Cyril Davies

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Cyril Davies
NazionalitàRegno Unito Regno Unito
GenereBlues rock
British blues
Electric blues
Rock and roll
Skiffle
Periodo di attività musicale1956 – 1964
Strumentoarmonica a bocca chitarra, banjo
GruppiBlues Incorporated, Cyril Davies All-Stars
Album pubblicati4
Live1

Cyril Davies (Willowbank, 23 gennaio 1932Londra, 7 gennaio 1964) è stato un cantante e armonicista inglese, uno dei maggiori artefici del fenomeno del British Blues.

Note Biografiche[modifica | modifica wikitesto]

Cyril Davies è stato un musicista fondamentale per la diffusione del Blues in Inghilterra e nella sua pur breve esistenza contribuì in maniera determinante alla nascita del fenomeno del British Blues. È stato un cantante dalla potente voce e chitarrista, uno dei primi a suonare l'armonica a bocca e il banjo.

Targa in ricordo dell'Ealing Club

Nacque a Willowbank, Buckinghamshire, vicino a Londra, da una famiglia di origine gallese. Negli anni cinquanta iniziò la sua carriera in un gruppo acustico di skiffle e blues con Alexis Korner, ascoltando Chris Barber's Skiffle Group e Lonnie Donegan, partecipando a volte ai loro concerti. Nel 1962, Davies e Alexis Korner aprirono un club chiamato Ealing Jazz Club a Londra, dove suonavano: Cyril al banjo, voce e armonica a bocca e Alexis alla voce e chitarra. A questa nuova band si unirono i primi di una lunga serie di giovani musicisti che poi sarebbero diventati importanti per la scena musicale inglese: Jack Bruce al basso, Dick Heckstall-Smith ai fiati e Charlie Watts alla batteria.

Formarono una delle prime band elettrificate, la Blues Incorporated. Il loro primo disco fu registrato durante una loro esibizione al Marquee, un altro nuovo locale londinese che era frequentato dai giovani. Il risultato fu il disco Alexis Korner's Blues Incorporated - R&B from the Marquee. Altri giovani musicisti che suonarono con loro (o come membri della Blues Incorporated o occasionalmente nei club o nei concerti) sono stati Long John Baldry, Rod Stewart, Paul Jones, Ronnie Wood, Keith Richards, Eric Burdon, Mick Jagger, Brian Jones e Ginger Baker, solo per citarne alcuni. Ma le divergenze musicali tra i due leader si fecero a un certo punto insanabili: Alexis era più aperto a forme diverse di musica, oltre al blues, mentre Cyril era vincolato, da purista, al Chicago Blues. Quest'ultimo decise di andarsene e nell'ottobre 1962 formò una sua formazione, la Cyril Davies All-Stars, ribattezzata poi R&B All-Stars. Tra la fine del 1962 e il 1963, con lui e la sua nuova formazione, incisero i chitarristi Jimmy Page e Jeff Beck e il pianista Nicky Hopkins. Cyril Davies morì di una forma acuta di leucemia nel gennaio 1964. Long John Baldry continuò la sua opera, gestendo il suo gruppo R&B All-Stars per un po' e poi convertendolo in Hoochie Coochie Men.

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

  • 1957 - Cyril Davis Blues from The Roundhouse su LP da 10" ristampato come The Legendary Cyril Davis (1970) e come Alexis Korner & Cyril Davis (1984)
  • 1962 - Alexis Korner's Blues Incorporated - R&B from the Marquee - LP e CD - Londra 1962 nel locale Marquee
  • 1962 - Alexis Korner's Blues Incorporated - R&B from the Marquee ... plus - CD - Londra 1962 con 5 bonus tracks
  • 1963 - Alexis Korner's Blues Incorporated - Alexis Korner's Blues Incorporated LP
  • 1972 - Alexis Korner - Bootleg Him 2 LP - CD - dal 1961 al 1971 - inediti con il meglio dei musicisti rock-blues inglesi
  • 2003 - Alexis Korner - Musically Rich ... and Famous - Anthology 1967-1982 CD Antologia dal 1967 al 1982 senza inediti
  • 2004 - Alexis Korner's Blues Incorporated - Alexis Korner's Blues Incorporated CD - 1963 con 6 bonus tracks
  •  ???? - Alexis Korner - Korner Stoned - The Alexis Korner Anthology 1954-1983 - antologia con inediti anche dal primo periodo skiffle e della Blues Incorporated.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • M. Bane, White boy singin' the blues, London: Penguin, 1982, ISBN 0-14-006045-6.
  • Bob Brunning, Blues: The British Connection, Helter Skelter Publishing, London 2002, ISBN 1-900924-41-2 - Prima edizione 1986 - Seconda edizione 1995 Blues in Britain
  • Bob Brunning, The Fleetwood Mac Story: Rumours and Lies, Omnibus Press London, 1990 e 1998, ISBN 0-7119-6907-8
  • Martin Celmins, Peter Green - Founder of Fleetwood Mac, Sanctuary London, 1995, prefazione di B.B.King, ISBN 1-86074-233-5
  • L. Fancourt, British blues on record (1957–1970), Retrack Books.
  • Dick Heckstall-Smith, The safest place in the world: A personal history of British Rhythm and blues, 1989 Quartet Books Limited, ISBN 0-7043-2696-5 - Seconda Edizione: Blowing the Blues - Fifty Years Playing the British Blues, 2004, Clear Books, ISBN 1-904555-04-7
  • Christopher Hjort, Strange brew: Eric Clapton and the British blues boom, 1965-1970, prefazione di John Mayall, Jawbone 2007, ISBN 1-90600-200-2
  • Paul Myers, Long John Baldry and the Birth of the British Blues, Vancouver, 2007, GreyStone Books, ISBN 1-55365-200-2
  • Harry Shapiro, Alexis Korner: The Biography, Bloomsbury Publishing PLC, London, 1997, Discografia di Mark Troster, ISBN 0-7475-3163-3
  • R. F. Schwartz, How Britain got the blues: The transmission and reception of American blues style in the United Kingdom Ashgate, 2007, ISBN 0-754655806.
  • Mike Vernon, The Blue Horizon story 1965-1970 vol. 1, note del libretto del Box Set

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF: (EN37113289 · ISNI: (EN0000 0000 4633 8008 · LCCN: (ENno98011921 · BNF: (FRcb14005925r (data)