di Bologna nell'anno accademico 2005/2006 con una tesi dal titolo: "Proprietà radio di sorgenti in ammassi di galassie: il sistema dumb-bell in Abell 2382"[4], ha condotto gli studi di dottorato presso l'European Southern Observatory[5] a Monaco di Baviera e all'Università di Bologna. Nel 2017 ha conseguito il Master in Giornalismo e Comunicazione Istituzionale della Scienza presso l'Università di Ferrara con una tesi sugli stereotipi di genere nella scienza.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Svolge la sua attività di ricerca all'Istituto di Radioastronomia di Bologna dell'INAF.

Impegnata nella divulgazione scientifica, tiene conferenze pubbliche divulgative sul territorio nazionale, organizza eventi di divulgazione per il pubblico, collabora con varie emittenti televisive, radiofoniche e con riviste di cultura astronomica (quali COSMO[6], Le Stelle[7][8] e Coelum Astronomia[9][10], svolge visite guidate presso il Centro Visite dedicato a Marcello Ceccarelli [11] dell'Istituto di Radioastronomia di Bologna. Curatrice della rubrica fissa I misteri del Cosmo per la rivista Atmosphere della Compagnia AirItaly (ex Meridiana). Partecipa al progetto di divulgazione scientifica nelle scuole Il Linguaggio della Ricerca[12] promosso dal CNR-Area della Ricerca di Bologna, con lezioni di fisica, astronomia e sull'inquinamento spaziale.[13].

A fine 2016 ha esordito come inviata allo stadio per la trasmissione televisiva Quelli che il calcio, per seguire le partite dell'Empoli Football Club[14][15] e dare pillole di astronomia.

Nel 2018 ha debuttato come autrice e presentatrice televisiva nel programma Destinazione Spazio su Reteconomy[16], e COSMO [17] sulla BFC Video della casa editrice indipendente Blue Financial Communication.[18]

A dicembre 2019 ha pubblicato il volume Campi magnetici[19] della collana Viaggio nell'universo – Scoperte e segreti dell’astrofisica[20] con introduzione di Piero Angela ed edita dal Corriere della Sera.[21]

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

  • Nel 2012 ha vinto il premio nazionale Vincenzo Ferraro[22] della Società Italiana di Fisica[23] per la miglior tesi di dottorato in ambito fisico e chimico sui campi magnetici tra quelle discusse nel triennio 2008-2011. La tesi verte sullo studio dei campi magnetici in ammassi e gruppi di galassie[24] che ha rivelato in particolare la presenza di strutture ordinate ("bande") nel campo magnetico intergalattico attorno ad alcune radiogalassie: strutture dai contorni ben definiti e che ben si differenziano dalle celle turbolente tipicamente osservate finora nella maggior parte delle radiogalassie. La natura di queste bande è stata investigata tramite modelli matematici e simulazioni Montecarlo in tre dimensioni di plasmi radio in espansione in gas altamente ionizzati e dotati di campo magnetico, che ben descrivono l'ambiente in cui le radiogalassie si sviluppano: le bande sono state quindi interpretate come dovute a un'interazione tra le radiogalassie stesse ed il gas magneto-ionico circostante. È stato uno dei primi esperimenti osservativi che hanno dato prova diretta di questa interazione. Le osservazioni di questo studio si basano sulla combinazione di dati radio ad alta risoluzione e sensibilità del Very Large Array[25] e dati nei raggi X dei satelliti Chandra[26], XMM-Newton[27] e ROSAT[28].
  • Nel 2019 ha ricevuto il premio “Paola De Paoli – Camillo Marchetti” dell’Ugis [29].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Gruppo Astrofili di Montelupo, su gruppoastrofilimontelupo.com. URL consultato il 22 aprile 2019.
  2. ^ Nuovo Gruppo Astrofili Arezzo, su arezzoastrofili.it.
  3. ^ (EN) M.P.C. 68448 del 30 gennaio 2010
  4. ^ I nostri laureati A.A. 2005/2006, Dipartimento di Astronomia, Università di Bologna. URL consultato il 9 dicembre 2010.
  5. ^ Sito web dell'European Southern Observatory, su eso.org.
  6. ^ Cosmo, Blue Financial Communication Space.
  7. ^ D. Guidetti., RADIOGALASSIE la voce dell’Universo, Gruppo B editore srl, Le Stelle, nr 102.
  8. ^ D. Guidetti, Tante stelle neonate spiate al radiotelescopio, Gruppo B editore srl, Le Stelle, nr 130.
  9. ^ Daria Guidetti Schede Biografiche degli Autori e Collaboratori di Coelum Astronomia, su coelum.com.
  10. ^ Daria Guidetti, La Croce del Nord è (ancora) una bella signora, in Coelum Astronomia, n. 186, 2014, p. 56.
  11. ^ Sito web del Centro Visite Marcello Ceccarelli, Medicina (BO), su centrovisite.ira.inaf.it.
  12. ^ Sito web de Il Linguaggio della Ricerca, CNR di Bologna, su bo.cnr.it.
  13. ^ Sito web del CNR-Area della Ricerca di Bologna, su bo.cnr.it.
  14. ^ Ufficio Stampa - RAI2: QUELLI CHE IL CALCIO, su www.ufficiostampa.rai.it. URL consultato il 28 novembre 2016.
  15. ^ Ufficio Stampa - RAI2: QUELLI CHE, su www.ufficiostampa.rai.it. URL consultato il 28 novembre 2016.
  16. ^ Reteconomy, Destinazione Spazio: Trailer, su Reteconomy. URL consultato il 7 aprile 2018 (archiviato dall'url originale l'8 aprile 2018).
  17. ^ COSMO, su bfcvideo.com.
  18. ^ Blue Financial Communication, su bluefinancialcommunication.com.
  19. ^ D. Guidetti, Campi magnetici, su store.corriere.it, 2019.
  20. ^ VIAGGIO NELL’UNIVERSO – Scoperte e segreti dell’astrofisica, collana di divulgazione astronomica Editore RCS MediaGroup, su store.corriere.it.
  21. ^ Campi magnetici - VIAGGIO NELL’UNIVERSO, su store.corriere.it. URL consultato il 15 febbraio 2020.
  22. ^ Terza Edizione del Premio Nazionale Vincenzo Ferraro, su surrentum.com.
  23. ^ Società Italiana di Fisica, su sif.it.
  24. ^ Guidetti, D.,, Magnetic fields around radio galaxies from Faraday rotation measure analysis, su amsdottorato.unibo.it, Alma Mater Studiorum Università di Bologna, Dottorato di ricerca in Astronomia, XXIII Ciclo.
  25. ^ Karl Guthe Bansky Very Large Array, National Radio Astronomy Observatory, su public.nrao.edu.
  26. ^ Chandra X-ray Observatory, su chandra.harvard.edu.
  27. ^ XMM-Newton Space Observatory, su sci.esa.int.
  28. ^ ROentgen SATellite, su heasarc.gsfc.nasa.gov.
  29. ^ Assegnati 18mila euro a 4 giornalisti scientifici