Cratos

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Kratos.
Cratos
Nome orig.Κρατος
Epiteto"Potenza"
SessoMaschio
ProfessioneDivinità della potenza

Cratos (in greco antico: Κρατος) è un personaggio della mitologia greca, la personificazione della Potenza e figlio del titano Pallante e della ninfa Oceanina Stige[1].

Geneaolgia[modifica | modifica wikitesto]

E' fratello di Nike, Zelo e Bia[1].

Mitologia[modifica | modifica wikitesto]

Con i fratelli si alleò con Zeus nella lotta contro i Titani. Viene citato insieme a Bia da Eschilo nel Prometeo incatenato, dove viene incaricato di incatenare Prometeo ad una rupe. Inoltre, sempre nella Teogonia, Cratos e Bia accompagnavano Zeus ovunque, come simbolo del suo potere[2].

Nella cultura di massa[modifica | modifica wikitesto]

Il mito di Cratos è ripreso nel personaggio di Kratos, protagonista del videogioco God of War dove invece Kratos libera Prometeo uccidendolo e si schiera dalla parte dei Titani nella lotta contro gli dèi dell'olimpo. Inoltre, questo Kratos è figlio di Zeus e di una mortale, Callisto, non di Pallante e Stige, ed è fratello di Dèimos; nel mito greco, Cratos e Dèimos non avevano né parentela né altro legame. Esso appare anche nel videogioco per Sony PlayStation 3 e PlayStation Vita chiamato PlayStation All-Stars Battle Royale come rappresentante del già citato videogioco God Of War assieme a suo padre Zeus.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Mitologia greca Portale Mitologia greca: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mitologia greca