Dan Ekner

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Dan Ekner
Ekner.jpg
Nome Dan Heiner Ekner
Nazionalità Svezia Svezia
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Attaccante
Ritirato 1963
Carriera
Squadre di club1
1945-1946 Örgryte ? (?)
1946-1947 Halmia ? (?)
1947-1949 IFK Göteborg ? (?)
1949-1950 Portsmouth 5 (0)
1950-1951 O. Marsiglia 27 (8)
1951-1953 Fiorentina 60 (11)
1953-1954 SPAL 31 (5)
1954-1955 Chicago Vikings ? (?)
1955-1956 Atlético Madrid 0 (0)
1956-1958 Rot-Weiss Essen 25 (1)
1958-1960 PSV 23 (2)
1960-1962 Örgryte ? (?)
1962-1963 Västra Frölunda ? (?)
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 16 febbraio 2009

Dan Heiner Ekner (Göteborg, 5 giugno 1927Göteborg, 17 aprile 1975) è stato un calciatore svedese.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Gunnar Gren, Gunnar Nordahl, Nils Liedholm, Ivar Eidefjäll e Dan Ekner alla radio svedese, 1951.

Raggiunge la notorietà giocando nell'IFK Göteborg, club nel quale militava anche Gunnar Gren. Ma in precedenza Ekner aveva militato nel Örgryte - squadra di Göteborg di seconda divisione nella quale militava anche Hasse Jeppson - ed era passato nel 1946 nella massima serie con il IS Halmia che si classificò settimo, prima di passare nel 1947 nella squadra maggiore della sua città. Nel 1949 conosce il suo primo trasferimento all'estero giocando in Inghilterra nel Portsmouth in Premier League nel 1949. L'anno successivo è al Olympique Marsiglia. Nel 1951 giunge in Italia, alla Fiorentina con cui in due anni gioca 60 partite realizzando 15 reti. Nel 1953 passa alla SPAL, fortemente voluto da Paolo Mazza, con cui gioca un campionato da titolare che si conclude con il successo di Roma, nello spareggio per non retrocedere, contro il Palermo.

Nel 1954 Ekner lascia Ferrara e l'Italia, va negli Stati Uniti dove intraprende una nuova attività di commercio dei metalli[1], e continua a giocare nel Chicago Vikings. Tornato in Europa nel 1955, veste la maglia dell'Atletico Madrid. Passa successivamente in Germania con i campioni tedeschi del Rot-Weiss Essen al fianco di Helmut Rahn con il quale giocò anche in Coppa dei Campioni.

In seguito, nel 1958, è nei Paesi Bassi con il PSV Eindhoven. Ritorna in Svezia, dopo aver giocato - da autentico globetrotter del calcio - in 7 nazioni e 2 continenti, militando di nuovo nell'Örgryte e poi in un'altra squadra della sua città, il Västra Frölunda, concludendo con il calcio giocato alla soglia dei 40 anni.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Gazzetta dello Sport, 6 maggio 1955, pagina 3

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  • Dario Marchetti (a cura di), Dan Ekner, su Enciclopediadelcalcio.it, 2011.